A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.37: La Finanziaria e il governo. Lasci ateci lavorare!

Date Wed, 21 Nov 2007 08:59:39 +0100 (CET)


Le parole di Almunia sull'Italia alla fine dell'ultimo Eurogruppo avevano
provocato la reazione di Prodi che - rivolto all'Ue - aveva detto: "Lasciateci
lavorare".
Colpisce il fatto che un democristiano di antico ceppo come Romano Prodi abbia
risposto a Joaquin Almunia con cotanta secchezza e, soprattutto, che avesse
ripreso una frase del suo non compianto predecessore.
Il commissario Ue agli Affari economici e monetari, Joaquin Almunia, aveva,
infatti, parlato di "ottime notizie" per quanto riguarda paesi come Italia e
Portogallo che nel 2007 riporteranno il deficit sotto il 3%. "Ma - aveva
aggiunto - nonostante gli sforzi fatti finora siano molto positivi, in alcuni
paesi c'è una sorta di rallentamento". In particolare "in Italia e in Francia
sul fronte del deficit strutturale non c'è alcun miglioramento per il 2008".
Inoltre, aveva aggiunto Almunia, "e tutti gli Stati membri che hanno avuto
degli utili imprevisti (leggi: "tesoretto", ndr) li avessero usati interamente
per il consolidamento delle finanze pubbliche i risultati sul fronte dei conti
sarebbero stati certamente migliori".

In altri termini, il governo italiano è accusato dalla tecnoburocrazia europea
di aver "largheggiato" in occasione della Finanziaria 2008 e, in altri termini,
di non aver replicato la macelleria sociale che aveva caratterizzato la
finanziaria dell'anno scorso.

È un fatto che il buon Almunia, come i suoi compagni di merenda, non deve fare
i conti, come il nostro eroe, con un crescente scontento sociale, per un verso,
e, se non bastasse, con un parlamento, ivi compresa la maggioranza, che più che
mai sembra un circo equestre.

D'altro canto, è prassi consolidata l'alternare ad una Finanziaria "pesante"
una "leggera" tenendo fermo il principio che le leggi finanziarie qualcosa ai
lavoratori ed agli strati sociali a basso reddito devono, nel complesso,
togliere.

Grazie ad alcune, moderate concessioni, ad oggi, il governo ha portato a casa
il voto favorevole della sinistra "radicale".

Ad esempio, il ministro dell'ambiente Alfonso Pecoraro Scanio ha dichiarato, a
proposito del voto finale: "Credo che tutti debbano valutare i singoli
emendamenti, ma poi devono avere una lealtà rispetto al mandato che hanno avuto
dagli elettori. Nessuno ha il diritto di sfilarsi da un impegno preso con i
cittadini". Di conseguenza i Verdi non si sfileranno.

Più significativamente, il segretario di Rifondazione comunista, Franco
Giordano, leader del principale partito che ha organizzato la manifestazione
del 20 ottobre, afferma sempre a proposito del voto: "Non abbiamo mani libere
al contrario di Dini. Siamo impegnati rispetto al Programma e diamo sostegno
alla Finanziaria".

"Al contrario di Dini" quest'affermazione è, a mio avviso, fondamentale. La
sinistra radicale denuncia le manovre degli orridi centristi ed in primo luogo
del Rospo per far cadere il governo da destra e ne trae l'unica conseguenza
logica, il governo va comunque sostenuto. Quanto questa considerazione sia
condivisa dalla base sociale del PRC è tutto da vedere ma tant'è, il richiamo
all'ordine ha sovente funzionato e Giordano ci prova per l'ennesima volta.

A proposito di Dini, vale la penna di leggere quanto scrive "L'Unità" dell'11
novembre: "Lamberto Dini, infatti, ...continua a ripetere che dirà no a una
manovra economica troppo "spendacciona" e rilancia. "Mi riservo fino all'ultimo
il giudizio complessivo sulla Finanziaria... noi abbiamo le mani libere". Per
scongiurare l'eventualità del voto negativo di Dini, il centrosinistra è pronto
ad accogliere quasi tutte le sue richieste. Il nodo delle assunzioni dei
precari della pubblica amministrazione, come ha spiegato il relatore Legnini, è
stato sciolto accogliendo un emendamento del braccio destro di Dini Natale
D'Amico, opportunamente modificato.

Non ci sarà una sanatoria indiscriminata: i precari con un contratto a termine
dovranno superare una selezione, mentre i co.co.co avranno diritto a un
punteggio da far valere nei prossimi concorsi. Il punto è che Dini non si
accontenta: sul tappeto, insiste, ci sono altri nodi. In primis quello del
tetto degli stipendi dei manager pubblici, al quale è totalmente contrario in
nome della difesa della qualità nello Stato; quindi quello della copertura
della norma che abolisce i ticket. Il relatore Legnini casca dalle nuvole:
«Nessuna copertura è stata passata ai raggi x come quella per l'abolizione dei
ticket».

Insomma, la Legge Finanziaria, oltre a non prevedere finanziamenti adeguati per
il rinnovo, in ritardo o in scadenza, dei contratti dei pubblici dipendenti non
da garanzie nemmeno per l'assunzione dei precari mentre ancora ci si scontra
sul taglio delle retribuzioni dei manager pubblici e il taglio dei costi della
politica si è ridotto ad un taglietto.

Saremmo, quindi, di fronte ad una finanziaria diniana. Fuor di celia, è chiaro
che Dini ha reso un ultimo servizio alla maggioranza assumendosi l'onore e
l'onere di bloccare le pur modeste concessioni che la cosa rossa aveva
spuntato.

A breve conosceremo il testo definitivo e sarà possibile una valutazione più
approfondita dell'assieme della Legge Finanziaria ma già oggi possiamo
verificare come, e non è una grande scoperta, dal dibattito parlamentare è
sortito il solito mostriciattolo.

Sul piano politico si tratta, di conseguenza, di lavorare perché lo scontento
generico si trasformi in opposizione e lotta.

Cosimo Scarinzi


Da Umanità Nova, n.37 del 18 novembre 2007, anno 87
http://www.ecn.org/uenne

________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center