A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.37: Verso un nuovo stato autoritario. Il feticcio della sicurezza

Date Tue, 20 Nov 2007 08:54:55 +0100 (CET)


Bologna, ottobre 2005, Cofferati fa sgomberare le baracche sulle rive del
fiume Reno, dove si rifugiano prevalentemente romeni clandestini.
Opera, provincia di Milano, dicembre 2006, 400 cittadini danno fuoco ad un
campo rom regolarmente costruito, senza alcuna reazione da parte delle
istituzioni.
Milano, febbraio-marzo 2007, numerose manifestazioni organizzate dai comitati
di quartiere o direttamente dal sindaco, chiedono a gran voce più polizia e
sostengono l'equazione immigrati = criminali.
Pavia, settembre 2007, vengono cacciati dei rom rumeni da una folla inferocita
che urla "alle camere a gas".
Firenze, ottobre 2007, il sindaco Dominici fa un'ordinanza in cui si prevede
l'arresto per chi sta ai semafori a lavare i vetri.

Torino, ottobre 2007, viene bruciato un campo rom.

Per ultimo gli eventi romani, con le reazioni del governo di centro-sinistra
che, al completo, vota un decreto sicurezza terrificante, già analizzato nello
scorso numero di UN ed anche nel presente.

Che cosa sta accadendo in Italia? Che cosa c'è dietro questo allarmismo sempre
più crescente, questo odio razzista montante nella società che inneggia alle
deportazioni di massa, alla vendetta, che cosa c'è dietro questo delirio
fomentato da giornalisti criminali e cavalcato da politicanti (compreso Beppe
Grillo) e politici di "razza" (come Veltroni)?

Sicuramente non è facile per gente come noi riprendersi da queste ondate,
alcune volte si ha la netta sensazione che se provi a contrapporti
pubblicamente, potresti rischiar grosso.

Qualcuno ci prova, si organizzano qua e là nella penisola qualche presidio
contro il razzismo dilagante, contro il decreto sicurezza e in solidarietà con
i rom. Ma a dir il vero, sono molto poco frequentati.

Ma uno sforzo è necessario farlo, proprio in questa direzione. Così ben
vengano questi presidi o anche iniziative come questa di UN, per cercar di
reagire e riflettere insieme.

Guardando l'elenco all'inizio dell'articolo, a cui mancano sicuramente molte
altre notizie, viene in mente che ci troviamo di fronte ad un concatenarsi di
eventi non casuale. Sono troppi e sempre di più coinvolgono larghi strati di
popolazione, appartenenti alle classi subalterne.

Non è un caso che l'estrema destra sta crescendo sull'onda di questi rigurgiti
razzisti dal basso. Intervengono e sono tra i promotori di fiaccolate e
manifestazioni. Sono in prima fila nell'organizzare ronde e azioni punitive.
Ed il tutto con il plauso sempre più esplicito di settori di popolazione.
Ormai possiamo vedere i loro manifesti anche in quartieri che prima erano
off-limits per loro.

Non penso che ci sia il fascismo alle porte, non ritengo che nessuna delle
attuali organizzazioni di estrema destra abbia la possibilità concreta di
crescer a tal punto da ripercorrere la strada che fu intrapresa dal vecchio
partito di Mussolini. In Italia ed in Europa, ancora non c'è una tale
situazione di crisi e di contraddizioni, da spingere nuovamente ampli settori
sociali verso il fascismo.

Ma ciò non vuol dire che la situazione sia meno grave. Se sempre più giovani
dei quartieri periferici entreranno in contatto con i fascisti e si nutriranno
di sentimenti xenofobi ed antisociali, se si moltiplicheranno i focolai
razzisti e forcaioli, questo significa che si diffonderà sempre di più una
mentalità ed una "cultura" fascistoide nella società.

Tutto questo è voluto dal potere che ne profitterà ampliamente, con il
centro-destra o il centro-sinistra. Non c'è bisogno di immaginare, è già
davanti ai nostri occhi. Il disegno di uno stato "democratico" sempre più
autoritario, sempre più onnipotente, in cui il potere esecutivo, prevarrà
sempre di più sugli altri poteri, è presente. L'ipotesi di uno stato che
restringerà sempre di più gli spazi di libertà per le classi subalterne, per
gli individui e per il dissenso, è in atto. La realtà di uno stato che, per
tenere il consenso, demolisce e distrugge le baracche dove si annida la
miseria e la disperazione, esiste già. E questo lo fa e lo farà con il plauso
della folla, che grida ed esige le espulsioni di massa e la caccia allo
straniero, che vuole ed esige più polizia e più carcere.

E dato che questa operazione non deve esser lasciata alla destra, la sinistra
la sta facendo propria. Così abbiamo un Veltroni che un anno va nelle
baraccopoli africane ad abbracciare i bambini, l'anno dopo fa sgomberare
quelle della città di cui è sindaco, con i bambini dentro.

Così abbiamo Rifondazione Comunista, che pur di non lasciar cadere il governo,
ci sta e vota, anzi grida vittoria per il solo fatto che il decreto rispetterà
le normative europee e che saranno i giudici monocratici a ratificare le
espulsioni.
In poche parole, meglio che sia "la sinistra" a costruire lo stato autoritario
piuttosto che lo faccia la destra. Ma per chi sta in basso, cosa cambia?

Per noi anarchici e libertari è un'ennesima dimostrazione della natura del
potere, ma anche una nuova battaglia da combattere, se possibile non in
solitudine ma cercando il più gran numero di alleanze necessarie.

Riccardo Bonelli


Da Umanità Nova, n.37 del 18 novembre 2007, anno 87
http://www.ecn.org/uenne

________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center