A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Israele-Palestina: Lungo weekend degli attivisti di Anarchici Contro Il Muro [en]

Date Fri, 9 Nov 2007 16:02:43 +0100 (CET)


A Bil'in, venerdì 2 novembre, manifestazione numero 142. Si è svolta come le
precedenti (come riportato in diversi siti come ainfos.ca, anarkismo.net,
infoshop.org, israel.indymedia.org). La novità era costituita dalla presenza di
un contingente di attivisti francesi e dal non verificarsi della solita tattica
delle forze di Stato che porta drappelli di soldati ad introdursi tra gli ulivi
che si trovano tra il muro ed il villaggio allo scopo di provocare i giovani
lanciatori di pietre.
Altre azioni del venerdì si sono svolte a Tel Aviv. La prima è stata una grossa
dimostrazione per il diritto di asilo ai profughi soprattutto del Darfur, i
quali vengono trattati in modo razzista come appunto ci si può aspettare da uno
Stato come Israele. Gli attivisti di Anarchici Contro Il Muro si sono impegnati
da 2 mesi a questa parte in attività di organizzazione ed aiuto ai profughi del
Darfur e da altri paesi richiedenti asilo, cercando di coinvolgere altri
cittadini israeliani.

Un compagno presente alla manifestazione ha scritto il seguente testo:

"Oggi in Israele ci sono circa 3.000 profughi che chiedono asilo; la maggior
parte di loro sono africani ma ce ne sono anche da Birmania, Iraq ed altri
paesi. Lo Stato di Israele non ha una politica ufficiale e nemmeno una legge
per affrontare queste situazioni (sebbene sia vincolato a certe norme
internazionali, cerca in tutti i modi di non rispettarli). La maggior parte dei
profughi sono sotto la minaccia della deportazione nel paese di origine, con
morte sicura una volta lì. La mattina di domenica 4 novembre, alcuni illuminati
parlamentari proporranno alla Knesset di prendere in considerazione la
definizione dello status di rifugiato e di richiedente asilo in Israele.
Venerdì 2 novembre, circa 1.000 persone hanno marciato attraverso la via
principale di Tel Aviv, il Rothschild Boulevard. Israeliani, eritrei, sudanesi,
burmesi, congolesi, liberiani e molti altri hanno manifestato contro la
deportazione dei rifugiati e per la legalizzazione dello status di rifugiato in
Israele. Durante la manifestazione si sono aggregati molti israeliani fino alla
sua conclusione di fronte alla cinemateca per un concerto di gruppi di
rifugiati e di israeliani."

La seconda azione si è svolta pure in Rothschild Boulevard, indetta dal fronte
per la liberazione dello spazio pubblico.

Oggi (venerdì, 2 nov.) attivisti autonomi hanno rimosso uno dei globi in Viale
Rothschild per rimetterlo davanti alla Camera di Commercio in segno di protesta
contro l'abuso dello spazio pubblico. Negli anni recenti la globalizzazione ed
il nuovo ordine del capitale neo-liberista si sono manifestati nel Rothschild
Boulevard. Vari oggetti spacciati quali "opere d'arte" sono stati collocati
lungo Rothschild Boulevard al servizio delle pubbliche relazioni per i grandi
affari. Questa volta sono stati deposti grossi globi lungo tutto il viale.

In un'azione diretta venerdì, uno dei globi è stato rimosso dal suo sito e
riportato in prossimità degli uffici della Camera di Commercio. Gli attivisti
hanno avvertito che se il Comune di Tel Aviv permetterà che il grande business
si impossessi degli spazi pubblici collocando i propri simboli scultorei
spacciandoli per opere d'arte, si procederà alla loro rimozione.

Sabato 3 novembre, come in altre occasioni, l'obiettivo è stato quello dei
blocchi stradali che impediscono lo spostamento in auto dei palestinesi
all'interno dei territori occupati da un villaggio all'altro, da una strada
all'altra. Sono i cosiddetti blocchi interni.

L'obiettivo scelto era un blocco stradale che taglia il traffico da Beit Umar
ed altri villaggi attraverso l'incrocio di Gabah.

Abbiamo viaggiato insieme - palestinesi, attivisti internazionali ed attivisti
di Anarchici Contro Il Muro - lungo la strada dei villaggi tra la superstrada
60 e quella vicina che passa vicino Gabah. Siamo arrivati all'incrocio ed
abbiamo iniziato a rimuovere il blocco stradale. Prima abbiamo spostato le
piastre di calcestruzzo ai lati della strada, poi abbiamo iniziato a spostare i
blocchi di roccia della seconda linea del blocco.

Mentre eravamo lì, è passato un carro armato con tre soldati israeliani che ci
ha intercettato. Ci hanno ordinato di smettere... ma noi gli abbiamo riso in
faccia, dal momento che l'unico mezzo che avevano per obbligarci a smettere era
quello di spararci addosso, cosa che però gli era impedita dalla presenza di
cittadini israeliani mischiati con i palestinesi.

Quando eravamo ormai riusciti ad aprire un varco nel blocco stradale, sono
giunti i rinforzi militari e abbiamo deciso che non era il caso di misurarci in
un confronto fisico con loro, per cui siamo ripartiti con le nostro auto. Le
forze di Stato che sono state addestrate a tenere un basso profilo nell'area
dei blocchi stradali, non hanno nemmeno cercato di fermare nessuno di noi.

Domenica 4 novembre è stata un'altra giornata di azione contro l'occupazione
israeliana dello spazio palestinese. Come nelle settimane passate, l'azione era
vicino alla galleria sotto la strada 443 dei coloni israeliani, a cui è vietato
l'accesso per i palestinesi residenti nella regione. Tutte le uscite delle
strade palestinesi sulla 443 sono bloccate. Non solo, ma quasi tutta la strada
è recintata sui lati lungo il percorso all'interno dei territori occupati,
costringendo i palestinesi ad usare strade secondarie per aggirare i blocchi
tra i villaggi e tra questi con il capoluogo di regione, Ramallah.

Questa volta era stata fatta un sacco di propaganda per questa azione vicino
alla galleria sotto la 443, unico passaggio per i palestinesi. Perciò c'erano
molti partecipanti dai villaggi vicini, ma anche un grosso dispiegamento di
forze di Stato. Le quali hanno subito cercato di impedire agli Anarchici Contro
Il Muro di unirsi ai manifestanti palestinesi, fermandoci a due blocchi
stradali. I carri armati impedivano l'ingresso a piedi al luogo della
manifestazione.

Eppure, nonostante gli sforzi dell'esercito, gli attivisti di Anarchici Contro
Il Muro sono riusciti ad unirsi alla manifestazione anche se con un po' di
ritardo.


Ilan Shalif (Anarchists Against The Wall)
http://awalls.org

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali
http://www.fdca.it/wall


Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca@fdca.it>

________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center