A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Messico: A Oaxaca niente di nuovo?

Date Wed, 23 May 2007 13:07:37 +0200 (CEST)


Lontano dagli obiettivi delle telecamere, la repressione a Oaxaca continua.
L'ultimo caso è quello di David Venegas Reyes, membro del Consiglio Statale
della APPO e di Voci Oaxaqueñe Costruendo Autonomia e Libertà (VOCAL).
Arrestato il 13 aprile a Oaxaca, picchiato durante e dopo l'arresto, David è
tuttora detenuto sulla base di accuse espressione di una montatura politica.
Secondo la versione ufficiale David avrebbe insultato alcuni poliziotti per
strada. L'arresto sarebbe scattato in seguito al ritrovamento nella sua borsa
di sostanze stupefacenti. 8 ore dopo l'arresto (avvenuto alle 13.15) David è
stato consegnato all'Unità Mista di Attenzione al Narcotraffico (UMAN); la
mattina successiva (14 aprile), dopo aver subito un interrogatorio di 5 ore è
stato trasferito nel penitenziario di Ixcotel, dove gli è stato notificato un
mandato d'arresto per il danneggiamento del palazzo di giustizia di Oaxaca
avvenuto il 25 novembre 2006.
In sintesi, David Venegas Reyes si trova in carcere accusato di una pluralità
di delitti: spaccio, devastazione, sedizione, e resistenza a pubblico
ufficiale.

Questi sarebbero i "fatti".

Questi fatti, a cominciare dalle circostanze del suo arresto, sono falsi.

David è stato aggredito da 8 individui in divisa mentre camminava per strada in
compagnia di Isaac Torres Carmona, avvocato della Lega Messicana per la Difesa
dei Diritti Umani (LIMEDDH) di Oaxaca. Senza alcun motivo apparente i
poliziotti, pistole alla mano, l'hanno costretto a sdraiarsi e, una volta a
terra hanno cominciato a picchiarlo e a insultarlo. Alle proteste dell'avvocato
Carmona i poliziotti hanno reagito minacciando quest'ultimo di arresto. Poi,
dopo aver costretto David a salire su un pick-up bianco privo di targa, sono
partiti per destinazione sconosciuta. Per tutto il pomeriggio del 13, e fino
alla mattina successiva non si sono avute notizie del luogo di detenzione di
David. Solo alle tre della mattina del 14 aprile, quando ormai la campagna
stampa contro di lui era già cominciata, gli è stato permesso contattare la
famiglia. Durante tutto questo tempo, benché sottoposto ad interrogatorio David
non solo non ha potuto contattare il suo avvocato ma è stato oggetto di
ulteriori maltrattamenti, essendosi rifiutato di farsi fotografare con la busta
di droga che i poliziotti sostengono di avergli trovato addosso al momento
dell'arresto e di cui David non conosce la provenienza.

L'arresto arbitrario di David è stato condannato da Amnesty International in un
comunicato che esprimendo preoccupazione per le condizioni della sua detenzione
afferma anche che le accuse a lui rivolte si basano su prove che "sembrano
falsificate". Nello stesso comunicato AI esprime anche preoccupazione per
l'incolumità di Isaac Torres Carmona e di "altri attivisti politici e difensori
dei diritti umani dello stato di Oaxaca".

Da parte sua, il Segretariato Internazionale della OMCT (Organizzazione
Mondiale Contro la Tortura) ha manifestato le sue preoccupazioni per la
sicurezza e la integrità fisica e psicologica di David Venegas Reyes e delle
persone che erano presenti al momento dei fatti, in particolare Isaac Torres
Carmona, titolare del Area Giuridica della LIMEDDH-OAXACA. L'OMCT fa inoltre
presente che durante il passato 25 di novembre, in occasione delle
manifestazioni contro le politiche instaurate dal governatore di Oaxaca,
Ulises Ruiz Ortiz, molte persone (350) furono detenute e torturate. Ad oggi 43
di queste sono ancora detenute senza motivo e non sono state interrogate dal
magistrato competente.

Con l'arresto di David Venagas Reyes, le autorità messicane non vogliono
colpire solamente l'APPO ma uno dei suoi membri che alla luce del sole si è
battuto per difendere l'autonomia del movimento dai partiti e da derive
elettoralistiche e per questo motivo è stato accusato di voler dividere il
movimento. Ma a voler dividere il movimento, sono certamente le autorità
messicane, come denunciato da David stesso in una lettera del primo maggio. Un
rappresentante del governatore di Oaxaca hanno proposto, in cambio di un
miglioramento delle sue condizioni carcerarie, di intercedere con alcuni membri
della sua famiglia, anch'essi attivisti del movimento, per convincerli di
adottare un atteggiamento più dialogante con loro. Proposta che David ha
nettamente rifiutato: «So che una concezione pragmatica della politica
indicherebbe che dovrei "dialogare", mantenere segreta questa visita, e
provare, fin dove la mia dignità lo permettesse, ad ottenere la mia libertà ed
evitare di essere "distrutto". Io però, non sono un politico, e per me tra
pragmatismo politico, negoziazione e tradimento non c'é molta differenza.»

www.coordinadora.it
12.05.07


Da http://loscemodelvillaggio.splinder.com/


_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center