A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Comunicato FdCA: Serre - le comunità locali rispondono con la resistenza e l'autoges tione alla cinica e autoritaria violenza dello Stato

Date Mon, 21 May 2007 13:33:27 +0200 (CEST)


Mentre va in scena il ridicolo siparietto primaverile dei DiCo-non DiCo,
dove la "sinistra italiana" fa la parte di Pulcinella, dietro le quinte,
nella salernitana Serre, va in scena l'ennesima puntata di una
tragi-commedia infinita.
Le altre puntate, iniziate e non ancora finite, le conosciamo già: si
chiamano Val di Susa, Civitavecchia, Dal Molin, Aviano, Variante di
Valico, ecc, fino a quelle antiche, quasi in bianco e nero, come quella di
Sigonella.
Tutte puntate girate in luoghi differenti ma legate da uno stesso filo
conduttore, quello della violenza dello Stato rullo compressore, enorme
caterpillar, che annienta l'autodeterminazione delle comunità,
assoggettandole agli interessi del grande Capitale in combutta con le
mafie locali e/o con le grandi imprese e le grandi cooperative.

Per il capitalismo privato e statale non importa chi sia alla guida del
caterpillar, l'importante è che venga portato a termine, in nome di un
presunto interesse nazionale, l'ennesimo scempio del territorio. Anche se
sembra che ultimamente i migliori piloti, il Capitale li recluti tra le
file del centrosinistra, dopo aver momentaneamente licenziato quelli del
centrodestra, sempre pronto però a riutilizzarli alla bisogna.

Per l'ennesima volta, e qui lo fa nella puntata di Serre, lo Stato ha
mostrato la sua vera natura autoritaria e capitalista. Per l'ennesima
volta il padre-padrone non tollera che gli "immaturi" figli decidano
autonomamente delle loro vite.

Per l'ennesima volta a Serre abbiamo assistito all'irreprensibile
comportamento degli "eroi" in divisa che caricavano pericolosi
"terroristi" di ogni età, colpevoli di difendere il loro diritto alla
salute.

Perché non ci spiegano questi paladini degli interessi nazionali come mai
dopo decenni non ci sia ancora in Campania una politica adeguata al
trattamento dei rifiuti? Forse non possono farlo, perché significherebbe
smascherare anni di connubi con le mafie locali o perché significherebbe
dipanare una intricatissima matassa di intrecci morbosi tra Stato legale e
illegale e potere economico.

Questo ennesimo episodio di intollerante autoritarismo mostra, però, anche
l'altra faccia della medaglia, quella dell'esistenza di forme di resistenza
autogestita, una resistenza che a Serre è andata ben al di la della semplice
negazione, una lotta che ha saputo compiere il salto di qualità
dall'opposizione alla proposizione, dimostrando che le comunità
territoriali
non hanno bisogno di papà Bertolaso ne tantomeno di nonno Bassolino per
decidere dell'organizzazione del loro territorio. Che anzi, se fosse stato
per questi papà lungimiranti, tonnellate di veleni sarrebbero state
cinicamente riversate nella Valle del Sele. I fatti di Serre mostrano
anche, e ancora una volta, che lo Stato, centralizzato e autoritario,
colluso col capitale e le ecomafie, non può essere delegato a risolvere
aspetti legati all'energia e all'ambiente perché in questi ambiti è capace
solo di fare scempi.

Per questo, quindi, i comunisti anarchici e i libertari tutti, presenti e
non presenti all'interno dei movimenti territoriali, devono assumersi il
compito di dare il massimo respiro politico a queste forme di autogestione
e
autodecisione, di denunciare l'eventuale tentativo dei politici di turno di
cavalcare i movimenti e di favorire forme di collegamento federativo tra le
varie realtà di lotta territoriale autogestita, per la creazione di una
coscienza collettiva del diritto alla salute, all'ambiente e per la
diffusione di una cultura antiautoritaria contro tutti i patriarcati.


Federazione dei Comunisti Anarchici
21 maggio 2007

http://www.fdca.it


Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca@fdca.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center