A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino. NO F35 presidio e concerto al Balon sabato 12 ore 10

Date Wed, 9 May 2007 11:55:57 +0200 (CEST)


NO F35, NO ai nuovi bombardieri!
Torino sabato 12 maggio dalle ore 10 presidio al Balon
Info point - arredo urbano - cibo e bevande
Alessio Lega in concerto
* * * * * * * *
Novara sabato 19 maggio ore 14 corteo da piazza Garibaldi (Stazione FS)
L'Italia ha siglato il protocollo sulla produzione dell'F-35 Joint Strike Fighter,
un caccia bombardiere invisibile che può portare anche ordigni nucleari.
Gli aerei verranno assemblati all'aeroporto militare di Cameri, periferia di Novara.
Sono prodotti dalla statunitense Lockheed Martin in migliaia di esemplari per le
forze armate USA e di altri paesi alleati

Le ali e la fusoliera le costruirà a Torino l'Alenia: uno solo di questi
giocattoli di morte costa 100 milioni di euro sottratti a pensioni, sanità,
trasporti, istruzione...

L'Italia ha aderito al progetto fin dal 1996 (primo governo Prodi), lo ha
confermato nel 1998 (governo D'Alema), e nel 2002 (governo Berlusconi)

Cambiano i governi ma non le scelte di guerra

Fermiamo quest'ennesimo progetto di morte!


19 maggio tutti a Novara

No agli F35, No ai nuovi bombardieri!

La scelta dell'aeroporto di Cameri come sito per l'assemblaggio dei micidiali
cacciabombardieri F35 nell'ambito del progetto militare promosso dagli Stati Uniti
d'America e supportato dall'Italia insieme ad altri paesi alleati, è l'ennesima
dimostrazione di come i territori in cui viviamo siano soggetti a una condizione
di permanente servitù militare. Gli interessi del capitalismo nazionale e
internazionale si concretizzano pienamente nell'industria bellica e nella
produzione in scala di sofisticati strumenti di morte perché la guerra è, prima di
ogni cosa, un grosso affare: per gli stati, che attraverso di essa consolidano il
proprio ruolo egemonico sulle vite delle popolazioni e per le lobby delle
industrie di armi, che con le guerre e i conflitti traggono i loro profitti
alimentando una spirale di morte e devastazione.

Il coinvolgimento dell'Italia nella produzione in serie degli F35 nasce nel 1996
con il primo governo Prodi, e oggi - a distanza di undici anni - un altro governo
Prodi ha già dato il via libera alla realizzazione del progetto: una condotta che
conferma l'orientamento bellicista di un esecutivo perfettamente allineato ai
dettami della guerra globale e permanente.

Cameri, già base operativa per innumerevoli missioni militari italiane, rischia di
essere un trampolino di lancio per nuove imprese assassine e sembra che chi
detiene il potere abbia già scritto il destino di questo territorio, un territorio
dalle grandi risorse ambientali che rischia di essere ulteriormente sfregiato.

Opporsi alla guerra significa, innanzi tutto, opporsi alle produzioni di morte
denunciando le menzogne di chi sostiene che l'industria militare sia una fonte di
benessere e occupazione da salvaguardare: va ribadito con forza che non è
ricchezza quella prodotta costruendo aerei che domani bombarderanno popolazioni
inermi e che alimenteranno ovunque la spirale di guerra e terrorismo, e di certo
non è benessere quello che si ottiene devastando l'ambiente con l'installazione di
nuove fabbriche attrezzate per l'assemblaggio di apparecchi in grado di
trasportare testate nucleari.

La manifestazione del prossimo 19 maggio promossa dal Coordinamento contro gli
F-35 costituisce dunque un'importantissima occasione per rilanciare le
mobilitazioni contro la guerra e riportare all'attenzione dell'opinione pubblica
il ruolo che il movimento pacifista e antimilitarista può e deve avere per
inceppare e sabotare gli ingranaggi della macchina bellica statunitense e
italiana.

Il movimento contro la guerra ha bisogno di sviluppare una nuova coscienza
radicalmente incompatibile con ogni atteggiamento ambiguo e compromissorio: non
esistono guerre giuste, non esistono missioni militari umanitarie, non esistono
eserciti buoni, non esistono missioni di pace, non esistono governi che perseguono
la pace.

Non ci sarà mai pace fino a quando ci saranno gli stati, i governi, le frontiere e
gli eserciti; non ci sarà mai pace fino a quando il pianeta sarà umiliato da
insopportabili disuguaglianze sociali; non ci sarà mai pace fino a quando la
logica del dominio e dello sfruttamento prevarrà sulla solidarietà e la
cooperazione tra i popoli.

Aderiamo alla manifestazione del prossimo 19 maggio a Novara e facciamo appello
alle compagne e ai compagni federati a partecipare a questa mobilitazione
costruendo uno spezzone rosso e nero che porti in piazza i contenuti
dell'antimilitarismo anarchico e dell'internazionalismo per supportare le giuste
rivendicazioni dei promotori della manifestazione e sostenere la lotta per
liberare Cameri dall'incubo della guerra e della militarizzazione permanente del
suo territorio.


Commissione di corrispondenza della Federazione Anarchica Italiana - FAI

cdc@federazioneanarchica.org
www.federazioneanarchica.org



Da: Federazione Anarchica Torinese <fat -A- inrete.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center