A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: Giovedì 21 Giugno - presidio antifascista a San Salvario

Date Wed, 20 Jun 2007 11:55:23 +0200 (CEST)


Fenix e Torino Squatters
Aderiscono all'Appello antifascista
Leggi ed inoltra l'appuntamento
Fai girare la voce
Giovedi 21 giugno dalle 20,30 piazza Madama Cristina
PRESIDIO
Contro le ronde dei neofascisti
Contro la militarizzazione del quartiere
Per una San Salvario laboratorio di nuove forme dello stare insieme
Si invitano tutti i cittadini di San Salvario a tappezzare i balconi (e
non solo) di cartelli e striscioni contro la presenza dei neofascisti.

Segue appello di un gruppo di abitanti

Siamo un gruppo di abitanti di San Salvario, donne e uomini che vivono il
proprio territorio. Siamo genitori che portano a scuola i figli, anziani
che passeggiano la mattina nelle vie sotto casa, giovani che si
riversano in strada la sera per divertirsi e stare in compagnia. Ci
sentiamo parte viva del nostro quartiere e amiamo il luogo in cui
viviamo, perché lo sentiamo nostro e ne condividiamo le sorti. Come tali
ci siamo incontrati, mossi dallo stesso mal di pancia provocato dagli
ultimi giorni di ribalta mediatica del nostro quartiere. Esistono a
Torino un'informazione ufficiale ed un arco politico bipartizan che non
si tirano mai indietro quando si tratta di lisciare il pelo ai bassi
istinti della cittadinanza, sempre avidi di consensi, anche quando per
ottenerli si fa a gara a gettare benzina sul fuoco dei piccoli e grandi
conflitti che attraversano il nostro quartiere e la città in generale.

Il territorio in cui viviamo, come tutti quelli che sono caratterizzati
dalla presenza di una stazione ferroviaria, è storicamente attraversato
e vissuto da un gran numero di persone di passaggio, ed è certamente
vero che, soprattutto negli ultimi anni, la presenza di persone
provenienti da paesi stranieri è aumentata in maniera vertiginosa.

Questo per noi ha voluto dire accettare una sfida non da poco. E´
chiaro, la convivenza tra culture diverse crea tensioni e attriti, ma il
quartiere ha saputo, proprio a partire da questi conflitti, trovare
nuova forza e linfa vitale. Le vie del borgo hanno iniziato a popolarsi
di associazioni di solidarietà; ai panettieri e alle pollerie, ai bar e
ai ristoranti dei torinesi di vecchia data hanno incominciato a
mescolarsi piccole attività commerciali dei nuovi abitanti, sartorie,
artigianato e piccoli fast-food. Le strade hanno incominciato ad
assumere i colori della terra, i profumi di paesi lontani hanno
cominciato a mescolarsi con quelli tipici piemontesi, che già avevano saputo
fondersi con quelli della Puglia e della Calabria.

Contemporaneamente è emersa una San
Salvario del disagio e dell´esclusione, delle scelte sbagliate o a volte
obbligate. La San Salvario delle soffitte sovraffollate, dello spaccio e
della prostituzione agli angoli della strada, e anche quella dei
migranti senza permesso di soggiorno costretti quotidianamente a
sfuggire ai controlli delle forze dell´ordine. Tutti si domandano come
mai esista anche questa San Salvario e di chi sia la colpa.

I ricordi ritornano agli anni degli autonominati "comitati spontanei di
quartiere", composti da gente per bene che di notte scendeva nelle
strade con le fiaccole in mano per cacciare l´invasore, e di giorno
affittava soffitte di pochi metri quadri a decine di quegli stessi
"invasori", applicando tariffe che nessun italiano si sarebbe mai
sognato di pagare. In quegli anni un'immensa e immorale campagna
mediatica aveva favorito la speculazione edilizia, l'abbandono di spazi
e attività, che sarebbero stati presto occupati da altri a vantaggio di
grandi e piccoli proprietari senza scrupoli.

Allora come oggi questi comitati trovano spazio per strillare le loro
paure, la loro rabbia, in una parola: il loro razzismo. Ma la
rappresentazione che questa strana alleanza tra intolleranza e media ci
propina, rispetta davvero l´immagine che noi tutti abbiamo del nostro
quartiere? Non si valuta la vivibilità di un quartiere dalla sua
presunta sicurezza. D´altronde cosa possiamo percepire come cittadini se
viviamo in un territorio militarizzato, con continue retate, forze
dell'ordine che agiscono come in zona di guerra e politici che su
questo clima costruiscono le proprie campagne elettorali? Queste
presenze ci rendono forse più sicuri?

Oggi ci troviamo di nuovo in prima pagina, perché alcuni giovani di
destra (dimentichi della storia di Torino e della sua medaglia d´oro
alla resistenza, oltreché della storia di San Salvario che è storia
soprattutto di immigrazione e di confronto) sembra vogliano scendere in
strada con delle ronde, per fare "pulizia": il tono è quello dei
fascisti, anche se il nome ne edulcora appena le apparenze.

Noi, che a San Salvario viviamo e che ne conosciamo la storia, non ci
stiamo e chiediamo a tutti di protestare contro chi vuole il male del
nostro quartiere, buttando benzina sul fuoco e creando inutili tensioni.
Perché se qualcuno ha bisogno di lezioni di civiltà e di convivenza a
San Salvario può trovarne la scuola!

Contro le ronde dei neofascisti
Contro la militarizzazione del quartiere
Per una San Salvario laboratorio di nuove forme dello stare insieme

Appuntamento giovedì 21 giugno 2007
Piazza Madama Cristina - ore 20.30

Abitanti di San Salvario


Da: fenix-occupato -A- inventati.org

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center