A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Sud Africa: Sostegno della ZACF ai lavoratori del Pubblico Impiego in sciopero [it]

Date Fri, 15 Jun 2007 16:49:13 +0200 (CEST)


La Commissione Indipendente (di Stato) per la Retribuzione dei Pubblici
Dipendenti ha ratificato per il 2007 un aumento di prebende per il presidente
Thabo Mbeki pari al +57,3% per uno stipendio annuo di 1,8-milioni di rand (+0,7
milioni di rand). [*]
La stessa Commissione ha anche dato il via libera ad uno stipendio dei
parlamentari pari a 650,000 rand annui. A fronte di queste cifre, risulta
essere niente altro che un insulto la proposta iniziale di aumento del 6%
offerta dallo Stato per i dipendenti pubblici, quando un lavoratore della
sanità con 5 persone a carico percepisce un salario inferiore a 12.000 rand.

La Zabalaza Anarchist Communist Federation (Africa meridionale) sostiene lo
sciopero dei lavoratori del Pubblico Impiego del Sud Africa, non solo per le
rivendicazioni di aumenti salariali (già scese dal 12% al 10%), ma anche per la
loro lotta tesa al miglioramento di tutti i servizi pubblici. Lanciamo un
appello a tutti i lavoratori ed a tutti i cittadini perché appoggino lo
sciopero, dal momento che non è in gioco solo un aumento di stipendio, bensì
anche la crescita della qualità di tutti i servizi pubblici di cui usufruiamo.

Condanniamo fermamente il tentativo del governo di intimidire i lavoratori
affinché interrompano lo sciopero, mandando lettere di licenziamento oppure
ricorrendo a brutali mezzi di repressione poliziesca contro gli scioperanti,
che ricordano i tempi dell'era dell'apartheid. E sì che a capo della polizia
c'è Charles Nqakula, leader nazionale del SACP (South African Communist Party,
ndt). Occorre dare pieno appoggio alla richiesta dei lavoratori perché nel
contratto, vi sia la riassunzione senza condizioni di tutti i lavoratori
licenziati durante lo sciopero.

Condanniamo fermamente l'ambiguità del governo durante il negoziato, condotto
da Kenny Govender, il quale ha sempre dichiarato di aver condotto la trattativa
in completa buona fede per 4 lunghi mesi, quando i suoi collaboratori hanno
invece candidamente rivelato di non aver avuto alcun mandato dai quattro
ministri dell'ANC (African National Congress, partito al governo, ndt)
incaricati di seguire lo sciopero nel Pubblico Impiego: i signori Nquakula
(Ministro della Difesa), Mosiuoa Lekota (Ministre delle Finanze), Trevor Manuel
e l'ex-comunista Geraldine Fraser-Moleketi.

Condanniamo fermamente i tentativi di certi settori reazionari dei media che
hanno dipinto gli scioperanti come una massa di violenti, quando i pochi
incidenti sono stati provocati da una infima minoranza di personaggi oscuri e
da scioperanti esasperati. E' da sottolineare come invece per lor signori dei
media non sia affatto espressione di violenza l'abuso economico perpetrato ai
danni dei lavoratori con stipendi da fame.

Raccogliamo con soddisfazione la grande dimostrazione di solidarietà da parte
dei lavoratori comunali ed auguriamo loro rispettosamente tanta forza e
coraggio nella loro mobilitazione. Non possiamo che salutare con piacere in
questo sciopero un fatto altamente positivo come l'espressione di reciproca
solidarietà fra i sindacati confederali e quelli indipendenti, così come la
creazione di un movimento di massa dei lavoratori su basi di classe e di unità.

Siamo certi però che anche nel caso il governo ceda alle richieste dei
dipendenti pubblici, non passerà molto tempo prima che essi saranno costretti a
scendere nuovamente in sciopero per difendersi dalla crescita dell'inflazione e
dall'aumento del costo della vita. Ecco perché vediamo in questo sciopero, non
solo una rivendicazione per aumenti salariali e per migliori servizi pubblici,
ma anche un'espressione della più ampia lotta contro un sistema in cui i ricchi
ed i potenti fanno profitti sulle spalle dei lavoratori e dei poveri.

Finché viviamo in un sistema economico in cui i servizi pubblici vengono
gestiti per generare profitti, non abbiamo altra scelta che quella di lottare
affinché i nostri bisogni fondamentali vengano tutelati. Ecco perché noi,
comunisti anarchici, sosteniamo che il conflitto tra la minoranza costituita
dai ricchi e la maggioranza costituita dai poveri, tra i padroni ed i
lavoratori, e come in questo caso tra il governo ed i dipendenti pubblici, deve
intensificarsi fino al rovesciamento della classe dei padroni e fino
all'assunzione del controllo sulle imprese da parte dei lavoratori, perché esse
siano messe al servizio dei bisogni popolari.

Questo sciopero dimostra chiaramente, come noi anarchici abbiamo sempre
sostenuto, che il governo, qualsiasi governo - sia esso fatto da bianchi o da
neri, socialista o capitalista - non fa gli interessi dei lavoratori e degli
indigenti, ma solo quelli dei ricchi e delle classi privilegiate. Il governo
non è che un imprenditore e, come tale, agisce al pari di un padrone, pronto a
licenziare i suoi dipendenti pur di difendere i suoi margini di profitto.

Ecco perché, comunque vada lo sciopero - e speriamo con un esito favorevole ai
lavoratori - va da sé che non vi saranno servizi pubblici adeguati né accesso
per tutti alle risorse per vivere, finché i lavoratori non si saranno
adeguatamente auto-organizzati per riprendersi tutte le attività produttive
della terra, per gestirle in base ai bisogni di tutti e non per il profitto.

Quando le industrie e le terre saranno sotto il controllo dei lavoratori,
l'istruzione sotto il controllo degli insegnanti e degli studenti ed il
territorio sotto il controllo dei cittadini, solo allora potremo dire di essere
liberi. Quando i beni saranno prodotti e distribuiti non in base alla capacità
di acquisto ed al profitto che possono generare, bensì in base ai bisogni, e
quando ciascuno avrà accesso alle risorse per vivere, solo allora potremo dire
di essere liberi. Quando tutti i servizi pubblici saranno controllati sia dai
lavoratori che da coloro che ne beneficiano, solo allora potremo dire di essere
veramente liberi.

Fino a quel giorno, dobbiamo organizzare ed unire tutti i lavoratori della
terra, i lavoratori delle fabbriche come quelli dei campi, insieme agli
studenti, ai disoccupati ed a tutti i poveri ed i precari sul territorio per
una sola lotta di liberazione. Non la lotta non per un controllo democratico
affidato ad un governo - di neri o di bianchi, socialista o capitalista - che
gestisca le nostre vite, ma una lotta per il reale controllo delle nostre vite,
nelle nostre mani, con tutto quello che ne segue. Per il controllo popolare
delle risorse e delle industrie della terra.

Questa è la nuova lotta di liberazione, la lotta per la liberazione totale.

PHAMBILI NGOMZABALAZO!
PHANSI 7.25%! PHANSI 10%!
SIFUNA ZONKE!

Jonathan Payn
Federation Secretary
ZACF (South Africa & Swaziland)

Cell: +27-(0)78-577-4394
http://www.zabalaza.net/
international@zabalaza.net

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali


Nota:
1 Rand = ?0,10


Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca@fdca.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center