A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.24: Droga - in arrivo i test obbligato ri... La repressione e le false promesse del ministro

Date Wed, 18 Jul 2007 16:14:34 +0200 (CEST)


La scorsa settimana la Corte Suprema statunitense ha deciso che le autorità
scolastiche possono punire gli studenti che inneggiano al consumo di sostanze
stupefacenti. Il caso riguardava lo studente John Frederick della high school
di Juneau, in Alaska che nel gennaio 2002 aveva mostrato da una finestra della
scuola uno striscione con la scritta "Bong hits for Jesus" (cioè "Tiri di
bonga - un tipo di narghillè - per Gesù") in diretta tv, mentre per la città
passava il tedoforo delle Olimpiadi di Salt Lake City e la preside Deborah
Morse lo avevo sospeso per cinque giorni. La più alta corte statunitense ha
dato torto a Frederick, sostenendo che, visto che "era ragionevole per la
preside concludere che lo striscione promuovesse l'uso di droghe illegali ed
il Primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti (quello che protegge
la libertà d'espressione) non richiede alle scuole di tollerare, durante gli
eventi scolastici, le espressioni degli studenti che contribuiscano a questi
pericoli". Come ha detto Steven Shapiro, il direttore dello staff della Aclu
(American Civil Liberties Union), che ha difeso lo studente in sede legale,
"la sentenza della corte impone nuove restrizioni al diritto alla libertà di
espressione, creando l'eccezione 'droga' al Primo emendamento ed è difficile
sapere che impatto ci sarà in altri casi relativi a questi temi". Dai tempi
della presidenza Reagan, infatti, i vari governi che si sono succeduti negli
USA hanno tentato più volte di impedire la diffusione di "informazioni ed
opinioni non sfavorevoli all'utilizzo di droghe illegali, in particolare di
marijuana" (come li aveva definiti a suo tempo Janet Reno,
dell'Amministrazione Clinton), ma i vari tentativi di censura erano stati
bloccati dalla Corte Suprema che aveva di fatto anche impedito alla Casa
Bianca di inserire nei trattati internazionali una norma che impedisse la
propaganda antiproibizionista.


La legge Fini e la caccia allo spinello

In Italia, intanto, la Legge Fini (quella che ha avuto finora come principale
risultato il quasi dimezzamento dei prezzi della cocaina) continua a
funzionare a pieno regime e l'isterica crociata anticannabis non conosce
sosta, nel massimo sprezzo del ridicolo. Un serissimo comunicato stampa dello
Stato Maggiore dei Carabinieri riferisce che "nelle scorse settimane, i
carabinieri hanno fatto controlli antidroga in 19 istituti scolastici
superiori e una scuola media di Bologna". Impegnati a controllare "bagni,
corridoi, spogliatoi e palestre, cortili interni ed esterni, laboratori e
zainetti", come riferisce il Comando provinciale dell'Arma, 120 carabinieri e
due cani antidroga. Risultato delle perquisizioni: un grammo di hashish
gettato da qualcuno in un cestino dei rifiuti in un liceo scientifico, mentre
uno spinello già confezionato e una bustina con altri 7 grammi di hashish sono
invece stati trovati all'esterno di un istituto professionale. Il tutto
naturalmente a spese nostre che paghiamo le tasse...


Le promesse mancate di Paolo Ferrero

La Legge Fini che nelle promesse elettorali dei partiti dell'Unione avrebbe
dovuto essere abolita "nei primi cento giorni" se non "nei primi cento minuti"
(Paolo Cento dixit) del nuovo governo, a 15 mesi dalle elezioni è ancora al
suo posto. Il pusillanime socialdemocratico Ministro delle Promesse Mancate
Paolo Ferrero il 26 giugno, comunque, ha giurato che è pronto il disegno di
legge delega di riforma della legge Fini-Giovanardi disegno di legge delega.
La bozza del testo prevede che saranno abolite le sanzioni amministrative
previste per chi fa uso di sostanze stupefacenti, salvo nei casi in cui il
comportamento del consumatore sia giudicato pericoloso nei confronti di terzi;
che sarà segnalato alle famiglie il minore che viene trovato in possesso di
dosi di sostanze psicotrope e, nel caso il soggetto sia maggiorenne, ci sarà
un "invito" a rivolgersi ai sert. Saranno riviste le tabelle a seconda della
pericolosità delle sostanze stupefacenti (con una differenziazione tra droghe
leggere e droghe pesanti) e non saranno più indicati dei quantitativi oltre i
quali si incorre automaticamente nelle sanzioni penali visto che la
distinzione tra consumo e spaccio di droga non è una decisione politica ma
della magistratura". Ferrero ha promesso che l'iter del ddl sarà rapidissimo,
ma tanto per confermare la sua fama di Ministro degli Annunci Smentiti durante
il pre-Consiglio dei ministri di venerdì 29 non si è parlato del ddl di
riforma, a differenza di quanto era stato annunciato lunedì appunto da
Ferrero, mentre alla Camera è stato stabilito che eventuali discussioni
sull'argomento verranno "calendarizzate" a settembre e questo fa pensare che i
tempi della riforma saranno molto molto lunghi...


Test antidroga per gli autisti

Intanto, per i lavoratori coinvolti in tutte le attività di trasporto
(dall'autista di taxi al pilota, dal controllore di volo a quello addetto al
traffico dei treni) e per chi lavora nell'impiego di gas tossici, con i fuochi
di artificio o gli esplosivi, i controlli antidroga potrebbero presto
diventare operativi. La norma potrebbe essere varata prima di agosto dalla
Conferenza Stato-Regioni ed è contenuta nella bozza di intesa voluta dal
ministro della Salute Livia Turco che ha detto di aver preso la sua decisione
"subito dopo la tragedia di Vercelli" (sapete quella famosa bufala mediatica?
In un incidente morirono due bambini che viaggiavano su un bus guidato da un
autista che aveva avuto una congestione dopo aver bevuto una bibita ghiacciata
in un autogrill, ma dai test tossicologici venne fuori che aveva fumato uno
spinello il giorno prima e i più infami media di regime non persero
naturalmente l'occasione per farci un po' di lavaggio di cervello
anticannabis). In caso di esito positivo del test il lavoratore, che sarà
avvisato tre giorni prima del controllo, non perderà il posto di lavoro ma, se
sarà accertato che utilizza sostanze proibite, potrà essere spostato ad altre
mansioni. Nel caso in cui il lavoratore non si presenti e in assenza di un
giustificato motivo il datore di lavoro sarà tenuto a sospenderlo dalle
mansioni comprese nell'elenco stilato nella bozza, mansioni che per loro
natura sono rischiose e che se svolte in condizioni mentali e fisiche alterate
possono mettere in pericolo non solo la salute dello stesso lavoratore ma
anche di altre persone. Gli accertamenti riguarderanno anche tutti i
lavoratori previsti nell'elenco delle categorie coinvolti in un infortunio sul
lavoro che ha causato una lesione con prognosi superiore ai 20 giorni e anche
in tutti i casi in cui il medico competente lo ritenga necessario. Sempre i
Sert potranno attestare successivamente l'avvenuto recupero del lavoratore che
potrà tornare alla sua mansione anche se potrà subire nuovi e ripetuti
controlli. Le procedute diagnostiche e medico legali dovranno essere indicate
da un accordo successivo, ma è evidente che i test obbligatori sono diretti
essenzialmente contro i consumatori di cannabis. Infatti, il preavviso di tre
giorni, dilazionabile di altri dieci, farà cadere nella rete sostanzialmente i
consumatori di sostanze con un metabolismo più lungo, come la cannabis, ma non
quelli di sostanze che si eliminano rapidamente come la cocaina.

Decisamente "dedicato" ai consumatori di cannabis sembra essere pure il
disegno di legge presentato dal Ministro Trasporti PdCI Alessandro Bianchi
(mentre il pusillanime Ferrero chiacchiera, i suoi colleghi stalinisti
agiscono) "Disposizioni in materia di circolazione e di sicurezza stradale".
In particolare l'art. 10 - già approvato alla Camera dei Deputati - prevede
che chi guida in stato di alterazione psicofisica possa essere sottoposto
all'arresto fino a due mesi e ad un'ammenda da 500 a 2mila euro. Il fatto è
che a differenza della guida in stato di ubriachezza, dove, attraverso
l'etilometro, si può dimostrare che effettivamente si è alla guida di
un'automobile e abbiamo assunto alcool, per quanto riguarda la cannabis non ci
sono strumenti o attrezzature per dimostrarlo e si potrà arrivare al caso
paradossale per cui chi si fa uno spinello oggi e si mette alla guida di
un'auto fra un mese, possa venir arrestato. Visto che anche il fumo passivo di
uno spinello può risultare nelle analisi, se qualcuno si trovasse in una
stanza con persone che fumano spinelli, trenta giorni dopo, trovato alla guida
di un auto, potrebbe finire in carcere!


Economia drogata: il proibizionismo conviene

Il proibizionismo sulle droghe comunque conviene. A livello macroeconomico, il
valore del mercato illegale della droga è pari al 9% del prodotto interno
lordo mondiale, cioé a 3,78 trilioni di dollari: il dato é stato reso noto da
Donato Masciandaro, ordinario di economia all'università Bocconi, in apertura
del convegno "Economia drogata: dal narcotraffico al riciclaggio", organizzato
a Roma in occasione della Giornata mondiale sulla droga. Queste enormi
ricchezze "sporche", che per essere ripulite vengono immesse nel circuito
dell' economia legale, dipendono interamente dal fatto che le droghe sono
proibite, altrimenti - come dice sempre peter punkk - la marijuana costerebbe
quanto l'origano e l'eroina e la cocaina quanto l'Aulin... A livello
microeconomico il proibizionismo fa le fortune non solo dei trafficanti, ma
anche di tanti addetti "legali" alla repressione e alla prevenzione, come ben
dimostra il caso (coperto naturalmente dal più totale silenzio stampa) dei
cinque poliziotti arrestati sabato 23 giugno a Brescia accusati di aver
sottratto droga e soldi ai consumatori di sostanze proibite che fermavano
durante i controlli di routine.

Il proibizionismo, comunque, sta peggio di quel che si pensa. Lo
strapubblicizzato concerto "contro la droga" organizzato dai giovani di Forza
Italia martedì 26 giugno ha visto la magrissima partecipazione di un sacco di
bandiere di Forza Italia, in compagnia di qualche simpatizzante della Lega e
di circa 300 persone che hanno atteso l'arrivo di Silvio Berlusconi, che ha
concluso la manifestazione assieme a due ultrabolliti personaggi della tv come
Lando Buzzanca e Rosanna Lambertucci in una piazza Farnese semivuota. E la
sentenza della Cassazione del 18 maggio scorso ha di fatto depenalizzato la
coltivazione domestica di cannabis (stabilendo che per chi coltiva per consumo
proprio non previste sanzioni penali, ma solo amministrative che, pesanti che
siano, sono comunque molto meno peggio del carcere) fa pensare che a far
finire la crociata contro la marijuana non sarà nessun governo e nessun
parlamento, ma centinaia di migliaia di simpaticissime piante verde smeraldo
dalla caratteristica foglia a sette punte che potrebbero presto fiorire nei
terrazzi, nei campi, nei giardini e nelle serre indoor di tutta la Penisola.

robertino


Da Umanità Nova, n.24 dell'8 luglio 2007, anno 87
http://www.ecn.org/uenne

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center