A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova n.24: Cpt in Sardegna dentro una base milit are

Date Wed, 11 Jul 2007 12:30:15 +0200 (CEST)


Giriamo per informazione il link ad un articolo uscito su Umanità Nova di
questa settimana riguardo alla costruzione di un nuovo CPT in Sardegna dentro
una base militare funzionante e sulle mobilitazioni del movimento antirazzista
sardo.
http://www.ecn.org/uenne/archivio/archivio2007/un24/art4839.html

Comm.Antirazzista della FAI
www.federazioneanarchica.org/antirazzista

------------------------

Sardegna: immigrazione e razzismo delle istituzioni. Cpt in una base militare


La Sardegna è rimasta a lungo al di fuori dei flussi migratori provenienti dal
Sud del mondo. Le rotte che dalle coste del nordafrica portano all'isola sono
più lunghe e rischiose rispetto a quelle che portano a Lampedusa o in Sicilia,
inoltre la Sardegna offre ben poche occasioni di lavoro e, per chi non ha i
documenti in regola, può essere complicato lasciarla per raggiungere il
continente.

A partire dallo scorso inverno la situazione è parzialmente mutata e un flusso
di giovani migranti provenienti soprattutto dall'Algeria (ma anche dal
Marocco) ha cominciato a raggiungere le coste sarde a bordo di piccole
imbarcazioni (6 mt circa) dotate di motori fuoribordo. Affrontare il mare in
queste condizioni è estremamente rischioso, tant'è che a fronte di appena 450
immigrati fermati in Sardegna tra gennaio e giugno (Giornale di Sardegna 19 e
23/6/07) la guardia costiera algerina (G.di S. 7/4/07) denuncia di aver
ripescato tra novembre e marzo ben 210 morti affogati nel braccio di mare che
separa la Sardegna dall'Algeria.

Si tratta di un esiguo numero di migranti, ma autorità e stampa hanno preso la
palla al balzo per montare una campagna strumentale strillando di "emergenza
sbarchi", "probabile esodo", possibili "infiltrazioni di terroristi" e altre
assurdità dello stesso tenore.

Il fatto è che in Sardegna dall'inizio dell'anno dobbiamo affrontare una vera
e propria emergenza-razzismo delle istituzioni: in modo simile a quanto accade
in altre parti dello stato italiano, anche qui si susseguono le campagne di
stampa contro i"clandestini", i "nomadi", i "romeni", etc., che preparano
puntualmente rastrellamenti e cacce all'uomo contro i migranti e sgomberi,
distruzioni di case e aggressioni razziste contro gli stranieri poveri
residenti.

Tutte politiche repressive fortemente volute dal governo centrale, tant'è che
l'undici di giugno il viceministro dell'interno Minniti è giunto a Cagliari
per firmare uno di quei famigerati "patti per la sicurezza" che sono stati
presentati nelle città di mezza Italia, a cominciare da Milano. Quello firmato
a Cagliari prevede (Unione Sarda del 12/6/2007) la creazione di una
"Task-Force che si occupi degli sbarchi di immigrati clandestini", la lotta
contro l'occupazione abusiva di aree ed edifici dismessi, il rafforzamento
delle operazioni di sgombero.

Niente di nuovo sotto il sole, la produzione di allarmi, emergenze e paure è
oggi il principale strumento per il mantenimento del potere. La guerra contro
i poveri di ogni nazionalità è ora più che mai la costante su cui tutte le
amministrazioni pubbliche organizzano le loro politiche.

É per questo che l'appello stilato alla fine di maggio da un gruppo di
anarchici e anarchiche sardi/e si rivolgeva a tutte/i coloro che vogliano in
qualunque modo opporsi:

- alla costruzione di un lager destinato agli immigrati nel sud della Sardegna.

- al razzismo delle istituzioni e alle campagne di allarme e paura condotte
dalla stampa.

- alle politiche di guerra ai poveri e di feroce repressione sociale condotte
dalle amministrazioni pubbliche.

L'appello è risultato quanto mai tempestivo ed opportuno. Infatti, mentre a
Cagliari si preparava il "patto per la sicurezza", il Questore (G.di S.
13/5/07) reclamava la creazione di un "centro di accoglienza" (un Cpa, che in
Sardegna fortunatamente ancora non esiste), ed emissari della prefettura (U.
S. del 23/5/2007) si aggiravano per i comuni della costa interessati dagli
sbarchi in cerca di una scuola, un centro per anziani, una palestra da
requisire per realizzare, in perfetto stile cileno, il lager in questione. É a
questo punto (U. S. del 25/5/2007) che Emidio Casula, sottosegretario sardo
alla difesa e fiero difensore delle servitù militari, propone di realizzare il
kampo di prigionia per immigrati all'interno della base militare di capo
Teulada.

L'idea di realizzare una piccola Guantanamo sarda appare talmente infame da
lasciare increduli, anche perché la creazione spudorata di un lager
all'interno di una base militare è fatto assolutamente inedito in Italia e
credo in Europa (se si escludono le carceri segrete della CIA in Polonia e
Romania). Invece al termine dell'ennesimo "summit" nella prefettura di
Cagliari, il 5 giugno viene annunciata la decisione di realizzare il primo Cpa
sardo proprio all'interno della base di Capo Teulada (G.di S. 6/6/07). La
realizzazione è data per imminente: entro l'estate.

La reazione del nascente movimento antirazzista sardo è stata immediata:
accompagnata da azioni di controinformazione (volantinaggi e proiezione di
filmati), il 15 giugno si è svolta una vivace manifestazione di fronte alla
Prefettura di Cagliari. Al presidio sono intervenute un centinaio di persone
che, fronteggiando gli uomini in divisa, hanno esposto striscioni, bloccato il
traffico e scandito slogan contro le basi militari, i lager e i Cpt-Cpa. Oltre
agli anarchici hanno partecipato militanti di gruppi antimilitaristi,
indipendentisti, antifascisti e antirazzisti sardi e anche il Cobas scuola e
singoli militanti del PRC.

L'ipotizzata realizzazione di un lager per immigrati all'interno di un campo
militare appare di una gravità inaudita, non solo perché richiama alla memoria
tristi avvenimenti storici (1) e di cronaca recente (2) ma anche perché
propone un nuovo osceno "modello di sviluppo" in cui si fanno convivere in un
unico luogo turismo, lager e attività militari. In questi giorni, infatti,
mentre si prepara ad accogliere il campo di prigionia per immigrati, la base
di Teulada si fa vanto di restituire, per lo sfruttamento turistico estivo,
alcune delle spiagge utilizzate nelle altre stagioni per i bombardamenti e le
guerre simulate. Naturalmente le spiagge non sono state bonificate e dunque i
fondali sono cosparsi di bombe inesplose e la balneazione, in alcuni casi,
vietata.

Queste prime azioni contro la realizzazione di un Cpa sembrano avere avuto una
qualche efficacia: nelle ultime settimane di giugno infatti i giornali
dell'isola hanno assunto un tono più prudente, sono passati dall' "immediata
realizzazione" al "non vi sono certezze sull'apertura" (Giornale di Sardegna
del 23/6/07). Non sappiamo se si tratti di semplice tattica o se realmente ci
sia stato un rinvio, certo non ci facciamo illusioni. Infatti i rastrellamenti
e le cacce all'uomo ai danni dei migranti non si sono interrotte e gli
immigrati fermati dalla polizia vengono deportati nei Cpt del continente
(Crotone e Bari), dopo essere stati brevemente trattenuti in alberghi locali.

Le anarchiche e gli anarchici sardi sono stati i primi e i più determinati
nell'affrontare questa situazione nuova, che pone a tutti gli antirazzisti
sardi problemi mai affrontati prima. Nell'immediato, è urgente svolgere
un'azione di controinformazione tra la popolazione delle zone costiere
interessate dagli sbarchi ma è altrettanto urgente la necessità di allargare
la nostra rete di relazioni e contatti fuori dall'isola. L'infamia di un lager
all'interno di una base militare infatti è troppo grave perché possa essere
affrontata solo a livello locale. Per opporci con efficacia è necessaria
l'esperienza e l'impegno di chi conosce e affronta il problema già da molti
anni.

Per info-contatti istrangi@libero.it


lo pseudo-chierico


(1) Si ricordi ad esempio che il colpo di stato organizzato dal generale De
Lorenzo, il cosiddetto "Piano Solo", prevedeva che i principali esponenti
dell'opposizione politica fossero deportati in Sardegna e rinchiusi in un
campo di concentramento all'interno della base di Capo Marrargiu.

(2) A capo Teulada si trova un poligono per esercitazioni a fuoco di
artiglierie navali, di aerei e di blindati, tutti gli eserciti della NATO lo
utilizzano per addestrarsi. Numerosi militari hanno denunciato di essersi
ammalati a causa dell'utilizzo di proiettili all'uranio impoverito, molti di
loro sono deceduti. Dal 2003 al 2005 i pescatori della zona hanno condotto una
durissima lotta contro la base, occupando numerose volte il poligono di tiro
ed impedendo lo svolgimento delle esercitazioni. Durante le occupazioni del
poligono, avvenute nel corso di queste lotte, i militari hanno "erroneamente"
sparato proiettili di artiglieria che sono caduti a poche centinaia di metri
dalle barche dei pescatori e dai lavoratori che sistemavano gli ombrelloni
nelle spiagge circostanti.


Da: "Comm. Antirazzista della FAI" <fai-antiracism -A- libero.it>


_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center