A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Vicenza: Comunicato Cuca2000 - Fermiamo la militarizzazione, chiudiamo le basi e convertiamole subito!

Date Wed, 24 Jan 2007 12:38:29 +0100 (CET)


Dopo il ri-finanziamento della missione militare italiana in Afghanistan e
l'invio di un contingente militare in Libano, la recente presa di posizione del
governo Prodi a favore dell'ampliamento della base Usa di Vicenza, che sarà la
più grande struttura operativa d'Europa da cui partiranno le prossime missioni
di guerra in Medio Oriente e Africa, contro il quale è nato un'ampio e
determinato movimento di opposizione, mette in luce la matrice militarista e
guerrafondaia di questo governo di centro sinistra, totalmente in linea con il
precendente governo di centro-destra (come ha dichiarato lo stesso presidente
del senato Franco Marini: "C'è un impegno del governo precedente, non è che
cambiando il governo cancelliamo pure gli impegni del nostro Paese dentro
un'alleanza").

Già alcuni giorni prima della grande manifestazione nazionale di Vicenza,
avevamo denunciato il doppogiochismo del governo italiano. Le "rassicuranti
dichiarazioni" di Prodi e del ministro della difesa Parisi di quei giorni,
venivano smentite dagli stessi militari americani con la comunicazione del
trasferimento, dalla caserma Ederle alla base di Aviano, dell'ottavo Air
Support Operations Squadron (Asos), unità che esercita il collegamento
operativo diretto fra i paracadutisti della 173sima aerobrigata e i
cacciabombardieri.

Che il governo italiano non sapesse nulla di quel trasferimento è pressochè
impossibile e, alla luce delle recenti prese di posizione di Prodi e D'alema,
oggi abbiamo la conferma della sua complicità con i piani strategico-militari
del pentagono e di come, in tutto questo tempo, ci ha mentito sul futuro
dell'area "Dal Molin".

L'atteggiamento del governo Prodi sulla base militare di Vicenza, ci riporta
alla memoria le responsabilità del centro-sinistra riguardo al progetto di
ampliamento della base Usaf di Aviano, noto come progetto "Aviano2000".
Infatti, furono proprio i sindaci e i partiti legati al centro-sinistra i
sostenitori più convinti dell'ampliamento della base (allora anche il PRC di
Aviano prese una posizione ambigua di "non contrarietà").

A distanza di dieci anni, le motivazioni che stavano alla base del loro
incondizionato appoggio al progetto "Aviano2000", in primis le ricadute sul
piano economico, si sono dimostrate un bluff, mentre restano i problemi per la
salute delle popolazioni locali e per l'ambiente, che impongono un progressivo
peggioramento delle condizioni generali di vita.

Ma l'atteggiamento miope dei politci locali non finisce mai di stupirci.

Se riteniamo una vergogna ed una offesa che il governatore Illy si fregi del
titolo di "Comandante onorario" della Base Usaf, così ci è sembrata fuori da
ogni buon senso la proposta del sindaco di Casarsa di mettere a disposizione
dei militari americani una caserma del proprio comune nel caso non fosse
passato il progetto vicentino. Dopo che lo stesso ministro degli Esteri D'Alema
ha svelato nella trasmissione televisiva Ballarò che l'esecutivo aveva offerto
agli Stati Uniti una "soluzione alternativa" e cioè di realizzare le nuove
strutture in una "vasta area" in prossimità della base aerea Usa di Aviano,
possiamo pensare che l'illuminante idea del sindaco Colussi sia dovuta più ad
una questione di ordini di scuderia e di disciplina interna, piuttosto che alla
sua lungimiranza.

A vicenza l'ultima parola spetta alla popolazione civile e ai comitati che la
rappresentano. E solo una determinata e radicale opposizione può in questo
momento fermare un progetto scellerato di militarizzazione del territorio, così
come ci insegnano le lotte in Sardegna e a Vieques in Portorico.

L'arroganza antipopolare del governo Prodi va fermata con la resistenza
antimilitarista e l'azione diretta senza delega e nella piena autonomia. Le
manifestazioni portate avanti dai comitati cittadini rappresentano l'unica
strada percorribile per una reale opposizione alle basi militari e alla guerra,
per la conversione civile di tutte le basi militari.

Il COMITATO UNITARIO CONTRO AVIANO 2000 aderisce alla manifestazione
internazionale che si terrà a Vicenza il prossimo 17 febbraio contro la Guerra
e le basi di Guerra per la pace e la giustizia


Comitato Unitario contro Aviano2000


Da: "Lino Roveredo" <alterlinus -A- libero.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center