A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) A4 newsbot #14: C'è del marcio in Danimarca

Date Mon, 2 Apr 2007 13:29:04 +0200 (CEST)


28 marzo 2007
C'è del marcio in Danimarca
Abbiamo assistito nei giorni scorsi in TV e sugli altri media alle immagini dei
fuochi, delle cariche della polizia e della rivolta scoppiata a Copenaghen in
seguito allo sgombero di Ungdomshuset (tradotto dai media a volte in "centro
sociale" e a volte in "squat" - in realtà letteralmente Ungdomshuset significa
"Casa della gioventù").
La durezza della risposta dei giovani di Copenaghen, e del movimento
internazionale che ha partecipato alla protesta, ha ridotto la Danimarca a dover
chiudere le sue frontiere per fermare gli attivisti stranieri che arrivavano per
lottare in solidarietà con gli occupanti di Ungdomshuset. Per far fronte a questa
"emergenza squatters" la Danimarca è stata addirittura costretta a ricorrere al
prestito di automezzi e personale da parte della polizia svedese e olandese.

Ma che cosa era Ungdomshuset a Copenaghen? In realtà di questo i media non ne
hanno parlato quasi per niente. Si sono limitati a far vedere soltanto le fiammate
delle bottiglie molotov lungo le strade e a sciorinare le loro solite litanie
sulla violenza, gli anarchici, gli autonomi, i black bloc...

Ungdomshuset era uno stabile di quattro piani occupato dall'ondata di squatters
degli anni ottanta. Questo squat era famoso in tutta Europa per le band che nel
corso degli anni ci hanno suonato, per l'ospitalità offerta ad altri giovani del
movimento alternativo di passaggio per Copenaghen, ma anche per altre attività,
come far funzionare una cucina popolare vegan, stampare magliette, organizzare un
cinema e un Infoshop, il DIY, e soprattutto per essere un luogo dove incontrarsi
ed organizzarsi per la trasformazione dell'esistente.
Nel 1982 Ungdomshuset fu lasciato agli squatters dall'allora governo
socialdemocratico, ma i tempi cambiano, e dal 1999 lo stato ha iniziato a
rumoreggiare di volersi riprendere lo stabile dove era Ungdomshuset e di venderlo
per una cifra non troppo elevata, e i "ricconi locali", avidi e speculatori come è
loro solito non hanno perso questa occasione per trarne profitto. L'edificio venne
infatti comprato, dopo alcune transazioni abbastanza misteriose, dalla setta
fondamentalista cristiana di destra "Faderhuset" (La casa del Padre) nella loro
fanatica missione di voler ripulire la città e soprattutto il quartiere Nørrebro
da "questi giovani dello squat posseduti dal demonio e che rappresentano
l'anticristo".

Al riguardo alcune info su Faderhuset e Ruth Evens (la leader della setta) a cui
il comune di Copenaghen ha venduto l'edificio. Il loro programma è ben preciso:
ripulire la città e il quartiere Nørrebro da tutto ciò che per loro è
l'anticristo: punks, omosessuali, migranti.

La stessa setta fondamentalista cristiana propone l'abolizione della libertà di
scelta sull'interruzione di gravidanza.
Ruth Evens, la loro leader, disse perfino che Dio le era apparso in sogno
dicendole di "comprare Ungdomshuset e di sbarazzarsi dei giovani, per poter
combattere i mussulmani che si stanno impossessando di Copenhagen e di scendere in
campo contro l'omosessualità".

Dopo sei anni di battaglie legali il tribunale il 14/12/2006 ha stabilito che la
proprietà dello stabile non era più di chi ci abitava e lo faceva vivere da 25
anni, ma della setta fondamentalista religiosa che aveva comprato lo stesso...
Ecco il vero volto delle libertà democratiche concesse dal capitalismo! Come
risposta a questa decisione gli occupanti di Ungdomshuset hanno esposto lo
striscione "Casinari di tutto il mondo siete i benvenuti" e per due giorni ci sono
state manifestazioni e scontri per la città che hanno coinvolto circa 2000
persone.

Le attività di resistenza sono continuate per diverse settimane come anche le
manifestazioni, alle quali hanno iniziato a partecipare non solo giovani
alternativi e punks, ma anche tutta quella gente danese, stufa del governo di
destra liberista e razzista, che si è mossa in difesa dello squat, che sin
dall'inizio del novecento era stata un punto di riferimento della Copenaghen della
classe lavoratrice progressista.

Il palazzo costruito nel 1897 dal movimento operaio internazionale si chiamava
originariamente Folkets Hus (Casa del Popolo). Qui nel 1910 la Seconda
Internazionale e Clara Zetkin proclamarono l'8 marzo giornata internazionale di
lotta delle donne. Nella casa ci parlarono Lenin e Rosa Luxemburg e la grande
manifestazione del 1918 contro la disoccupazione che giunse a occupare la borsa
danese partì proprio da lì. Dopo la seconda guerra mondiale, la Casa fu poi usata
per dare ospitalità ai profughi e poi via via che la passione socialista sbiadiva
venne lasciata a se stessa fino ad essere abbandonata e poi occupata appunto
all'inizio degli anni ottanta dai giovani squatter.

Il primo di marzo però tutto ciò è finito. I reparti antiterrorismo della polizia
danese calandosi dagli elicotteri si sono introdotti nella casa arrestando 40
occupanti e poi qualche giorno dopo hanno iniziato la demolizione tramite ditte
che nascondevano il loro nome sui mezzi e operai con il passamontagna, per
impedirne il riconoscimento. Nel frattempo però la rivolta ha infiammato la città,
per due giorni e due notti le strade sono state in mano ai manifestanti, più di
850 persone sono state arrestate, ma la richiesta non è cambiata: "VOGLIAMO UN
ALTRO UNGDOMSHUSET" e vogliamo anche che le persone arrestate vengano subito
liberate.

--------------------------------------------------------------

Realtà simili ci sono anche in Italia, anche a Roma.
Anche nei nostri quartieri.
Anche al Laurentino, infatti, da tanti anni c'è un posto affine ad Ungdomshuset
dove funziona un Infoshop, si fanno concerti, c'è una sala prove, una biblioteca,
una palestra, un laboratorio informatico, un bar. Si organizzano riunioni,
iniziative, serate e feste nel quartiere per celebrare l'autorganizzazione e la
possibilità di vivere fuori dal capitalismo.

E' L38 Squat (o Laurentinokkupato, o il Centro Sociale del sesto ponte) dove dal
1991 alcuni giovani del quartiere si sono auto-organizzati, e senza nessun
finanziamento dei partiti e dello stato hanno riempito di attività, di ricchezza
culturale e sociale uno dei ponti di questo quartiere. Un ponte del Laurentino,
autogestito, mantenuto e migliorato dalle persone che ci vivono e che lo
frequentano quotidianamente. Un ponte del Laurentino proprio come quei 3 ponti che
l'amministrazione comunale senza alcuna fantasia nè coraggio ha deciso di demolire
per poi creare altrettante cubature di cemento fatte di speculazione e business:
mai che si possa perdere questa opportunità!.

Durante questi 16 anni di occupazione al sesto ponte molti giovani si sono
impegnati in prima persona per migliorare, anche strutturalmente, i locali del
Laurentinokkupato-L38Squat e del ponte che lo ospita. Questo dimostra
l'insensatezza della demolizione degli ultimi 3 ponti come unica risposta per il
risanamento del Laurentino e per dare una soluzione al problema abitativo. In
realtà la loro unica risposta è stata più investimenti appetibili per gli
speculatori e sempre meno possibilità per gli abitanti, specialmente per le fasce
più deboli.

A Roma come a Copenaghen speculatori, profittatori, politici e palazzinari
dovranno continuare a fare i conti con chi rifiuta la logica del dio denaro e
continua a battersi ogni giorno per difendere i diritti e la dignità delle
persone.

Ci troveranno ancora una volta lì, dall'altra parte della barricata, pronti a
difendere ciò che abbiamo conquistato con ogni mezzo necessario.
Solidarietà attiva per Ungdomshuset - Contro ogni sgombero: ora e sempre Resistenza!

Libertà immediata per gli/le imprigionati/e della rivolta

--------------------------------------------------------------

LE NOSTRE LACRIME E LA NOSTRA RABBIA

Tratto da News from the fields and beyond#4 (Newsletter Anti-G8)

Molte persone si svegliano quotidianamente dalla parte sbagliata del capitalismo e
molte altre si svegliano dalla parte sbagliata di un brutale sgombero fatto dalla
polizia. La lotta contro lo sgombero di Ungdomshuset, un centro autonomo giovanile
in Danimarca, è diventata un simbolo globale per le nostre lotte per ottenere
spazi pubblici liberi e contro la mercificazione delle nostre vite attraverso il
capitalismo neoliberista. Tuttavia è diventata anche una realtà pratica, un
laboratorio di resistenza collettiva e internazionale per la creazione di un
fronte di opposizione alla controinsurrezione in Europa.

Non vi lasceremo in pace quest'anno!
E ci sono altri Ungdomshuset da difendere ancora e molti progetti di speculazione
vanno affrontati e gli va opposta la nostra resistenza!

E mentre stiamo costruendo la battaglia finale contro il G8, incontriamo molti/e
compagne/i in giro per il mondo che condividono le nostre lacrime e la nostra
rabbia. Siamo già ben oltre i campi e attraverso i nostri network le lotte
circolano quotidianamente.

Giugno non è solo una scadenza, ma un altro inizio.

Siamo tutti/e sirenette rosa!

Info contro il G8 in Germania (1-8 giugno 2007): http://www.dissentnetwork.org

A4 newsbot #14
**************

web http://www.tmcrew.org/laurentinokkupato/a4newsbot/14.htm

PDF da stampare http://www.tmcrew.org/laurentinokkupato/a4newsbot/14_a4newsbot.PDF

-----------------------------------------------------------------

A4 newsbot (stampa e diffondi ovunque)
http://www.tmcrew.org/laurentinokkupato/a4newsbot/
e-mail: a4newsbot@paranoici.org
Via Giuliotti, 8x - Roma 00143 - bus 776

per non perdere neanche un numero di A4 iscriviti
alla mailing list richiedilo a a4newsbot@paranoici.org

-------------------- keep.free.media.free -----------------------


Da: A4 newsbot <a4newsbot@paranoici.org>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center