A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Volantino dell'USIAIT milanese per lo sciopero generale del 17 Novembre

Date Fri, 27 Oct 2006 09:16:19 +0200 (CEST)


Unione Sindacale Italiana
Contro la Finanziaria ?amica?.
No alla Guerra!
Sciopero generale il 17 novembre 06.
Aumenti salariali SI! Precarietà NO!
* * * * * * * * * *
La Finanziaria del centro sinistra e del governo Prodi, ha un indirizzo
politico definito.
Peggiora le condizioni di vita di tutti i lavoratori dipendenti,
pensionati con grave ricadute sul sociale.

Il precedente Governo, ha dilapidato ogni ricchezza del paese indirizzando
le sue scelte verso il ceto medio e medio alto, scaricando i lavoratori
dipendenti i disoccupati i precari e i pensionati, facendo una scelta di
campo precisa, la finanziaria 2007 è nel solco della polita del
liberalismo e non sana il mal tolto del governo Berlusconi. Il Governo del
centro destra ha difeso gli interessi reali dei soggetti politici ed
economici che rappresentava.

Noi non abbiamo referenti a nostra difesa, ma solo la nostra
autorganizzazione!



La Finanziaria ?amica? del Governo Prodi 2007.
I 33,4 miliardi di ?uro al momento sono così suddivisi:
13 miliardi di tasse sulle spalle dei lavoratori;
20 miliardi di tagli ai servizi cadranno sulle fascie più deboli
socialmente; 3 miliardi sulla spesa sanitaria;
5 miliardi dal TFR;
5,265 miliardi sulla previdenza (meno pensioni);
4,3 miliardi sugli enti locali (più tasse);
2,83 miliardi sulla pubblica amministrazione, riduzione del personale e
peggioramento dei servizi.


La nuova busta paga.

I contributi previdenziali (Inps) aumentano dello 0,30% per i lavoratori
dipendenti;
Del 4,5% per i lavoratori a progetto, co.co.co, dal 18,5 passa al 23%.

Il prelievo sul TFR passa dal 23% del 20005 al 24% nel 2007, gravando sul
salario al momento della risoluzione del rapporto di lavoro. La manovra
viene anticipata a luglio del 2007.

Aumentano le tasse degli enti locali con prelievo diretto in busta paga
dell?IRPEF.
Aumenta il tickets sanitari.

Aumenta il bollo delle auto.



La Guerra: risorse e vite rubate!
No Alla Guerra. No Alla Guerra!
4,5 miliardi di ?uro nell?ultimo periodo, non un segno di discontinuità di
questo Governo!

Cuneo fiscale.

Cuneo fiscale: 5,4 miliardi alle imprese.

Il 60% dell?intera manovra e delle risorse a disposizione del Governo.

Il 40% ai lavoratori, ma, in due anni.

Aliquote IRPEF; No Tax area; Detrazione e assegni famigliari. Qualche
lavoratore dipendente con figli a carico beneficerà del tanto decantato e
strombazzato cuneo fiscale.

Pubblico impiego: costi al disotto del 20%. Saranno assunti non più di
8.000 precari tutto compreso.

Dei 350.000 precari del settore pubblico saranno assunti una piccolissima
esiguità di lavoratori.

Scuola pubblica: riduzione del personale.

Scuola privata: Aumentano i finanziamenti.

Sanità: 3 miliardi di ? di tagli.

Aumenti dei ticket.


L?erosione salariale è rimasta tale, il problema del salario che non copre
i bisogni e le necessità minime dei lavoratori precari e pensionati è
rimasto identico, anzi, è in fase di peggioramento.

Perché lo sciopero e cosa vogliamo.

Solo un sindacato sganciato da interessi di bottega può e deve esprimere
un interesse che vede al primo posto la categoria d?appartenenza, poco
rappresentata in questo come in altri Governi: Lavoratori dipendenti;
Precari; Pensionati; Disoccupati; Emarginati; Pacifisti; Antagonisti;
Ecologisti.


Le proposte!

Forti aumenti salariali per por fine a paghe sempre più basse.

La reintroduzione della rivalutazione automatica di salari e pensioni.

La riduzione generalizzata della giornata lavorativa.

La fine della precarizzazione con la stabilizzazione a tempo indeterminato
di tutti i precari e l'abolizione del "Pacchetto Treu" e della "Legge 30".

Il ripristino della pensione pubblica (con il vecchio sistema di calcolo
retributivo e diminuendo l'età per la pensione), perché non sia trasferito
il TFR né ai Fondi Pensione, né all'Inps.


Abolizione del monopolio dei sindacati riconosciuti del Governo nella
rappresentanza di lavoratori che hanno operato liberamente un?altra
scelta.


In Piazza il 17 novembre 2006
concentramento:
Unione Sindacale Italiana
Viale Isonzo 10
20135 Milano.
Tel. Segr. 02 54 10 70 87 - Tel. Fax. 02 54 10 70 95

milano@usiait.it
http://www.usiait.it


Da: "Unione Sindacale Italiana" <info -A- usiait.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center