A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova n.33: Precari. Sul gradino più basso

Date Thu, 26 Oct 2006 13:05:12 +0200 (CEST)


Precario deriva dalle parole latine Prex (preghiera) e da Prece (chiedere,
supplicare): ottenuto per preghiera. Ciò che si esercita con permissione,
o tolleranza altrui, che non dura per sempre, ma per il tempo accordato
dal concedente.
La condizione di precarietà afferisce a diversi piani e situazioni della
vita financo quella legata ai sentimenti, alle relazioni amicali, ovvero a
quelle condizioni esistenziali "fondamentalmente" immateriali.
Quando parliamo di materialità, quindi della possibilità di praticare una
vita non legata alla magnanimità altrui, condizione che poi
inevitabilmente ha ricadute, a volte rovinose, sulle qualità mentali e
quindi relazionali in genere, parliamo necessariamente di situazione
stabile, o meglio di obbligo non servile. Perché il presupposto vero della
mancanza di sicurezza e quindi della precarietà innanzitutto professionale
è quello di dover mendicare cose (ferie, malattie, permessi, maternità,
pagamenti del salario puntuali?) che ad altri sono garantiti dal diritto,
precipitato legislativo di lotte, scontri sociali e quant'altro. La
condizione lavorativa precaria pone i soggetti in questione, ovvero i
prestatori di forza lavoro, ad essere in una situazione di totale
dipendenza dalla "buona" o "cattiva" volontà del padrone di turno, del
capetto di turno, o dei turni con o senza capetti e padroni. Mendicanti,
appunto precari, sempre a chiedere quando arriva la paga, se arriva,
perché non sono stati conteggiati gli straordinari, perché si devono fare
gli straordinari quando non se ne ha voglia o motivo, perché i festivi
vengono pagati come gli altri giorni, perché il cottimo, perché a lui/lei
sì e all'altro no e così via. Defatigante domandare a persone che
acquisiscono, sempre più informalmente, poteri di disciplinamento
lavorativo e sociale: e poi gastriti, mal di testa, incazzature non volute
con le persone sbagliate, nervosismo automobilistico? nemici ovunque. In
questo turbillion bordellesco c'è qualcuno che gode: quelli che servono
sempre, anche quando non gli è chiesto, quelli con i peli sullo stomaco di
lunghezza variabile, quelli che tanto a loro non gli tocca mai, quelli che
fanno carriera, quelli che comandano da quando erano all'asilo nido, i
bastardi in genere e di vario genere.

Al di là delle forme giuridiche con le quali la precarizzazione dei
rapporti di lavoro, e a cascata tutti gli altri, è andata avanti nel corso
degli ultimi decenni (pacchetto Treu, legge Biagi, ma si potrebbe tornare
indietro con l'abolizione della scala mobile) quello che la sostanzia è
una condizione di vita eretta a sistema sociale, non per tutti, ma per
molti, tale da cambiare antropologicamente la figura del cittadino, figura
assai controversa portatrice di diritti e doveri in età del capitalismo
avanzato, in suddito. È un po' quello che avviene sul piano delle
relazioni internazionali e delle guerre esterne: la riduzione del nemico
in sub-uomo-donna, umanità che, collocandosi su un gradino più basso
rispetto a quella che gli muove guerra, viene considerata, astrattamente e
materialmente, non portatrice di diritti considerati universali. Di qui le
umiliazioni, le torture, la morte.

Ma forse qualcuno non si è accorto che il gradino più basso è già stato
raggiunto e non è lontano dalle nostre case? Quando, in un paese
"avanzato" come l'Italia, esiste la schiavitù e la pena di morte legata
alle disponibilità della vita di persone (sto parlando di quello che è
emerso dai raccoglitori di pomodori in Puglia), dove ancora si può andare?

La rivolta che richiedono i tempi moderni non può che essere una rivolta
anti-schiavista: perché il diritto, purché non mero registro di cassa, è
sensibile ai rapporti di forza reali ed ai modi di pensare comunemente
diffusi. Oggi come oggi però è tutto più complicato: perché molti di
coloro che dicono di battersi contro la nuova schiavitù sono anche coloro
che, a titolo diverso, la hanno promossa e la stanno promuovendo: CGIL e
Rifondazione comunista in testa. Degli altri non parlo neppure. Questi
guardiani delle leggi di mercato, un po' democratici ed un po' radicali
predicano mediocremente ed agiscono piuttosto male. Ci fidiamo? È meglio
di No.

E per finire: ma quello che proprio vogliamo è la schiavitù più nobile,
quella del lavoro salariato con diritti annessi e connessi? Certo tra le
due forme non abbiamo dubbi. Ma quello che non dobbiamo mai dimenticare di
dire è che noi, alla fin fine, vogliamo liberarci dalla costrizione del
lavoro, che lo vogliamo liberare dalla imposizione delle sue cinque, otto
dieci ore, che vogliamo fare cose che ci servono nei tempi che ci diamo e
che non vogliamo produrre per competere con altri, per vendere schifezze
inutili ed inquinanti, che vogliamo ridurre al minimo necessario il tempo
dovuto alla riproduzione sociale (iniziamo con la metà di quello attuale a
pari condizioni) e che vogliamo liberare il resto per divertirci,
cazzeggiare, amare, giocare, mangiare, suonare? insomma quello che
vogliamo si chiama comunismo anarchico.


Pietro Stara


Da Umanità Nova, n 33 del 22 ottobre 2006, anno 86

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center