A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: 10.000 in piazza per lo sciopero generale

Date Mon, 20 Nov 2006 11:00:13 +0100 (CET)


Lo sciopero generale del 17 novembre è stato un'occasione di lotta per lavoratori,
precari, studenti e no tav, scesi in piazza contro una finanziaria che sottrae
risorse pubbliche ai servizi per finanziare la guerra e le grandi opere
distruttive.
La politica del governo Prodi ricalca le orme dell'esecutivo guidato da
Berlusconi: siamo, nei fatti, governati dal governo unico degli affari.
Secondo la questura al corteo c'erano 7.000 persone. A nostro avviso eravamo molti
di più.
Importante la presenza del movimento contro la Torino Lione, il cui spezzone era
tra i più numerosi, segnale inequivocabile che chi si illudeva che i No Tav si
fossero ammalati da "sindrome da governo amico" si sbagliava. Non a caso lo
striscione di apertura dello spezzone, animato come di consueto da una presenza
vivace di comitati ed associazioni, diceva "non ci sono governi amici".

Sotto il volantino distribuito dalla FAI Torinese.


Sciopero generale!

Sciopero generale contro la finanziaria del governo Prodi. Sciopero generale per
riprendere in mano la difesa delle proprie condizioni di vita di lavoro di
reddito. Sciopero generale per difendere il futuro dai devastatori delle grandi
opere. Sciopero generale per disertare le guerre dei potenti degli affaristi degli
sfruttatori.

Questa Finanziaria:
- impone ai lavoratori di scegliere se consegnare il TFR ai fondi pensione gestiti
da banche, compagnie assicurative e CGIL, CISL e UIL - oggi più che mai
fiancheggiatori dei padroni - che li daranno in pasto al mercato azionario, oppure
all'INPS che lo trasferirà allo stato per finanziare le opere di devastazione
ambientale;

- diminuisce i trasferimenti agli enti locali tagliando ulteriormente servizi
essenziali (asili, trasporti pubblici, assistenza) scaricando le spese sui
lavoratori;

- diminuisce il costo del lavoro a favore delle imprese che godranno di cospicui
finanziamenti a copertura di quanto perso con il trasferimento del TFR.

E poi ancora tagli alla scuola pubblica, alla ricerca, alla sanità: tutti soldi
scippati al benessere collettivo e dirottati nel finanziamento delle missioni
militari nei tanti fronti di guerra (Afganistan, Iraq, Libano, ecc.).

Questo sciopero generale è essenziale perché costituisce la prima vera risposta
autonoma e intransigente al progetto politico che sta dietro la manovra del
governo: l'opposizione sociale deve essere capace di legare il rifiuto di questa
Finanziaria al rifiuto del governo Prodi che scippa i soldi ai lavoratori a
beneficio del capitale e delle politiche di guerra.
La lotta contro la legge finanziaria di oggi è lotta contro le scelte in essa
contenute, che non sono episodi sulla strada del "risanamento dei conti pubblici",
ma un nuovo tassello del disegno che le classi dirigenti politico-sindacali di
"destra" e di "sinistra" stanno portando avanti. Uniti sulle scelte di fondo, i
due poli litigano sui dettagli. Sono d'accordo sulla precarietà come condizione
"stabile" del lavoro e lo hanno scritto nel pacchetto Treu del 1997 che
legalizzava lavoro interinale e co.co.co., nel decreto legislativo sul contratto a
termine del 2001 e nella legge Biagi del 2003, con la macelleria sociale dei tanti
contratti "flessibili". Sono d'accordo sui tagli a tutti i servizi sociali, alla
scuola, alla università, alla ricerca e alla spesa sanitaria. Sono d'accordo
sull'aumento di anno in anno delle spese militari e sulla partecipazione alle
guerre guerreggiate in Iraq, Afganistan, Libano. Sono d'accordo sul taglio alle
pensioni (riforma Dini e riforma Ma!
roni)
e sullo scippo del TFR: con il salario dei lavoratori vogliono ingrassare i fondi
pensione gestiti da padroni e CGIL-CISL-UIL oppure devastare il territorio con le
grandi opere realizzate dalle solite imprese "amiche" e da grandi cooperative che
di rosso hanno solo il colore della vergogna.
Il Piemonte è in questo senso un caso eclatante. Bresso Ghigo e Chiamparino su una
cosa sono d'accordo: la devastazione del territorio della Val Susa per costruire
un'opera inutile e costosa come il TAV, tutta a beneficio solo delle imprese che
la realizzeranno, con le risorse pubbliche equamente divise tra "destra" e
"sinistra", come abbiamo già visto accadere con pezzi di lavori preliminari
appaltati a società della famiglia dell'ex ministro Lunardi e contemporaneamente a
cooperative "rosse" come la CMC di Ravenna.
Ma proprio la Valle di Susa è un esempio della forza popolare che dal basso può
scompaginare i disegni dei potenti: una lotta determinata ferma radicata e
radicale che impedisce la devastazione e il saccheggio della vita e del futuro di
tutti da parte di pochi.
Lo sciopero generale deve essere il "basta" di tutti i precarizzati, gli sfruttati
i derubati di territorio di risorse di futuro. Lo sciopero generale unisce chi
lotta contro la guerra, contro la rapina del salario e contro la devastazione del
territorio.
Lo sciopero generale del 17 novembre cade a pochi giorni dall'anniversario di
quell'8 dicembre in cui il popolo della valle di Susa si riprese il prato di
Venaus strappatogli in modo vigliacco la notte del 5-6 dicembre. Venaus e la Valle
di Susa sono l'esempio di cosa può essere capace la resistenza e la lotta
popolare, di quale forza sanno esprimere gli uomini e le donne che lottano per il
loro futuro.
Oggi nelle piazze contro la finanziaria del governo Prodi come ieri contro tutti i
progetti di devastazione e saccheggio delle nostre vite del nostro territorio del
nostro futuro: ieri come oggi non ci sono né mai ci saranno, governi amici.
Federazione Anarchica Torinese - FAI

Prossimi appuntamenti:
Torino: la guerra contro i migranti

Due giorni contro razzismo e repressione

L'11 dicembre inizierà a Torino il processo contro 9 antirazzisti accusati di
interruzione di pubblico servizio per aver manifestato contro il CPT - lager di
C.so Brunelleschi.

Il 24 e 25 novembre due giorni contro il razzismo.
Programma.
Venerdì 24 novembre ore 21
in c.so Palermo 46
assemblea su
leggi razziste, cpt, sfruttamento selvaggio

Interverranno
l'avv. Gianluca Vitale dell'Asgi
e un esponente della
Comm. antirazzista della FAI

Sabato 25 novembre
di fronte al Municipio - piazza Palazzo di Città
presidio dalle ore 15
contro cpt frontiere e repressione

Il 20 novembre del 2000, mentre il consiglio comunale discuteva di Cpt, un gruppo
di antirazzisti manifestò davanti al municipio. A nove compagne e compagni venne
concesso dalla digos di godere del diritto di assistere alla seduta del consiglio
comunale.
Durante un'interrogazione del leghista Borghezio gli antirazzisti aprirono uno
striscione con la scritta "Chiudere i lager, aprire le frontiere". Ricordiamo che
Borghezio è lo stesso losco figuro che spruzza il disinfettante addosso agli
immigrati su autobus e treni, lo stesso, che nel luglio di quel medesimo anno, a
capo di un manipolo di camicie verdi, diede fuoco a un ricovero per immigrati
sotto un ponte di Torino.
I vigili urbani aggredirono gli antirazzisti strappando loro lo striscione, mentre
i volantini venivano gettati oltre il loggione.
Dopo ben sei anni, i nove antirazzisti sono stati rinviati a giudizio per
interruzione di pubblico servizio. Il PM è il solito Maurizio Laudi: un nome un
programma, quello di criminalizzare ogni forma di opposizione sociale. Si cerca di
colpire chi si batte contro i CPT, contro le leggi razziste, contro la repressione
e la devastazione ambientale.

Federazione Anarchica Torinese - FAI
Corso Palermo 46 - Torino
Per info e contatti:
011 338 6594361
011 857850


Da: Federazione Anarchica Torinese <fat -A- inrete.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center