A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: Oaxaca libera! Resoconto presidio e prossimi appuntamenti

Date Mon, 13 Nov 2006 11:12:22 +0100 (CET)


Oaxaca Libera!
Governo assassino!
Resoconto del presidio di fronte al consolato del Messico a Torino e prossime
iniziative.
Foto a quest'indirizzo:
http://italy.indymedia.org/news/2006/11/1180495.php
* * * * *
Giovedì 9 novembre si è tenuto un presidio di solidarietà con gli insorti di
Oaxaca al consolato messicano di via S. Quintino 32 a Torino.
Si sono appesi striscioni e bandiere e scanditi slogan per la libertà
dall'oppressione e dallo sfruttamento del popolo di Oaxaca e di denuncia della
violenta repressione attuata dalla polizia federale messicana contro un'esperienza
di autogoverno popolare quale l'APPO - assemblea dei popoli di Oaxaca.

Durante il presidio i presenti hanno deciso di effettuare iniziative di
solidarietà in contemporanea con lo sciopero generale proclamato per il 20
novembre in Messico.
Tutti coloro che sono interessati sono invitati a partecipare ad una riunione
organizzativa fissata per mercoledì 15 novembre alle ore 18 a Palazzo Nuovo, via
S. Ottavio 18, primo piano di fronte all'aula 15.

Ricopiamo sotto l'appello diffuso in questi giorni.

Appello alla solidarietà con il popolo di Oaxaca in lotta

"3:43 Del mattino, Oaxaca sogna, Messico sogna, America Latina sogna, il mondo
sogna... Radio
Universidad trasmette!"

"Il Messico è un paese di sogni e di sognatori, un paese dove è possibile vedere
un Rettore accanto ad una barricata, dove il giorno dei morti i bambini si
scambiano teschi di marzapane come fossero figurine, dove gli speaker di una radio
assediata da centinaia di poliziotti chiedono bottiglie vuote, benzina e
"Coca-Cola" mentre mandano in onda le canzoni della Spagna rivoluzionaria. Un
paese dove si sta scrivendo una piccola-grande storia che da Oaxaca è arrivata in
tutto il mondo."
Da Umanità Nova n. 36, novembre 2006

Continua la brutale repressione dello Stato federale messicano contro le
popolazioni di Oaxaca. Oltre alle decine di morti e alle centinaia di feriti ci
sono numerosi "scomparsi", desaparecidos nelle mani della polizia messicana che li
sta torturando.
La violenza poliziesca si sta continuando ad abbattere su donne e uomini che ormai
da mesi portano avanti una lotta intransigente per la dignità, la giustizia
sociale e l'autodeterminazione sperimentando percorsi di autorganizzazione e
autogestione non solo delle lotte ma anche della stessa vita sociale.
La gente dell'Assemblea Popolare dei Villaggi di Oaxaca (APPO) pretende le
immediate dimissioni del macellaio Ulises Ruiz, governatore dello stato di Oaxaca:
sosteniamo la loro lotta.
Il silenzio e la disinformazione dei media messicani e di quelli di casa nostra
mettono la sordina o distorcono volutamente il senso delle lotte del popolo di
Oaxaca. Criminalizzano gli insorti per avallare il comportamento del presidente
Fox e del governo federale i quali, per continuare a esercitare la loro
oppressione, preferiscono ridurre le rivendicazioni popolari a una questione di
ordine pubblico.
Solo l'informazione indipendente ha saputo rompere il cerchio dei media di regime
e proprio ad Oaxaca è stata colpita violentemente con l'uccisione di Brad Will,
mediattivista newyorkese caduto sulle barricate della città.

I media ufficiali ci hanno raccontato che la polizia federale aveva ripreso il
controllo della città, dopo la ripresa della piazza centrale occupata di giugno e
la rioccupazione del palazzo del governo. Mentono!
La Resistenza a Oaxaca continua: sgomberata una piazza ne è stata occupata
un'altra, persa una barricata ne sono state erette di nuove.

Le assemblee popolari sono l'autogoverno dal basso di gente che, stanca di
soprusi, ingiustizie e vessazioni ha ripreso in mano il proprio destino e per
questo sta pagando un duro tributo di sangue.

Occorre allargare la solidarietà. La lotta dei ribelli di Oaxaca è la nostra lotta.

Federazione Anarchica Torinese - FAI
Info:
fat@inrete.it
338 6594361


Da: Federazione Anarchica Torinese <fat -A- inrete.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center