A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino 4 nov.: diserta la guerra, diserta il militarismo!

Date Thu, 2 Nov 2006 13:58:32 +0100 (CET)


Due giornate contro la guerra, il militarismo, la retorica patriottica e
le missioni in armi.
Sabato 4 novembre ore 11 al Balön davanti all'Arsenale
Polentata antimilitarista - con banchetto informativo, musica, vino,
polenta concia. Durante la giornata sarà piantato "l'albero alle vittime
degli eserciti e degli stati".
Nel giorno che lo Stato italiano dedica alla memoria dei massacri della
prima guerra mondiale e all'esaltazione delle operazioni "umanitarie"
armate in Iraq, in Afganistan e in Libano saremo in piazza a manifestare
la nostra scelta di diserzione dal militarismo e dal suo portato di morte,
sopraffazione, gerarchia. Mentre il pacifismo italiano ha celebrato il suo
"De Profundis" sostenendo la missione in Libano, tacendo di fronte al
rifinanziamento di quelle in Iraq e Afganistan, le ragioni
dell'antimilitarismo, che affonda le proprie radici nella critica allo
Stato e alla gerarchia, divengono più urgenti e ci impongono di schierarci
dalla parte giusta: quella delle vittime, sempre e ovunque. In caso di
pioggia battente l'iniziativa si svolgerà al coperto, nei locali della FAI
in corso Palermo 46.

Venerdì 10 novembre ore 21,15 in corso Palermo 46, presentazione del libro
di Marco Rossi "Afganistan senza pace" (Edizioni Zero in Condotta). Sarà
presente l'autore. Questo libro getta luce su una guerra feroce, dove le
truppe italiane agiscono in prima linea su mandato di un governo
guerrafondaio, nel silenzio "sinistro" e assordante dei pacifisti di ieri.

NO A TUTTE LE GUERRE!
NO A TUTTI GLI ESERCITI!
Siamo in guerra. Una guerra le cui vittime sono in Afganistan, in Iraq, in
Libano ma non solo. Si muore anche in Italia.
Si muore affogati nel Mediterraneo perché una legge razzista vieta la
libera circolazione. Si muore di lavoro perché le tutele sono un lusso che
i padroni non vogliono pagare. Si muore di malasanità perché i soldi ci
sono per gli assassini in divisa ma non per i malati. E chi non muore,
vive male, perché gli affari sono affari e nulla fermerà il progresso.
Succede in Val Susa, succede in ogni angolo di quest'Italia ferita dal
TAV, dalle autostrade, dalla cementificazione. Il 4 novembre, anniversario
degli immani massacri della grande guerra, la retorica, quella più becera,
si spreca, per far dimenticare una finanziaria di guerra, leggi
liberticide contro i lavoratori, gli immigrati, le donne. Sono tornati in
auge i mai sopiti mostri dell'intolleranza, del razzismo, del
nazionalismo. La caccia alle streghe inaugurata dopo l'11 settembre va
avanti: leggi speciali negli USA consentono di tenere prigionieri senza
processo e torturare i nemici. Nel nostro paese le politiche securitarie
di Berlusconi trovano in Prodi un degno successore. La sicurezza diviene
il comodo alibi per giustificare restrizioni di libertà, tagli alla spesa
sociale, la militarizzazione del territorio. Il governo "pacifista"
mantiene le truppe in Iraq e Afganistan, dove fanno la guerra e la
chiamano pace, dove la "civiltà occidentale" sta edificando un monumento
fatto dei cadaveri degli uomini, donne e bambini che muoiono ogni giorno
in un massacro senza fine. Il governo "pacifista" ha anche inventato una
nuova missione di "pace" in Libano: uomini armati al servizio del grande
affare della ricostruzione di un paese in ginocchio. Nessuno di noi
dimentica che sono gli stessi che, nel '99, bombardarono a tappeto la
Serbia e il Kosovo. Guerra umanitaria, operazione di polizia
internazionale, guerra al terrorismo? cambiano i nomi ma non la sostanza
di una politica di potenza che vede il nostro paese in prima fila a
sgomitare per affermare con le armi il proprio diritto al saccheggio ed
alla rapina.

Oggi come nel 1915 le nostre ragioni sono quelle dell'antimilitarismo
radicale. Quello che si oppone alle guerre ed agli eserciti. Tutte le
guerre, tutti gli eserciti. Allora in tanti, tra i lavoratori strappati ai
campi ed alle fabbriche si ribellarono alla guerra e gettarono il fucile.
Tra le seicentomila vittime italiane di quel massacro diverse migliaia
erano i disertori, fucilati perché rifiutavano di partecipare alla
carneficina, di diventare assassini di Stato. Noi come loro siamo oggi
disertori: disertori dalla guerra e dalla sua logica di morte e
oppressione. Siamo uomini e donne di parte. La parte delle vittime degli
eserciti, delle guerre, degli Stati. Sempre e ovunque.

Federazione Anarchica Torinese - FAI
Corso Palermo 46 Torino
La sede è aperta ogni giovedì dalle 21
Mail fat@inrete.it
Tel. 011 857850 oppure 338 6594361


Da: Federazione Anarchica Torinese <fat -A- inrete.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center