A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.10: Unione: monetizzare la precarietà. Il fantasma del lavoro

Date Fri, 24 Mar 2006 13:17:33 +0100 (CET)


Un fantasma si aggira per la campagna elettorale ed è il mercato del
lavoro. Sul punto, sappiamo bene cosa pensi la destra berlusconiana: la
legge 30 del 2003, la cosiddetta legge Biagi, è un perno della politica
governativa di questi anni. La precarizzazione del lavoro, rendere i
lavoratori sempre più divisi e ricattabili, è stato un punto centrale
dell'azione di Berlusconi e dei suoi.
Scippati del TFR., derubati dal caro euro, depredati dal prelievo IRPEF
alla fonte, precarizzati e sfottuti, i lavoratori escono da questi anni
provati. Ciò non sembra animare le formazioni politiche che
tradizionalmente dovrebbero rappresentarli. Capita che il programma
dell'Ulivo, al capitolo sul mercato del lavoro, è stato scritto e
riscritto, in un continuo tira e molla tra i moderati della Margherita e
gli estremisti (?) della sinistra (?) DS, PRC, Comunisti Italiani.

Le ultime notizie di stampa dicono che il compromesso sarebbe stato
raggiunto: la legge Biagi non viene abrogata, ma superata (?).
Concretamente, verrebbero eliminate le forme più bieche e inusate di
contratto di lavoro, come il job on call (lavoro a chiamata) o lo staff
leasing (una sorta di lavoro interinale di gruppo).

Però resterebbero i co.co.pro., cioè i contratti di programma che hanno
sostituito i co.co.co., le famigerate collaborazioni coordinate e
continuative legittimate dal pacchetto Treu del 1997 (sembrano secoli fa,
vero?). Il co.co.pro sarà retribuito secondo il CCNL del settore ed in
questo modo si pensa di renderlo meno appetibile.

Per i guru dell'Unione, il lavoro interinale deve tornare alle origini,
cioè essere previsto solo per mansioni ricomprese in mansioni medio-alte e
non per tutti come la cattiva legge Biagi ha voluto. E già, proprio di
alto livello le mansioni dell'operaio di terzo livello CCNL Industria
Metalmeccanica: per assumere lavoratori interinali senza alcun limite dal
1997 (pacchetto Treu) al 2003 (legge Biagi), i datori di lavoro hanno
semplicemente inquadrato operai generici ecc. proprio in questo livello
(quello classico dell'operaio addetto alla catena di montaggio, per
intendersi), livello che è appunto stato considerato medio. Formalmente
l'inquadramento era un poco più alto rispetto alle mansioni, magari
semplici, ma quei pochi soldi in più servirono ad assumere praticamente
senza alcun limite.

Insomma pare chiaro che si vada verso una monetizzazione della precarietà.
Il pacchetto Treu dell'Ulivo ha tracciato il solco e la legge Biagi del
Polo delle Libertà ha spinto al massimo sull'acceleratore, facendo
dilagare la precarietà in tutto il mercato del lavoro. Oggi si stabilizza
la situazione di precarietà diffusa spalmando un poco di soldi sulle
ferite dell'insicurezza e della soggezione incondizionata del lavoro alle
esigenze del mercato.

Stiamo pur certi che troverà sempre più applicazione, inoltre, il
meccanismo della deroga alle regole generali per accordo sindacale: ai
contratti collettivi nazionali, come già oggi ampiamente accade, verrà
offerta la possibilità di introdurre eccezioni alle norme generali valide
per tutti.

Il meccanismo si sposa con la ventilata estensione della legge Bassanini
sulla rappresentanza sindacale nel pubblico impiego anche a tutto il
settore privato e della introduzione di regole per la elezione delle rsu
senza quota di riserva del 30% a CGIL-CISL-UIL. L'impressione è di una
maggior formalizzazione dei meccanismi della rappresentanza e di un
potenziamento dei sindacati rappresentativi legati al blocco
Margherita-DS. Questa formalizzazione è un'ulteriore passo sulla via dello
snervamento e svuotamento delle potenzialità del conflitto sociale,
sottoposto a procedure (vedi sciopero nei servizi pubblici essenziali) e
spinto a preoccuparsi della raccolta di tessere/voti a prescindere, nel
tentativo di legittimarsi attraverso i meccanismi dettati dalla legge,
piuttosto che della creazione e dell'allargamento di occasioni di
conflitto sul posto di lavoro.

Mentre la scena è occupata dall'onnipresenza mediatica del cavalier
Berlusconi e dalle polemiche che si porta dietro, dietro le quinte si
lavora alacremente per mistificare la realtà del mercato del lavoro e
stabilizzare la situazione di totale dipendenza del lavoro vivo dal
capitale, il frutto maturo che l'ultimo scorcio del secolo scorso ci ha
consegnato.

Simone Bisacca


Da Umanità Nova, numero 10 del 19 marzo 2006, Anno 86
http://www.ecn.org/uenne

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center