A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.10: Senza giustizia sociale non c'è pace. No alla guerra. In Iraq, Afganistan, Italia. ..

Date Thu, 23 Mar 2006 16:11:51 +0100 (CET)


La guerra puzza di cadavere, ma questo non implica che la pace odori di
gelsomino. I periodi tra guerra e guerra esalano un lezzo più sottile e
profondo, che a un naso sensibile e addestrato non sfugge.
(Savinio)
* * * * *
La guerra è progressivamente entrata nel sangue della società italiana, a
piccole ma crescenti dosi: un avvelenamento sottile, lento e letale. Tutto
può essere fatto risalire al lontano 1982, l'anno in cui per la prima
volta dopo il secondo conflitto mondiale, un ridotto contingente di truppe
italiane venne inviato in "missione di pace" nel Libano, suscitando
limitatissime opposizioni interne, nonostante l'esistenza in Italia di un
vasto movimento per la pace attivo contro il pericolo di un confronto
nucleare in Europa tra i due blocchi imperialisti attraverso la Nato e il
Patto di Varsavia.

Dopo decenni che hanno visto ulteriori interventi delle forze armate
italiane, ben lontani dai confini nazionali, tra i quali la partecipazione
alla prima guerra contro l'Iraq nel '91, alla famigerata missione Restore
Hope in Somalia dal '92 al '94 e all'aggressione Nato in Kosovo nel '99,
si è quindi giunti ad un presente in cui circa 6 mila militari italiani
sono impegnati in operazioni di guerra in Iraq e Afganistan.

Eppure, per quanto graduale, l'escalation interventista dei diversi
governi italiani non avrebbe potuto raggiungere gli attuali livelli di
coinvolgimento senza due condizioni essenziali: la giustificazione della
lotta al terrorismo e la professionalizzazione del servizio militare.

In particolare, la cosiddetta lotta al terrorismo, dichiarata su scala
globale dopo l'11 settembre 2001, ha infatti immesso nel comune sentire
l'oscura presenza di un nemico della "nostra" civiltà contro cui
combattere, ovunque e comunque.

Un nemico multiforme, invisibile, fanatico e senza confini che, oltre a
divenire il pretesto delle proiezioni militari dell'affarismo economico
made in Italy, è quotidianamente utilizzato per motivare le politiche di
sfruttamento, discriminazione e repressione attuate dalle oligarchie
dominanti contro le classi, le dinamiche sociali e le soggettività meno
"compatibili" del pianeta.

Per questo, si può affermare senza bisogno di alcuna conferma, che in
questi anni la guerra esterna ha incrementato quella interna, così come
quella sul fronte interno ha dato impulso a quella sui fronti esterni.

In Italia infatti, così come negli Stati Uniti o in Gran Bretagna, Israele
o Russia, si motivano sia occupazioni militari che misure liberticide
appunto da stato di guerra, proprio come mezzi necessari per debellare un
indistinto pericolo terroristico proveniente dall'esterno ma
pericolosamente alleato ad estremismi e dissidenze interne.

Elemento centrale di tale ossessiva narrazione ideologica è un nuovo
razzismo che in primo luogo, come indicato da Foucault, è il modo in cui,
nell'ambito di quella vita che il potere ha preso in gestione, viene
introdotta una separazione: quella tra ciò che deve vivere e ciò che deve
morire, ossia dell'immutato paradigma bellicista per cui vivere significa
occorre massacrare i nemici senza alcun riguardo o rimorso.

Senza questa premessa, lo spettacolo degli orrori, delle torture,
dell'annientamento propinato quotidianamente come informazione
democratica, non solo sarebbe inservibile ma persino controproducente sul
piano della propaganda, in quanto mostrerebbe la contraddizione insanabile
tra la vita rappresentata da ogni individuo e la violenza pianificata e
prodotta su scala industriale da tutti i sistemi di potere.

Invece se, come dimostrato dal regime nazista, l'equazione tra l'essere
nemico e l'essere inferiore, e quindi subumano, diventa verità la guerra
torna ad essere l'igiene del mondo e persino lo sterminio appare la più
efficace profilassi.

Da qui la necessità di un'opposizione alla guerra in grado di riconoscere
e minare la guerra anche nei rapporti sociali, nella comunicazione e nelle
strutture coercitive attraverso cui lo stato, in tutte le sue varianti
governative, conduce sordamente la sua guerra quotidiana.

Alvaro De Campos


Da Umanità Nova, numero 10 del 19 marzo 2006, Anno 86
http://www.ecn.org/uenne


_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center