A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.1: Rompere il silenzio. Chiesa e Stato scatenati contro la libertà delle donne: è tempo di reagire!

Date Wed, 18 Jan 2006 13:45:44 +0100 (CET)


Ancora una volta gli occhi del mondo guardano le donne. Ma, come sempre,
non guardano le donne, ma attraverso di esse. Ne attraversano i corpi
senza coglierne l'unicità e l'importanza. E attraverso esse vanno a
guardare l'embrione. Una piccola realtà ovale, l'ha definita il papa,
dimenticandosi che prima di essere una cosa tonda, un bambino è il
pensiero che sua madre ha fatto su di lui o su di lei, la decisione di
accoglierla, accoglierlo, che la donna ha preso.
Invece la donna è oggetto di sguardi, attenzioni, anatemi, ma non viene
vista. Nel corso degli ultimi 40 anni la maternità ha cambiato posto nella
vita delle donne, diventando da obbligatoria realizzazione femminile, a
scelta.

Questo prendere coscienza della necessità di decidere sul proprio corpo ha
destabilizzato il potere maschile. E se nelle case di fatto il potere
maschile diventa sempre meno forte e i rapporti sono sempre più paritari
sia in famiglia sia fuori, questo crea scompensi.

Ed allora è necessario ristabilire un ordine, soprattutto simbolico.

Io continuo a pensare che gli attacchi alla 194 non sono destinati a
portare ad una profonda revisione della legge, o quantomeno non hanno
questo come obiettivo prioritario. L'obiettivo prioritario è ristabilire
un modo di vedere le donne: egoiste ed assassine. Quello che si può vedere
oggi nei confronti nelle donne è un continuo accerchiamento, una continua
intimidazione, un tentativo di far sentire colpevole la donna che nella
vita sceglie partendo anche dalle proprie necessità, prima di quelle dei
figli e dei mariti.

La legge sulla fecondazione assistita negli ultimi anni e la ripresa del
dibattito sull'aborto oggi tentano di restaurare l'ordine maschile,
ristabilendo nelle mani dello stato ciò che è stato tolto dalle mani di
padri, mariti, fidanzati.

E in tutto questo dibattito "sulle" donne, si è dimenticati l'esperienza
delle persone reali, in carne ed ossa, siano esse madri, o padri.

Una esperienza che parla di bambini in difficoltà, (nel nostro paese
migliaia di bambini vivono in povertà), che parla di violenza domestica.

Una violenza, oramai dato assodato, che continua. Perché i rapporti di
possesso non posso essere cancellati da nessun codice di famiglia. Le
cronache di tutti i giorni ci raccontano che è proprio nei paesi
"socialmente avanzati" che le violenze domestiche sono più forti, perché
se l'uomo si sente indebolito nel suo potere così reagisce.

Perciò qualsiasi discorso dovrà essere fatto su maternità, sessualità,
aborto, dovrà andare oltre una rivendicazione di diritti, per arrivare a
un cambiamento delle coscienze. La rivendicazione di diritti è andata
molto estendendosi in questi anni, portando anche a delle modificazioni
sostanziali di alcune leggi. Ma i diritti, una volta affermati, non hanno
dato buoni frutti, come se aver scritto una legge potesse aver
tranquillizzato le coscienze, senza badare se poi questa abbia portato un
reale cambiamento.

In questo scenario assume anche una forte rilevanza la manifestazione del
14 gennaio a Milano.

Convocata da una assemblea di più di 1000 donne (e qualche uomo) che si
erano trovate in difesa della 194, ha però un respiro molto più ampio.
Parla della necessità di ricordare, come il titolo del volantino che
convoca la manifestazione, che "La libertà femminile dà origine alla
vita". Racconta la necessità di ricominciare a parlare "fuori", con gli
altri, con tutte le donne che in questi ultimi anni si erano un po' perse
di vista, affinché non si parli più "di" donne, ma "da" donne. Lo slogan è
usciamo dal silenzio, ma io non credo che le donne siano state in silenzio
in questi anni. Hanno pensato, parlato, agito: forse hanno talvolta
preferito una dimensione piccola, interna a chi era in sintonia con loro,
soprattutto, però, non sono state ascoltate. Ora la sfida è verso chi non
ha nessuna intenzione di capire e di accettare le donne come soggetto.

Verso uno sguardo della Chiesa sempre più invadente ed invasivo e di un
potere che le stende i tappeti rossi.

La donna e l'uomo in cui crediamo sono persone libere, non quelle che
vorrebbe la chiesa, osservate, plasmate, asservite dallo sguardo di dio
fin dal grembo materno.

r. p.


Da Umanità Nova, numero 1 del 15 gennaio 2006, Anno 86
http://www.ecn.org/uenne

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center