A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Paul Avrich, 1931-2006 [fr,en]

Date Thu, 23 Feb 2006 09:59:57 +0100 (CET)


Paul Avrich è morto a New York la mattina del 17 febbraio 2006. Da qualche
anno soffriva di quella brutta malattia che si prende la coscienza e
l'intelletto dei nostri anziani.
Di famiglia ebrea originaria di Odessa, poté studiare nell'URSS grazie
alla visita negli Stati Uniti di Nikita Krushcev nel 1959, quando non solo
batté la scarpa sui banchi dell'ONU, ma autorizzò pure degli scambi
studenteschi. Fu così che Paul, lavorando sulla tesi ("The Russian
Revolution and the factory committees", 1961), scoprì l'insurrezione di
Kronstadt ed il ruolo delgi anarchici nella rivoluzione. Ne uscirono
diverse opere, controverse ma pionieristiche. Ne scaturì anche l'affetto e
la solidarietà da parte sua nei confronti degli anarchici: per le persone,
più che per il loro impegno militante.

E' quello che lui cerca poi di insegnare ai suoi studenti del Queens
College di New York durante tutta la sua vita attiva e nonostante
l'opposizione iniziale delle autorità universitarie; la crescita negli
Stati Uniti della ricerca storica sull'anarchismo è senza dubbio
parzialmente dovuta alle "belle storie dello zio Paul". Non gli piaceva
niente di più che raccontare, e far parlare i suoi interlocutori: egli non
faceva parte della generazione che ha appreso a combinare la storia, la
sociologia e l'antropologia. Inoltre, leggeva senza difficoltà la maggior
parte delle lingue europee, tra cui il russo e lo jiddisch, fatto questo
che dà un ampiezza particolare alle sue opere.

Dopo gli anarchici russi, si lanciò in una grande storia del movimento
anarchico negli Stati Uniti, per capitoli tematici: Voltairine de Cleyre
per prima, poi le Scuole moderne ispirate da Francisco Ferrer, la tragedia
di Chicago del 1886, Sacco e Vanzetti, gli anarchici ebrei, gli immigrati
e i rifiugiati. Il suo ultimo lavoro importante riunisce duecento
interviste fatte nei precedenti trent'anni, "fonti di un valore
incomparabile per i futuri ricercatori... Ma la storia orale non prende il
posto della storia convenzionale, che deve essere attestata dai documenti
scritti... La memoria è spesso soggetta a lacune e gli errori fanno
capolino", scrisse nella prefazione a queste "voci anarchiche" ricche di
centinaia di note e di un indice gigantesco. Grazie a lui, questi
militanti, per la maggior parte "anonimi", non sono caduti nell'oblio e si
è aperta la strada a innumerevoli ricerche e riflessioni.

Paul Avrich era anche un fedele amico del CIRA, contribuendo generosamente
alle sue finanze e alle sue collezioni (dopo uno degli ultimi contatti,
sostenne la pubblicazione in russo di Volin, offrendo anche una sua
prefazione). Era anche fedele amico dei vecchi del movimento, mettendoli
in contatto tra di loro, seguendo le loro riunioni, facendo visite
regolari... e vedendoli scomparire, uno dopo un altro. Senza di lui la
memoria del movimento si sarebbe in gran parte perduta.


Marianne Enckell

* * * * * * * * * *

Principali opere di Paul Avrich:

* The Russian anarchists. Princeton University Press, 1967;
reed. 1978 (Les Anarchistes russes; trad. Bernard Mocquot.
Paris: Maspero, 1979; altre trad. in giapponese, spagnolo, italiano).

* Kronstadt, 1921. Princetown: Princetown University Press,
1970 (La Tragédie de Cronstadt, 1921; trad. Hervé Denès. Paris: Seuil,
1975; altre trad. in spagnolo e in ceco).

* Russian rebels, 1600-1800. New York: Schocken Books, 1972.

* The Anarchists in the Russian Revolution. New York: Cornell
University Press, 1973 (Gli anarchici nella rivoluzione russa;
trad. Michele Buzzi. Milano: La Salamandra, 1976).

La storia del movimento anarchico negli Stati Uniti, pubblicata dalla
Princetown University Press:
* An American anarchist: the life of Voltairine de Cleyre, 1978.
* The Modern School movement: anarchism and education in the
United States, 1980.
* The Haymarket tragedy, 1984.
* Anarchist Portraits, 1988.
* Sacco and Vanzetti, the anarchist background, 1991.
* Anarchist voices: an oral history of anarchism in America, 1995.

Grazie a Federico Arcos per avermi dato la triste notizia e per l'aiuto
con la bibliografia.


Traduzione a cura di FdCA Ufficio relazioni internazionali


_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center