A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.38: Governo: la conquista di banche , fondi pensione... I cordoni della borsa

Date Fri, 1 Dec 2006 09:47:00 +0100 (CET)


I primi sei mesi del governo Prodi si stanno concludendo con l'approvazione
della legge finanziaria. La composita maggioranza "di sinistra" che governa il
paese nelle ultime settimane è naturalmente entrata in fibrillazione a causa
dell'approvazione proprio della legge finanziaria, ma le tensioni e divisioni
di oggi non devono sviare l'attenzione da uno sguardo globale all'azione del
governo. Ciò che ci interessa, in prima approssimazione, analizzare, è la
relazione tra il governo in carica e il corpo della società, nonché la sua base
elettorale, costituita da circa la metà dei votanti alle ultime elezioni.
Questa relazione spicca chiaramente anche in momenti di "protesta" come quello
della manifestazione del 4 novembre contro la precarietà, una manifestazione
che si potrebbe dire "di lotta e di governo". Ma un passo per volta.
L'impressione è che questo governo e i partiti che lo compongono abbiano le
idee molto chiare su come intendano governare e che abbiano, rispetto al
governo Berlusconi, un'arma in più. Nonostante la forza elettorale che lo aveva
portato al governo e la forza comunicativa che da solo il gruppo Mediaset
poteva e può esprimere, il governo "di destra" non poteva contare su corpi
intermedi. Il modello della riforma costituzionale approvato dal parlamento a
maggioranza berlusconiana e bocciato dal referendum di giugno, andava proprio
in questo senso, fotografando, con l'elezione diretta del "capo del governo",
la situazione di legame im-mediato tra governo e governati. Del resto,
Berlusconi ha coagulato intorno alla sua figura forze politiche moderate e di
destra ed ha contato su un vasto appoggio nei ceti medi e anche in
significative aree popolari del paese. Al contrario, i partiti che hanno scelto
Prodi hanno un profilo ben strutturato e numerosi corpi intermedi fungono da
veri e propri azionisti di riferimento del governo in carica. È un dato che i
sindacati CGIL CISL e UIL, da un lato ed ACLI ed ARCI, dall'altro, non solo
abbiano sostenuto in campagna elettorale l'Unione, ma ne costituiscano un
puntello essenziale, esprimendo ceto politico, consenso e mobilitazione. In
questo senso Bertinotti e Marini sono le icone di questo legame tra sindacati
partiti e istituzioni che è l'ossatura del ceto attualmente al potere. Si
osservi poi che alla Margherita sono andati i ministeri che hanno a che fare
con cultura/comunicazione (scuola, telecomunicazioni, spettacolo/turismo),
lasciando ai DS attività produttive, lavoro, sanità ed esteri ed a Prodi/Padoa
Schioppa le misure direttamente economiche e finanziarie. Se alla Margherita è
andata quindi, semplificando al massimo, l'economia culturale ed immateriale, i
DS si sono attrezzati per controllare l'economia materiale. Il peso della
ricchezza e del denaro in politica è chiaro a tutti. Berlusconi era ricco di
suo e cinque anni da capo del governo l'hanno ulteriormente arricchito (assieme
naturalmente alla sua corte); inoltre, per Berlusconi e i suoi la "cosa
pubblica" era terreno di caccia da depredare e non vi è mai stata una vera
politica di privatizzazioni della destra perché le avevano già fatte i governi
precedenti dell'Ulivo e "tecnici". Il ceto politico-sindacale attualmente al
governo si riconosce invece in quello che semplificando potremmo chiamare il
modello tosco-emiliano: politica, economia, governo del territorio, sistema
creditizio, movimento cooperativo, UNIPOL, Monte dei Paschi, COOP, tutto
strettamente legato. Da tempo questo modello vuole fare "il salto di qualità".
Nel 1999, ministro dell'industria Bersani, i "capitani coraggiosi" di Colaninno
e Gnutti scalano Telecom con la benedizione dell'Ulivo: sembrava l'alba di una
"nuova imprenditoria"; certamente, il serio tentativo di un ceto politico di
acquisire un "peso specifico economico" abbastanza grande da contrapporre a
quello di Berlusconi. La tentata scalata alla BNL da parte di Unipol andava
nella stessa direzione, proprio mentre molto più silenziosamente Prodi metteva
a segno la fusione tra Banca Intesa e SanPaolo-IMI.

La finanziaria va letta dentro queste dinamiche. Soprattutto l'anticipo
dell'entrata in vigore della riforma previdenziale e dei fondi pensione, con lo
"scippo" del TFR, aumenta il potere economico di CGIL-CISL-UIL che dei fondi
pensione sono i principali gestori. È stato calcolato che il TFR annuo ammonti
a circa 19 mld di euro, certo un bel po' di denaro da gestire. Al tempo stesso,
il governo si è presentato come non ostile a Confindustria. Questo non è un
governo amico dei padroni: piuttosto, è un governo che non è nemico dei
padroni. Le forze che appoggiano il governo lavorano in primo luogo per se
stesse, per consolidare il loro potere, in primo luogo economico, e per durare.
Non intendono quindi mettere in discussione l'attuale mercato del lavoro che
hanno contribuito a modellare con il pacchetto Treu (legge 196/97), di cui la
legge Biagi (legge 30/03) si è presentata come ampliamento e perfezionamento.
La precarietà del rapporto di lavoro subordinato è un dato acquisito: ciò che
si deve rimuovere sono quegli aspetti più negativi che in realtà non solo
danneggiano i lavoratori, ma anche penalizzano le imprese che, di buon grado o
no, stanno alla legislazione vigente. Quindi si spiegano misure come quelle sul
lavoro nero, soprattutto nell'edilizia, o il disegno di legge contro il
caporalato, appena approvato. Il ministro del lavoro è poi già intervenuto a
bloccare i suoi ispettori che pretendevano da società come Atesia la assunzione
come lavoratori subordinati a tempo indeterminato di migliaia di lavoratori a
progetto (co.co.pro.): il meccanismo di regolarizzazione deve essere graduale,
i co.co.pro. diventeranno subordinati, ma a termine, penali ecc. saranno messe
da parte. Soprattutto, l'intero percorso deve essere gestito dalle
organizzazioni sindacali. Così il governo "fa bella figura" con la base
elettorale dei suoi partiti più radicali con norme (sacrosante) contro gli
aspetti più selvaggi dello sfruttamento e consegna alle organizzazioni
sindacali CGIL-CISL-UIL un ruolo di mediatore del mercato del lavoro che già
era ben delineato nella legge Biagi.

Una manifestazione come quella del 4 novembre contro la precarietà, quindi, va
letta all'interno dei rapporti di forza tra partiti di governo ("radicali"
contro "moderati"); come manifestazione tesa ad intercettare ed incanalare
l'evidente disagio di larghi strati di lavoratori che infatti vi hanno
partecipato in massa (come in massa, fatte le debite proporzioni, avevano
partecipato alla manifestazione del 6 ottobre sempre contro la precarietà ma
indetta da CUB-RdB); come riprova delle capacità di mobilitazione non solo dei
sindacati "di stato", ma anche di organizzazioni come ACLI e ARCI.

La partita in corso vede quindi delinearsi un ruolo sempre più attivo di
sindacati e organizzazioni collaterali nel mondo del lavoro non solo come
attività di tutela dei lavoratori. Sta prendendo piede un ruolo attivo e di
mediazione di soggetti che stanno sempre più modificando il loro profilo
secondo lo schema, dipende dai gusti, del classico disegno socialdemocratico,
oppure corporativo. Il sindacato diventa mediatore di lavoro, investitore,
socio di capitali di imprese, magari grandi cooperative, bianche o rosse, cui
amministrazioni pubbliche, locali o nazionali, affidano la gestione di parti
significative di stato sociale o veri e propri appalti, ai quali le coop
concorrono scontrandosi o alleandosi (i c.d. raggruppamenti di imprese solo per
l'appalto) con le imprese "normali". Non solo quindi dal sindacato alla
politica e viceversa, ma dal sindacato all'impresa alla politica alla finanza e
di nuovo al sindacato. Sullo sfondo, il modello di sindacato-istituzione
americano. Dietro le spalle, la tutela collettiva dei lavoratori come "ragione
sociale".

Se questa è la tendenza, è probabile che si sia già messa in conto una certa
emorragia di consensi tra i lavoratori più politicizzati e quindi un
rafforzamento del sindacalismo di base. Il problema per quest'ultimo non è
tanto quello numerico, certo importante, quanto quello di una strategia
all'altezza della situazione presente. Il richiamo all'autonomia dei
subordinati rischia di suonare vuoto. L'autonomia di classe è un progetto ed
una prassi, non una virtù di cui siano dotati i lavoratori in quanto tali. Il
conflitto tra capitale e lavoro si modella oggi sulla pluralità di tipologia di
imprese: non solo la classica impresa "privata", ma anche la cooperativa,
grande o piccola, nel cui consiglio di amministrazione siedono "compagni e
amici" già di sindacato, di partito "di lotta e di governo", di associazione.
Mentre lo stesso ceto di "compagni e amici" si fa banca, assicurazione, fondo
pensione. La conflittualità va quindi radicalizzata là dove essa è sempre
passata, cioè nel rapporto di produzione tra capitale (qualunque sia il suo
"colore") e il lavoro. Anche se oggi potenti mistificazioni e "cattive
coscienze" sono all'opera e "il padrone" ha un aspetto fin troppo "famigliare".

W.B.


Da Umanità Nova, n 38 del 26 novembre 2006, anno 8
http://www.ecn.org/uenne

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
http://ainfos.ca/it


A-Infos Information Center