A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Comunicato Comm. Antirazzista FAI: Il bastone e la carota

Date Sat, 5 Aug 2006 17:43:46 +0200 (CEST)


Il vecchio trucco del bastone e della carota è uno degli espedienti
preferiti da chi detiene il potere. In materia di immigrazione, il governo
italiano sembra voler ricorrere sistematicamente a questo stratagemma per
sollevare dei polveroni che servono solo a nascondere la realtà delle
cose. Per esempio, la riapertura delle quote di ingresso per i lavoratori
immigrati ha di fatto sanato la situazione di migliaia di persone che -
pur avendone fatto richiesta - erano rimaste tagliate fuori dalla
regolarizzazione. Ed è ancor più recente la notizia secondo la quale il
consiglio dei ministri ha approvato un decreto legislativo che accorcia i
tempi per la concessione agli stranieri della carta di soggiorno, facilita
le norme per il ricongiungimento familiare e sbroglia le lungaggini per il
conferimento della cittadinanza italiana agli immigrati. Ma questo quadro
idilliaco è come una filigrana che va vista in controluce. E, a ben
guardare, vediamo il ministro dell'interno Giuliano Amato che ottiene dal
suo omologo tedesco, Wolfgang Schaeuble, una stretta collaborazione per
pattugliare il Mediterraneo: esperti della polizia di frontiera federale
tedesca verranno in Italia per attuare una sinergia repressiva su scala
europea. Amato si è rivolto anche a Franco Frattini, il quale ha
assicurato la disponibilità della commissione europea a collaborare alle
operazioni di rimpatrio e a effettuare pattugliamenti delle coste mettendo
in relazione le polizie di Malta, Grecia, Italia e Libia. Insomma:
deportazioni, centri di permanenza temporanea e violenze poliziesche
continueranno a essere l'orizzonte di riferimento per chi riuscirà ad
arrivare vivo/a in Europa con buona pace di quella commissione
ministeriale di controllo dei CPT voluta da Amato e della quale fanno
parte diversi soggetti dell'associazionismo e del volontariato italiano.
In un momento in cui i nostri mari sono sempre più scenario di immani
sofferenze e tragedie, vere e proprie stragi di stato, ci disgusta sempre
di più questa propaganda del centrosinistra che cerca di accreditarsi come
governo umano e umanitario quando in realtà la sua azione è improntata a
una volontà repressiva che vuole togliere il problema alla radice
innalzando sempre di più le frontiere e riempiendo il Mediterraneo di
superpoliziotti europei magari pronti a chiudere un occhio all'occorrenza
per consentire a chi specula sul traffico di esseri umani di fare i suoi
loschi affari sulla pelle degli altri. La sottile ipocrisia del governo va
smascherata rilanciando la lotta per la libertà di circolazione per tutte
e tutti, contro tutti gli stati, le mafie e le frontiere.

NESSUNA COLLABORAZIONE CON LE ISTITUZIONI
ABOLIRE LE LEGGI RAZZISTE
CHIUDERE I CENTRI DI PERMANENZA TEMPORANEA
APRIRE LE FRONTIERE
LIBERE/I TUTTE/I!

Commissione Antirazzista della Federazione Anarchica Italiana - FAI

www.federazioneanarchica.org/antirazzista
fai-antiracism@libero.it


_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center