A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.12: Retorica bipartisan per un mercena rio assassino. Non per soldi ma per denaro

Date Tue, 4 Apr 2006 16:14:30 +0200 (CEST)


Alla fine ce l'hanno fatta, e la medaglia d'oro al valore civile al
contractor Quattrocchi, ucciso in Iraq, sono riusciti a fargliela avere.
Anche se solo alla memoria.
Del resto, viste le forze che si erano messe in moto, e soprattutto i
"valori" che questa classe politica condivide in maniera bipartisan, c'era
solo da chiedersi quando sarebbe venuto il momento. Quando, cioè, il
"presidente di tutti gli italiani", Carlo Azeglio Ciampi, avrebbe
accondisceso, più o meno convinto, a soddisfare il coro delle prefiche che
da più parti, anche con raccolte di firme nelle piazze del paese, chiedeva
il prestigioso
riconoscimento.
Fin dal rapimento dei quattro mercenari, infatti, si era levato un moto di
esaltata ammirazione per il "coraggio" che i quattro malcapitati stavano
dimostrando di fronte ai loro barbari aguzzini, e gli eredi del fascismo,
inconsolabili orfani di guerresche ed eroiche imprese di italiani veri
dalla mascella volitiva, hanno avuto finalmente quanto cercavano. E ci si
sono buttati sopra come avvoltoi, a corpo morto. Tanto più concretamente,
perché poi un "corpo morto" su cui banchettare, purtroppo, c'è stato
davvero.

Poco importa che, recentemente, abbiano trovato conferma le supposizioni
che i meno smaliziati, avevano avanzato sui veri compiti che i nostri
mercenari, e gli altri provenienti da mezzo mondo, dovevano svolgere.
Ovviamente ancora non abbiamo e non possiamo avere certezze matematiche ?
come sempre si dovranno attendere decenni per conoscere le verità di
regime - ma le rivelazioni sulla presenza di contractors anche italiani
nei tanti Abu Ghraib del libero Iraq, la dice lunga su molte cose. Sul
perché, ad esempio, i quattro siano stati rapiti mentre giravano con armi
sofisticate in dotazione all'esercito americano e perché soltanto uno di
loro, il capo, sia stato ucciso.

Sospetti, solo sospetti, certamente, ma che dovrebbero comunque
consigliare cautela. Anche e soprattutto in chi afferma, un po' troppo
pomposamente, di ragionare solo in termini costituzionali.

Ma tutto questo evidentemente non importa. Dopo la tempestiva messa in
onda del video con la famosa frase con la quale Quattrocchi ha creduto di
dover riscattare un ipotetico onore nazionale, si è subito cominciato a
sfruttare opportunisticamente questa provvida manifestazione di coraggio e
amor patrio. Perché le elezioni sono alle porte e tutto fa brodo. E questo
non solo, come è logico aspettarsi, da parte di fascisti e accoliti
(esemplare l'esagitazione di La Russa!), ma anche di un ceto politico che
a suo tempo, con la retorica patriottica, ci faceva più o meno quello che
diceva di voler fare Umberto Bossi con il tricolore.

Adesso, invece, a parte qualche onesta e coerente eccezione - che non
riguarda però chi sta solo elemosinando voti no global - sono tutti lì,
chi più chi meno, a plaudire al riconoscimento a Quattrocchi e a cercare
di dividersene le spoglie. Tutt'al più, per non perdere del tutto la
faccia, con qualche timida recriminazione sul mancato riconoscimento di
una medaglia ai soldati morti a Nassirya. In poche parole, l'unica
perplessità su questa sortita, riguarda la presunta discriminazione a
danno dei dipendenti statali, che non si sono visti assegnare la patacca
d'oro, a differenza di quanto è stato fatto per il dipendente privato.
Insomma, perché la medaglia a un mercenario privato e non a quelli
pubblici? Quale poi fosse la natura del lavoro dell'uno e degli altri (un
mestiere che, come strumenti, non richiede cacciaviti o computer bensì
mitragliatori) non interessa a nessuno, anzi!

Perché in fin dei conti, la questione è tutta qui. Cosa ci stavano facendo
quei quattro signori, in Iraq? E cosa stanno facendo, ancora oggi, gli
uomini dell'esercito italiano? A fare volontariato, a prestare assistenza
alla popolazione civile, a distribuire caramelle e cantare 'O sole mio per
la gioia degli iracheni? O piuttosto a coprire gli interessi pubblici e
privati dei criminali istituzionali che regolano i propri affari con
guerre, morti e distruzioni? E se poi, per proteggere questi pescicani
multinazionali, si deve girare armati e ogni tanto ammazzare qualcuno?
beh, si sa! il lavoro del mercenario è quello, mica altro!

Il deputato Ignazio La Russa, rispecchiando evidentemente un pensare
comune a destra e a manca, ha detto, in un attacco d'incontinenza verbale,
che "Quattrocchi è di tutto il popolo italiano, e che tutti noi gli
dobbiamo riconoscenza". Lungi dal metterci a polemizzare con un fascista,
anche perché non ci sarebbe partita. Però ci viene da dire che, o noi non
siamo parte del popolo italiano, oppure il signor La Russa sbaglia. O per
lo meno, come spesso gli accade, esagera. Fortunatamente, infatti, ancora
non tutti la pensano come lui, ma sono convinti che il mestiere del
mercenario non sia un bel mestiere. Avventuroso, probabilmente. Ma bello
proprio no! Altri sono, infatti, i valori di cui parliamo e a cui andrebbe
mostrata riconoscenza. Valori che poggiano sulla solidarietà, sulla
reciprocità, sul rispetto delle differenze, sul senso di uguaglianza, sul
principio della libertà. Valori "normali", portati avanti giorno per
giorno, nella piena quotidianità, da chi intende uniformare i propri
comportamenti ad essi. E in questo senso sono davvero valori eroici. Di un
eroismo che fortunatamente non ha bisogno, per esprimersi, di una morte
tanto "bella" quanto inutile.

MoM


Da Umanità Nova, numero 12 del 2 aprile 2006, Anno 86
http://www.ecn.org/uenne


_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center