A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.30: Lyon 6-9 settembre 2005. I cento a nni di Reclus

Date Tue, 27 Sep 2005 10:44:32 +0200 (CEST)


Reclus: chi era costui?
Oltre 40 relatori provenienti dalle maggiori università francesi, nonché
da Spagna, Portogallo, Italia, Svizzera, Gran Bretagna, Belgio, Norvegia,
Grecia, Libano, Giappone, Nuova Caledonia, Brasile, hanno risposto alla
chiamata dell'équipe di professori, ricercatori e studenti coordinata da
Philippe Pelletier, che con il contributo del CNRS, dell'Université
Lumière-Lyon 2 e della Jean Moulin-Lyon 3 ha inteso ricordare con un
convegno di studi internazionale il geografo anarchico.
Visto che quest'ultimo in Italia non gode della stessa notorietà, sarà il
caso di ricordare brevemente che Élisée Reclus (1830-1905) è stato una
delle più eminenti figure scientifiche del XIX secolo. Colpito a Berlino
dall'ascolto delle lezioni di Carl Ritter, che con Alexander von Humboldt
considererà sempre il suo principale maestro, e nei guai per la sua
opposizione al golpe bonapartista del 1851, Reclus trascorre alcuni anni
in viaggio per le isole britanniche e poi per le Americhe. Tornato in
Francia vive scrivendo articoli e guide di viaggi, nonché studi
geografici: la sua monografia di geografia fisica, La Terre (1868), gli
vale grande notorietà nel mondo scientifico internazionale.

Ma un altro fenomeno colpisce in quegli anni il nostro e lo segna per
sempre: la conoscenza con Bakunin e l'adesione alla componente anarchica
della Prima Internazionale. Da allora Reclus si considera fino alla morte
un militante anarchico, è nota la sua partecipazione alla Comune di Parigi
e l'esilio che ne deriva (solo la mobilitazione degli scienziati di mezza
Europa gli evita la deportazione in Nuova Caledonia), seguito
dall'ostracismo del mondo accademico. Ma non del pubblico, dal momento che
i 19 volumi della Nuova Geografia Universale, usciti dal 1876 al 1894,
sono per l'epoca un vero best-seller, e vedono sempre, come anche le opere
minori, traduzioni in 4-5 lingue.

Le posizioni politiche di Reclus sono vicine alla versione di Kropotkin
del comunismo anarchico, con una forte attenzione alle dinamiche
evoluzionistiche ed educative: la geografia, in questo senso, serve ad
avvicinare la consapevolezza del mondo nuovo. Il russo e il francese sono
infatti ricordati come "i geografi anarchici", perché anche Kropotkin in
gioventù era stato autore di opere di geografia fisica, e la
collaborazione fra i due si estende poi a questioni di geografia economica
ed urbana.

Negli ultimi anni di vita, Reclus lavora (pressoché gratuitamente) alla
Université Nouvelle di Bruxelles, sorta di istituto "autogestito" e non
riconosciuto dallo stato. Qui redige l'ultima delle sue opere maggiori,
L'Homme et la Terre, che secondo molti è la più importante, perché vi è
più presente il problema del metodo e della funzione della geografia, e
non è "autocensurata" come la NGU, per la quale Reclus aveva concordato,
con l'editore Hachette, che non vi si parlasse troppo di politica.


Riscoprire Reclus ovvero che cos'è la geografia

In un incontro preliminare gli organizzatori hanno spiegato il senso del
loro appello, diffuso mesi prima, per fare il punto su "Élisée Reclus e le
nostre geografie".

Reclus è stato riscoperto in Francia negli anni 70 come geografo impegnato
politicamente e socialmente, che aveva una concezione molto larga della
geografia, che per lui si deve occupare di un largo spettro di questioni,
dalla storia all'antropologia fino ai problemi politici, ambientali e
sociali che pone lo sviluppo industriale. Lo si è contrapposto ai geografi
accademici successivi, più attenti agli stili di vita rurali, e se ne è
fatto in qualche modo un "padre spirituale". Secondo i lionesi occorre
però approfondire veramente quello che ha detto, contestualizzarlo e
vedere di volta in volta cosa può essere utilizzato.

Paul Boino in questo senso ha rimarcato come Reclus si distingue dal
metodo marxista perché partiva dai fenomeni empirici senza applicarvi
schemi o sistemi dati: c'è un approccio complesso e molto problematizzato
che oggi è acquisito in quasi tutte la discipline ma all'epoca
assolutamente innovatore. In particolare nell'analisi dei fenomeni sociali
Reclus non utilizza la chiave economica al di sopra di tutte le altre
questioni: prende in considerazione una larga serie di ambiti e di
strumenti, ha un approccio interdisciplinare, con l'idea di una
interazione dinamica fra il genere umano e l'ambiente.

Jacques Défossé ha sottolineato la svolta che si è verificata negli ultimi
decenni ad opera di molti geografi, che hanno scelto di occuparsi di
pianificazione e progettazione territoriale, e di una serie di questioni
come il rapporto fra la popolazione, l'ambiente e le risorse. La
disciplina geografica si propone di nuovo, "reclusianamente", come una
scienza utile, che tenta di farsi carico dei problemi politici, ecologici
e sociali dell'immediato futuro: in generale, dare delle risposte sul
mondo.

È stata anche inaugurata, nel dipartimento di geografia dell'università
Jean Moulin, una esposizione con pannelli sulla vita e le opere di Reclus,
e una mostra di lettere, oggetti appartenuti al geografo ed alcune
edizioni di raro pregio delle sue opere, in collaborazione con la
famiglia.

Essendo impossibile rendere conto in questo spazio di tutti gruppi di
studio e gli incontri plenari, citeremo qualche intervento fra i più
significativi.


Reclus e l'ambiente

Nell'atelier "Fabbrica e ottica dell'oggetto geografico" è stata
perfettamente tempista la relazione di Yves-François Le Lay sui fiumi.
Riguardava gli scritti sul Mississippi e la zona di New Orleans, visitate
da Reclus negli anni 50 del XIX secolo. C'è uno studio attento e
dettagliato delle opere necessarie alla salvaguardia di un tale bacino
idrografico, nonché dei problemi della stabilità idrogeologica di una
città come New Orleans: uno dei tanti aspetti profetici che sono stati
sottolineati (forse anche all'eccesso) nell'opera di Reclus.

La tensione fra la necessità da una parte della vita e della giustizia
sociale e dall'altra la salvaguardia e gestione dell'ambiente è stata
sottolineata nelle relazioni sul pensiero urbano di Reclus, presentate da
Paul Claval e Ignacio Homobono. Lo studio della storia della città
attuale, specchio delle contraddizioni di classe, serve qui a costruire la
città del futuro, idea che ha avuto una forte influenza sul pensiero
urbanistico del XX secolo.


Reclus e la Spagna

Molto interessante il seminario sull'accoglienza avuta da Reclus nella
penisola iberica. Secondo Teresa Vicente-Mosquete, massima studiosa
dell'argomento, fino alla (drammatica) fine degli anni 30 non vi era sede
operaia che non tenesse in biblioteca i suoi libri, ed era su questi
volumi che gli operai spesso imparavano a leggere.

Non è difficile collegare questo alla grande consapevolezza dimostrata dal
proletariato spagnolo nel 1936, quando si trattò di fare sul serio, e
costruire nel concreto il comunismo libertario.

Secondo Nicola Ortega-Cantero questa grande popolarità non era solo dovuta
alla diffusione dell'anarchismo nel paese iberico, ma era condivisa delle
parti più avanzate della borghesia, che ricambiavano la simpatia
dimostrata da Reclus per i moti repubblicani negli anni 70 dell'800.


Reclus, l'educazione, le mappe.

L'Universitè Nouvelle, poi, teneva stretti contatti con la Scuola Moderna
di Ferrer y Guardia ispirando analoghi esperimenti, purtroppo non sempre
abbastanza studiati, in diverse parti d'Europa.

Anche di questa esperienza si è parlato in un atelier, ricordando quanto
Reclus considerasse importante agire sulla formazione e l'istruzione. Al
punto che all'Institut des Hautes Études si affianca per qualche tempo una
Ecole des Petites Études frequentata in primo luogo dai numerosi rampolli
della famiglia Reclus, che a Bruxelles si era trasferita in massa (il
fratello Elie insegnava come antropologo, il nipote Paul si può
considerare l'unico vero allievo del geografo).

Fra le altre cose, Henri Nicolaï e Soizic Alavoine-Muller hanno studiato
quella che è stata definita l'"utopia geografica" alla quale si lavorava
nel laboratorio di cartografia: Reclus non credeva nella carta geografica,
che è falsa perché riduce la realtà selezionandola secondo i criteri
ideologici della ragion di Stato, non a caso tutti gli istituti
cartografici nazionali sono stati fondati monopolizzati dai militari. Il
sogno (solo progettato) era presentare all'esposizione universale di
Parigi un enorme globo in rilievo, di 127,5 metri di diametro, con una
rappresentazione reale del mondo in scala 1:100.000.

Il laboratorio produsse comunque globi, e atlanti con proiezioni
sperimentali. Da notare che nonostante la critica della mappa, che già
caratterizzava Ritter e che sarà poi uno dei "piatti forti" dalla
geografia radicale negli anni '70, le opere reclusiane sono ricche di
carte tematiche (in alcuni casi "geopolitiche") estremamente innovative.


Anarchia e geopolitica

In alcune sessioni è stata posta la questione dell'anarchismo di Reclus.
Certi hanno sostenuto l'idea di un Reclus "poco anarchico", poco presente
nel movimento, con accenni anche un po' ambigui alla sua origine
protestante ed al suo presunto "spiritualismo".

Risposte a mio avviso efficaci sono venute fra gli altri dallo storico
Didier Giraud, che ha sostenuto l'impegno del nostro a favore del
movimento libertario come una costante della sua vita, testimoniata dalle
tantissime lettere che lo mostrano difendere scioperi, partecipare a
manifestazioni, sostenere finanziariamente il movimento e le sue
iniziative editoriali fra cui la rivista "Temps Nouveaux".

Per concludere, segnaliamo che fra gli ospiti italiani, Fabrizio Eva ha
proposto una griglia di interpretazione geopolitica basata su alcuni
concetti reclusiani applicati a scottanti situazioni odierne, come l'Iraq
e la Palestina, riscuotendo un forte apprezzamento da parte dei geografi
francesi. Se ne riparlerà a Milano il 12 e 13 ottobre.


Federico Ferretti


Da Umanità Nova, numero 30 del 25 settembre 2005, Anno 85
http://www.ecn.org/uenne

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center