A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: anarchici rompono la tregua olimpica

Date Mon, 26 Sep 2005 10:43:30 +0200 (CEST)


Protesta anarchica alla vetrina preolimpica "Young Words": aperti
striscioni e interrotto dibattito.
Foto a quest'indirizzo: http://italy.indymedia.org/news/2005/09/882183.php
* * * * * * * * * *
L'ultima serata della tre giorni "Young Words" organizzata dal comune di
Torino all'insegna dello spirito New Global per siglare l'inizio della
"tregua" olimpica in vista dei giochi invernali del febbraio 2006 ha visto
l'arrivo di un folto gruppo di guastafeste. Una cinquantina di anarchici
delle Case occupate e della FAI torinese sono intervenuti alla serata che
vedeva tra i mattatori alcuni dei guru intellettuali più noti nella
sinistra arcobalenista, cooperante ed alternativa. Mentre in una sala
gremita ma non troppo si esibiva Jeremy Rifkin, annunciati dal suono di
alcune trombe da stadio gli anarchici hanno aperto due striscioni. In uno,
siglato dalla FAI torinese, campeggiava la scritta "Nessuna tregua con chi
sfrutta e opprime", quello aperto dagli anarchici delle Case Occupate
metteva un epitaffio sull'operazione cosmetica tentata dal comune
dichiarando che "la tregua olimpica è una farsa". Che si trattasse di una
farsa mal congegnata lo dimostrava l'ampio spiegamento di Digos, agenti in
tenuta antisommossa, esponenti della security alla creatina e, ducis in
fundo, anglosassoni in blu con pistola bene in vista sotto la giacca che
volteggiavano tra gli stand della manifestazione. Fuori dal tendone dei
dibattiti montato in piazzetta reale, nella contigua piazza Castello, in
un unico calderone stavano Medici senza frontiere e frotte di suore,
artigianato terzomondialista assortito e Boy scout, danze brasileire e
donne in nero, il tutto condito da qualche centinaio di ragazzi radunati a
Torino per celebrare lo spirito olimpico. Nel pomeriggio la "tregua" era
stata sottoscritta al teatro regio da associazioni varie alla presenza
delle autorità cittadine. Un lago di melassa nel quale l'amministrazione
cittadina pretende di annegare la politiche all'insegna della repressione
messe in atto negli ultimi mesi contro chiunque si opponesse al razzismo,
al fascismo, alla devastazione ambientale. Sono stati mesi segnati dalla
criminalizzazione mediatica degli anarchici, dalle cariche e dagli arresti
del 18 giugno contro gli antifascisti, dagli arresti del 20 luglio, dagli
sgomberi di posti occupati, dalla morte non accidentale di quattro
migranti, dalla rivolta sedata a botte e deportazioni nel CPT, dalle lotte
dei valsusini contro il TAV, dalla protesta degli operai Fiat contro i
padroni della città. A rifare il trucco a Torino non bastano un po' di
lustrini e una manifestazione dal sapore mellifluamente internazionalista.
Tra gli sponsor olimpici, autentici campioni della difesa dei diritti
umani quali i trafficanti d'armi della banca S. Paolo, i campioni della
difesa ambientale e nella tutela dei lavoratori quali Mac Donald e Coca
Cola. L'irruzione degli anarchici nel salotto buono dei sinistri
amministratori della città è servita a gettare un fascio di luce
sull'ipocrita operazione mimetica con la quale si vogliono mascherare i
loschi affari dei soliti pochi in città. Nonostante le pressioni della
polizia l'arrivo degli anarchici ha catalizzato l'attenzione dei presenti
al punto che per circa mezz'ora il dibattito è stato interrotto, mentre in
sala venivano distribuiti volantini e in numerosi capannelli venivano
evidenziate le ragioni della protesta. Un esponente dell'Asilo occupato è
riuscito a fare un breve intervento dal palco nel quale ha denunciato il
lifting con il quale la giunta comunale tenta di coprire una realtà fatta
di oppressione, repressione. La tregua olimpica, la farsa di Chiamparino
& C. è stata rotta.
La loro pace ha il volto della guerra: noi non ci stiamo!
FAI Torino

Info:
Mail: fat@inrete.it
Tel. 011 857850 oppure 338 6594361

Di seguito il testo del volantino distribuito dalla FAI torinese


Nessuna tregua con stato e padroni

Persino ad una persona francamente impresentabile come l'attuale sindaco
di Torino può capitare di dirne una buona. L'idea di fare come i greci,
proclamando la tregua olimpica in occasione dei giochi invernali del 2006,
ci dice a chiare lettere che siamo in guerra. Se non lo fossimo bisogno ci
sarebbe di proclamare una tregua?

Ma il nostro bravo sindaco e con lui la giunta, i partiti della
maggioranza e quelli dell'opposizione, hanno un'idea particolare di
"tregua", che consiste nell'assicurarsi che tutti gli oppositori, quelli
che non amano il razzismo, il fascismo, la devastazione ambientale, la
servitù salariata, il TAV, le galere, i cpt-lager per migranti siano messi
a tacere. Con le buone e, se necessario, con le cattive. Non è il caso di
stupirsi. Chi fa parte di un partito, i DS, che è pacifista solo con le
guerre proclamate dagli altri (vedi "missione" in Iraq) e neppure tutte
(vedi Afganistan), e che chiama le guerre che scatena "operazioni
umanitarie" c'è da aspettarsi di tutto. I morti sotto i bombardamenti in
Serbia e Kossovo tanto non vanno mica a votare. I torinesi, sia pure
sempre meno, a votare ci vanno e ci andranno anche tra qualche mese. E
allora? A Roma una volta si diceva "pane e circo". Di pane qui sotto la
Mole a dire la verità non è che ce ne sia molto e allora vai con il circo!
I giochi olimpici del 2006, un baraccone miliardario dove una montagna di
soldi pubblici sono spesi per gli interessi dei soliti pochi, una vetrina
promozionale per dare lustro ad una città che affonda peggio di New
Orleans nella melma del dopo Fiat. I padroncini nuovi si esibiscono alla
penosa kermesse della "grande" Punto, mentre fuori si sa che si tratta
solo di prolungare l'agonia succhiando il più possibile da una città che
di sudore e sangue sull'altare del profitto ne ha versato sin troppo.
Questa vetrina non la deve sporcare nessuno e allora, con l'ausilio di una
suadente campagna di criminalizzazione mediatica, quest'estate sono
partite le grandi manovre repressive. 19 inquisiti, di cui 9 ancora agli
arresti domiciliari accusati di devastazione e saccheggio. La loro colpa?
Aver tentato di manifestare in centro per denunciare l'aggressione
fascista contro due occupanti del Barocchio feriti da una squadraccia
fascista che mirava ad uccidere. Contro gli antifascisti e contro gli
antirazzisti che un mese prima avevano manifestato in solidarietà ai
migranti in rivolta al CPT di Torino, si è scatenata prima la polizia, poi
la magistratura. Il potere politico e la stampa hanno fatto il resto. Il
sindaco si è distinto nel chiedere lo sgombero dei posti occupati e dei
centri sociali e le forze del disordine statale hanno prontamente risposto
con sei sgomberi: Osservatorio ecologico per tre volte, LSO e Fenix. E, a
sentire i velinari della questura, pare che non sia ancora finita.

La "tregua" olimpica di Chiamparino e soci ha il volto della guerra, della
guerra sociale.

Una guerra che mira a mettere la sordina sulla Val Susa, dove un'intera
valle dice NO al TAV e dove i politici di ogni colore stanno lavorando per
fiaccare la resistenza della popolazione che per mesi ha bloccato
l'apertura dei cantieri. L'ultima trovata sono i tavoli tecnici per
prendere tempo prima delle olimpiadi. Una guerra che mira a trattare da
criminali coloro che si oppongono alle leggi razziste ed alle galere per
migranti, alle deportazioni ed al razzismo. Una guerra che vede i fascisti
scorazzare per la città mentre gli antifascisti sono nel mirino di giudici
e poliziotti. Una guerra in cui gli operai Fiat che fischiano il sindaco
sono trattati come nemici mentre si sprecano sorrisi e strette di mano per
i padroni della città. Una guerra in cui agli anarchici fanno indossare
gli abiti dei cattivi da perseguitare per mettere a tacere chi, in questi
anni si è opposto con determinazione e tenacia alla guerra, ai
bombardamenti umanitari, all'occupazione militare dell'Iraq e
dell'Afganistan?

Chiamano tregua invitare a Torino un po' di ragazzi per una vetrina di
pace ma dietro questa vetrina a due passi da noi, ci sono altri ragazzi:
ragazzi che muoiono in mare, ragazzi che vengono rinchiusi e deportati,
ragazzi che non hanno futuro in paesi devastati dalla feroce guerra per il
dominio.

In questa guerra non c'è tregua. Chi pensa tuttavia che manganelli, galera
e repressione possano fermare le lotte sociali non conosce il cuore di
questa città che pretende di amministrare, non sa che se stato e padroni
non danno tregua? saranno in molti a non darne loro.

Federazione Anarchica Torinese - FAI
Corso Palermo 46 - la sede è aperta ogni giovedì dopo le 21,15
Mail: fat@inrete.it
Tel. 011 857850 oppure 338 6594361

Da: Federazione Anarchica Torinese <fat@inrete.it>


_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center