A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Israele-Palestina: Manifestazione congiunta a Bil'in vince contro esercito e polizia

Date Mon, 12 Sep 2005 16:56:43 +0200 (CEST)


Venerdì 09 settembre 2005
La sera di giovedì 8, sono arrivati a Bil'in alcuni membri dell'iniziativa
degli Anarchici Contro il Muro ed altri della coalizione contro il
recinto, vista la minaccia del comandante regionale che "non ci saranno
più manifestazioni contro il recinto di venerdì a Bil'in". Con i blocchi
stradali e la repressione del venerdì precedente, si rischiava l'assenza
degli israeliani, la cui presenza dà qualche garanzia alla popolazione
locale contro le misure repressive ancora più violenti. E infatti, anche
oggi abbiamo sentito più volte come i comandanti gridavano ai militari di
non sparare perché c'erano anche degli israeliani lì.

La giornata è iniziata alle 5,00 quando un gran numero di militari è
entrato nel villaggio, dichiarando il coprifuoco. La zona è stato
dichiarata zona chiusa militare, in modo che si poteva costringere agli
israeliani di andar via. Poco dopo, i militari sono arrivati alla casa
usata dagli attivisti internazionali ed israeliani quando dormono al
villaggio.

Si sono astenuti dall'entrare nella casa dell'ISM, anche perché il
proprietario, Abdallah, l'aveva chiusa a chiave, a sfidava ai militari di
sfondare la porta, cosa che avrebbe creato scandalo fosse successo.
Invece, sono entrati nella casa accanto dove la metà degli israeliani ed
internazionali hanno pernottato e hanno ordinato a questi di andar via dal
villaggio. Gli israeliani ed internazionali hanno detto che l'avrebbero
fatto ma che serviva qualche minuto per prepararsi, raccogliere gli
effetti personali e così via. Le forze dello Stato hanno accompagnato le
persone alla casa dell'ISM ma sono rimasti estremamente delusi quando
tutti quanti poi si sono rifiutati di muoversi...

Ci hanno minacciato di fare irruzione tra 10 minuti... una ventina di
volte! Durante queste 3 ore, noi abbiamo fatto quello che avevamo
promesso: se la manifestazione fosse stata impedita, avremmo manifestato
dalle case. Così, abbiamo appeso dal tetto delle grandi tele con dei
grafici e slogans e qualche cartella grande preparata durante la vigilia
dai compagni. Infatti, data la presenza massiccia dei media, ansiosi di
non perdere l'irruzione e l'arresto di 20 attivisti, l'evento è diventato
una vera manifestazione.

Questa scena è continuata finché non siamo usciti dalla casa e dal cortile
per poter salvare dall'arresto un palestinese che lavora nella lotta e che
era stato fermato nei pressi della casa.

Era la perfetta opportunità per le forze dello Stato di acchiappare noi 6
israeliani che avevamo dormito la notte lì. Si è potuto "de-arrestare" uno
solo di noi, grazie ai compagni palestinesi.

Questi 5 israeliani sono stati i primi ad essere arrestati (insieme a 3
internazionali, sospettati di essere israeliani). I 5 sono stati anche i
primi ad essere rilasciati (con le solite condizioni - cauzione e accordo
di non tornare a Bil'in per 2 settimane...) dal momento che sono stati
accompagnati al commissariato di Givat Zeev quella stessa mattina, sul
tardi.

Verso mezzogiorno, hanno cercato di entrare nella zona i 200 israeliani
provenienti da Tel Aviv, Gerusalemme e Haifa che hanno risposto
all'appello per uno sforzo particolare contro le vessazioni dello Stato
nei confronti della manifestazione settimanale di Bil'in. Hanno trovato
bloccate tutte le strade. La maggior parte, tra cui anche degli anziani di
oltre 80 anni, hanno dovuto tentare di raggiungere il villaggio a piede
passando per le colline, una gita di un paio di ore sotto il sole.

Un gruppo consistente di attivisti è riuscito a penetrare il villaggio,
entrando nella moschea, nonostante la presenza dei militari israeliani che
hanno cercato di bloccare la gente fisicamente.

Così, alle 14,00 le forze dello Stato avevano già arrestato Abdallah
(membro del comitato popolare del villaggio contro il recinto) per aver
rifiutato di aprire la sua casa che conteneva l'appartamento dell'ISM, e
inoltre 20 attivisti israeliani che avevano cercato di arrivare a Bil'in
raggirando i blocchi stradali.

Il villaggio, poi, è stato bombardato con gas lacrimogeni in conseguenza
agli scontri tra i ragazzini del posto che lanciavano sassi e i militari
che cercavano di imporre il coprifuoco e catturare gli israeliani. Ad un
certo punto le forze dello Stato hanno ferito in modo grave un
palestinese. Hanno consentito ad un compagno palestinese di accompagnarlo
all'ospedale di Ramalla, ma quando questi è tornato al villaggio, i
militari l'hanno costretto a scendere (perché violava il coprifuoco!) e
hanno frantumato i vetri della macchina.

Quando è arrivata la massa di israeliani, sono finiti le caccia
all'israeliano e gli arresti, e i militari si sono accontentati di restare
nei pressi della moschea.

La gente è quindi rimasta lì, manifestando sempre e a volte dando sostegno
ai giovani del villaggio che continuavano a confrontarsi con le forze
dello Stato fino alla sera. Durante il pomeriggio, l'esercito e la guardia
di frontiera ha abbandonato il centro del villaggio lungo la strada dove
si svolge normalmente la manifestazione del venerdì.

Verso le 16:30, gli israeliani che, scappando dai lacrimogeni, si sono
trovati in un cortile vicino alla moschea hanno aperto un dibattito per
decidere cosa fare. Alcuni si sono mostrati soddisfatti dal mero fatto di
essere arrivato a Bil'in nonostante il coprifuoco o dalla manifestazione
davanti alla moschea. Altri volevano intervenire nella lotta dei giovani
contro le forze dello Stato in qualità di fotografi e osservatori, per
prevenire gli eccessi nelle risposte dei militari ai lanci di sassi. La
maggioranza ha deciso di sfruttare l'opportunità presentata dall'assenza
delle forze dello Stato dalla parte sud del villaggio e andare in corteo
fino al cantiere del recinto... proprio quello che i militari hanno
cercato di impedire.

Infatti, per la prima volta in diversi mesi di manifestazioni settimanali
(che vengono sempre bloccate sulla strada per il cantiere), un centinaio
di israeliani e palestinesi sono riusciti a raggiungere il cantiere. Ma
appena siamo arrivati, è comparso il comandante regionale dell'esercito
con una forza di 10 uomini in due macchine, ma erano insufficienti per
fermarci.

Il corteo lungo il percorso del recinto è andato avanti per un po', in
compagnia delle 2 macchine dell'esercito. I militari hanno tentato di
arrestare Mohammed (un altro membro del comitato popolare del villaggio),
ma l'abbiamo impedito.

Poi, siamo tornati al centro del villaggio per un breve confronto con le
forze dello Stato che non erano ancora riuscite a calmare i lanciatori di
sassi. Abbiamo appreso che altri 10 sono stati fermati per un po' nel
pomeriggio, ma non erano stati accompagnati al punto di detenzione.

Nel tardo pomeriggio, i militari hanno rilasciato una decina dei fermati e
hanno portato al commissariato di Givat Zeev il palestinese Abdallah
insieme a 6 israeliani.

Dopo gli accertamenti al commissariato, la polizia ha deciso di tenere
Abdallah e un israeliano per la notte ma gli altri 5 israeliani hanno
annunciato la loro volontà di restare insieme ai 2, in un segno di
solidarietà. Infine tutti gli israeliani sono stati rilasciati, mentre
Abdallah è stato accompagnato a Ofer, il campo di concentramento
israeliano che "ospita" palestinesi.


I.S.


Resoconto e traduzione di ainfos

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center