A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Comunicato FdCA: Il cuore non batte a destra, signor ministro

Date Tue, 15 Nov 2005 18:03:57 +0100 (CET)


Dopo aver ascoltato le dichiarazioni rilasciate lunedì 14 ad Ancona
durante la sua visita dal ministro Storace, ci chiediamo quale senso della
logica lo porti a definire l'uso della pillola abortiva RU486 con quella
che lui definisce "incentivazione dell'aborto". E' evidente che il
ministro, non potendo abolire la 194, pretenda che le donne che scelgono
di abortire subiscano almeno lo shock dell'intervento (e magari le
vessazioni di chi, nelle strutture sanitarie, pensa di dover imporre col
disprezzo le proprie convinzioni religiose).
Riteniamo che la scelta delle regioni di offrire l'aborto farmacologico,
che nel resto d'Europa è ormai prassi abituale, sia una scelta di civiltà
ormai improcrastinabile.

Pare invece che la politica di "incremento della natalità" perseguita da
questo governo e rivendicato da Storace non consista solo nelle elemosine
concesse in finanziaria, per di più elargite indiscriminatamente,
togliendo così risorse a chi è effettivamente in difficoltà economiche.

Alla retorica clerico-fascista che sta montando (a quando il ripristino
della giornata della madre prolifica di mussoliniana memoria?) occorreva
anche affiancare queste offese alla dignità e alla libertà di scelta
femminile.

In attesa di qualche esternazione contro l'educazione alla contraccezione,
che siamo sicuri non tarderà, il ministro ci informa che questo farmaco,
che permette di evitare sin dall'inizio la gravidanza, sarebbe contrario
alla "cultura del paese"! Forse alla sua, che ha studiato alla scuola di
Alleanza Nazionale, che invita i cittadini con... il cuore a destra a
scegliere AN come partito.

Invece nella nostra cultura la sessualità, contrariamente a quello che
indicano la Chiesa cattolica e il ministro Storace, non è una banale
eredità dell'homo erectus, funzionale solo a far figli, ma un evoluto
strumento di piacere, conoscenza ed espressione.

Noi non siamo disposte/i a cedere sul diritto di scelta informata su
contraccezione e procreazione responsabile, rigettiamo il tentativo di
subordinare l'esercizio della professione medica alle ipocrisie di regime
e alla piaggeria clericale.

Quella del ministro e degli scuri fautori del "peccato" è solo una
battaglia tesa a ricondurre le donne al loro ruolo di fattrici e che si
lega molto bene con la ormai quasi completa assenza delle donne dalle
strutture di governo di questo nostro paese.

Auspichiamo una ripresa della presenza politica delle donne e soprattutto
una rinnovata capacità delle donne - di noi donne di riflettere su questi
temi e di farsi sentire nelle piazze.


Federazione dei Comunisti Anarchici
14 novembre 2005

http://www.fdca.it

Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca@fdca.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center