A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Cile: Dichiarazione di appoggio per lo Sciopero della fame della Organización Comunista Libertaria-Cile [ca,en]

Date Fri, 27 May 2005 12:35:45 +0200 (CEST)


Con il presente comunicato pubblico, vogliamo manifestare il nostro
appoggio solidale e fraterno al nuovo movimento iniziato dagli attuali
Prigionieri Politici, incarcerati grazie all'applicazione della Legge
Antiterrorista ereditata dalla Dittatura criminale e strumento piuttosto
utile per gli attuali governi della Concertazione, usato
indiscriminatamente tanto per criminalizzare le giuste lotte sociali come
per colpire il popolo-nazione dei mapuche nella loro giusta rivendicazione
di terra, libertà e autonomia.
Con il presente, manifestiamo il nostro più energico ripudio dell'ordine
attuale che esclude socialmente la grande maggioranza dei lavoratori, gli
abitanti dei quartieri popolari e gli studenti.

Inoltre, manifestiamo il nostro fermo appoggio ai propositi e obiettivi
dei Prigionieri Politici nella loro lotta per porre fine al prigione e
nella loro lotta per la libertà.

Ci appelliamo a tutte le organizzazioni sociali e politiche coinvolti
nella lotta contro l'ordine attuale ad unirsi alle varie iniziative di
appoggio concreto nella lotta per la libertà di tutti i prigionieri
politici cileni, mapuche e internazionalisti, e che si mobilitino per la
fine della Legge Antiterrorista.

Arriba los que luchan!
Nessuna lotta senza solidarietà!


Organización Comunista Libertaria
OCL - Cile

Santiago 19 maggio 2005

*******************************

COMUNICATO PUBBLICO

La Prigione Politica esiste tuttora dal momento che è uno strumento utile
nelle mani del sistema capitalista e il suo ordine sociale. In Cile ci
sono ancora sei prigionieri politici che non hanno potuto usufruire
dell'indulto dell'agosto 2004 per vari motivi di natura
"tecnico-juridica". E' già passato quasi un anno da questo evento politico
e, dopo varie chiacchere è stato presentato un nuovo Progetto di Legge,
datato 4 maggio, alla Camera dei Deputati, che cerca di trovare una
soluzione al problema dei prigionieri politici condannati sotto la Legge
Antiterrorista creata per criminalizzare le lotte sociali e popolari.

Il Progetto di Legge, patrocinato da dieci deputati della concertazione
(il governo "democratico"), con il sostegno della Chiesa cattolica, delle
organizzazioni per i diritti umani e diversi collettivi e organizzazioni
del mondo popolare, è ora davanti alla Commissione per i Diritti Umani,
dove deve essere discusso prima che sia ripresentato nella Camera per il
voto.

La nostra lotta per la libertà si base su di una legittimità che si
estende a diversi protagonisti e settori della società cilena e sul cumulo
di aberrazioni che in quattro anni ci hanno applicate: una media di
tredici anni di carcere, undici nel rigore del Carcere di Alta Sicurezza,
senza una difesa degna e efficace, torturati nella nostra detenzione,
giudicati dalla feccia della giustizia cilena - la giustizia militare -
che si fa giudice e parte, violando i principi del diritto internazionale.

Non abbiamo mai negato la nostra attività da sovversivi e rivoluzionari,
siamo combattenti che affrontano risolutamente la dittatura assassina e il
suo erede neoliberista per costruire una società dove i vari popoli e le
varie communità possano vivere in abbondanza e felicità. NON SIAMO
TERRORISTI e viviamo la nostra prigionia con dignità e sogni. Qui, l'unico
terrorismo è quello di Stato.

Noi, Prigionieri Politici che ci riuniamo nel Cercere di Alta Sicurezza,
alla luce di quanto detto sopra, abbiamo deciso di iniziare uno SCIOPERO
DELLA FAME E DELLA SETE indefinito, come modo estremo di conquistare ORA
LA NOSTRA LIBERTA'. La nostra protesta è atta ad accelerare l'iter
parlamentare e che non si allungano i tempi per la sua risoluzione
effettiva; perché il governo chiuda questo capitolo della prigione
politica durato quindici anni, adempiendo così al suo impegno pubblico e
politico. Le condizioni per la sua ratifica esistono, mancano solo la
decisione e la volontà politica.

Infine, vogliamo segnalare, in tutta trasparenza, com'è la nostra
consuetudine, che siamo e continueremo ad essere lottatori coerenti contro
l'impunità e saremo sempre contro gli assassini e torturatori del nostro
popolo.

LOTTANDO PER LA LIBERTA'!!
BASTA CON LA LEGGE ANTITERRORISTA!!
LIBERTA' ORA PER TUTTI I PRIGIONIERI POLITICI!!


Pablo Vargas - Hardy Peña - Claudio Melgarejo

COLETTIVO Di PRIGIONIERI POLITICI
"CONVERGENCIA POR LA LIBERTAD"

Santiago, Cárcel de Alta Seguridad, 16 maggio 2005.


_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center