A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Tutti a Rimini il 19 marzo!

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Thu, 17 Mar 2005 18:44:12 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Contro tutti gli eserciti!
Il 19 marzo è stata da tempo convocata una manifestazione a Rimini,
perché fermare la guerra significa tagliare le radici del militarismo
nostrano, quello che si traveste da "missione umanitaria"
è la base degli elicotteristi del “reggimento “Vega” di stanza a
Nassirija, dove nella battaglia dei ponti i "nostri" soldati di pace
hanno ammazzato centinaia di uomini, donne e bambini.
Per questo motivo, il 19, giornata di azione antimilitarista
internazionale, abbiamo scelto di essere a Rimini.

GIORNATA ANTIMILITARISTA INTERNAZIONALE

Tutte le guerre contro di noi,
noi contro tutte le guerre

CONTRO tutti gli eserciti /PER la diserzione
CONTRO tutte le frontiere / PER la libera circolazione di ogni individuo
CONTRO tutti i nazionalismi / PER la solidarietà tra gli oppressi
CONTRO la devastazione sociale prodotta dal capitalismo / PER
l’autogestione e l’uguaglianza
CONTRO tutte le religioni / PER il libero pensiero

CONTRO LO SFRUTTAMENTO E LA REPRESSIONE GLOBALE, PER LA GLOBALIZZAZIONE
DELLE LIBERTÀ

Sabato 19 Marzo Manifestazione a Rimini
Punto di incontro alle 14,30 all'Arco di Augusto

IFA - Internazionale delle Federazioni Anarchiche
FAI - Federazione Anarchica Italiana
www.federazioneanarchica.org
cdc@federazioneanarchica.org

Pullman e treni:
Da Carrara, Versilia, Spezia: pullman per Rimini
Si invitano i compagni del circondario a prenotarsi per il pullman del 19
marzo per la manifestazione di Rimini. Telefonare allo 0585 75143, orario
di lavoro.

Parma e Reggio: pullman per Rimini
Per la manifestazione di sabato 19 marzo a Rimini, il gruppo
anarchico"A,Cieri", insieme ai compagni reggiani, sta organizzando un
pullman. Partenza approssimativamente a metà mattinata da Parma e rientro
al termine della manifestazione. Per contatti: 349/4144324; 340/9773493

Da Milano per Rimini partenza dalla stazione ferroviaria centrale alle
ore 10 (trovarsi ore 9,30).

Da Torino per Rimini partenza dalla Stazione di Porta Nuova ore 7,45
(Porta Susa ore 7,52) e arrivo a Milano un ora e mezza dopo. Da Milano
partenza ore 10 (assieme ai compagni di Milano).
Info: 011 857850 338 6594361

-----------------------------------------------------------
Da Umanità Nova n. 10 2005
Dal Kossovo all’Afganistan all’Iraq… antimilitaristi, sempre
Fuori gli eserciti dalla Storia, dall’Italia, dall’Iraq
Circa sei anni fa, nell’aprile del 1999, andammo a Rimini per dimostrare
contro la guerra in Kosovo: la città era piena di manifesti targati PDS
che rammentavano le ragioni umanitarie dell’intervento Nato, a cui
l’onorevole D’Alema, allora presidente del Consiglio, si vantava di aver
dato un contributo, di morte aggiungo io, superiore a quello Inglese e
Francese. L’Italia pacifista era allora pressoché bloccata, inerme ed
immobile e le ragioni, forse, sono abbastanza facili da capire: i cani da
guardia del riformismo nostrano erano in prima linea nel fronte bellico.
Lo stesso movimento rimase altrettanto immobile, ad eccezione di piccole
componenti, anche due anni dopo nel 2001, quando, nuovamente, Fassino e
soci, pur dall’opposizione, ritennero inevitabile il bombardamento
dell’Afganistan, a seguito degli attentati alle Torri Gemelle, con il
benestare della loro “sinistra” interna, non ancora coesa intorno ad un
progetto unitario, denominato in seguito “Correntone”. Il pacifismo era
allora proprio di quei settori che non si rassegnavano all’eventualità
bellica di una parte della sinistra istituzionale, gruppi della sinistra
comunista, di cattolici non violenti, di antimperialisti di varia
umanità, del sindacalismo di base, etc.
Naturalmente anche noi, anarchici, rimarcavamo il nostro storico
antimilitarismo, che non ha mai significato né connivenza con i soprusi
ed i massacri del Potere né rassegnazione democraticista, o ancora
peggio, guerrafondaia.
Scendevamo in piazza con tutti quelli che si opponevano alla guerra,
soprattutto nelle realtà locali dove eravamo presenti e non raramente
provavamo disgusto, che non è mai scomparso, e contrapposizione contro
quell’antibellicismo di regime, che sfoggiava, con altri simboli di
oppressione (Milosevic e dittature di varia natura, le bandiere nazionali
in genere) il dissenso ai nuovi massacri (le guerre “umanitarie”). Quando
il sindacalismo di stato e gli sgherri umanitari hanno lasciato libere le
catene, ecco che una fiumana di gente si è liberata, forse ancora prima
che nelle piazze, dai propri padroni o dalle proprie censure che di
necessità non hanno mai costruito virtù, ma solo obbedienza alle peggiori
nefandezze: se non si era filo-sovietici, allora si era filo-atlantici,
se non si apprezzava il socialismo di stato, allora si era
filo-capitalisti… se non si era a favore delle guerra in Kossovo, allora
si era filo- Milosevic e via cantando.
Comunque sia andata, ed è andata male, il fatto che abbiano tolto qualche
chiavistello non ha fatto male: si potrebbe aspettare fiduciosamente che
questo nuovo popolo della pace non torni più indietro: ma l’unica
controprova, se ve ne sarà bisogno, la daranno quando i loro amici
saranno giunti al comando. E le dichiarazioni dell’“estrema sinistra”
bertinottiana sul ritiro graduale delle truppe dall’Iraq, o quelle sui
vecchi strumenti di interposizione militare (ONU) non fanno certo ben
sperare.
La manifestazione pacifista di Roma del 19 marzo è stata indetta su
questi tre punti:
- per esigere subito il ritiro delle truppe di occupazione dall'Iraq -
per ribadire la sovranità dell’Iraq e la legittimità della resistenza
all’occupazione militare
- per animare anche in Italia la campagna internazionale contro le basi
militari USA e NATO e lo smantellamento delle armi nucleari installate
nelle basi in Italia.
Si tratta di tre punti chiari e dignitosi, per cui nessuno di noi che
andrà a Rimini lo farà in contrapposizione all’altra manifestazione, ma
le nostre parole d’ordine estenderanno e completeranno ciò che la
mobilitazione di Roma non può o non vuole dire:
CONTRO tutti gli eserciti / PER la diserzione
CONTRO tutte le frontiere / PER la libera circolazione di ogni individuo
CONTRO tutti i nazionalismi / PER la solidarietà tra gli oppressi
CONTRO la devastazione sociale prodotta dal capitalismo / PER
l'autogestione e l'uguaglianza
CONTRO tutte le religioni / PER il libero pensiero
Anticapitalismo, antinazionalismo ed antimilitarismo per liberarci
dall’oppressione e per non sostituire nuove schiavitù a quelle vecchie.
Ed infine la memoria, così importante per la sinistra istituzionale
liberal- democratica quando richiama alla mente eventi sufficientemente
lontani nel tempo e poco problematici in termini di schieramento, come la
Resistenza, ma oblio voluto quando ci rimanda a tempi sospetti e vicini:
la guerra in Kossovo e in Afganistan, la Nato ed il militarismo. Noi,
come sei anni fa, non dimentichiamo e manifesteremo anche contro di loro.
Pietro Stara

-------------------------------------------------------------------------
Tutti a Rimini!
In Iraq, in Afganistan, nei Balcani ci sono truppe e mezzi militari
italiani impegnati in aggressioni e occupazioni che provocano
quotidianamente morte, miseria e distruzione.
In Italia c’è un’economia di guerra che taglia continuamente i salari, la
sanità, l’istruzione, le pensioni ed i servizi sociali per finanziare le
cosiddette “missioni di pace”: sporche operazioni neocoloniali,
interventi diretti a favorire, difendere e consolidare interessi
economici e politici dei governi occidentali. Quello italiano fa, come
sempre, la sua schifosa parte (aggressione militare alla Jugoslavia ieri
col sinistro D’Alema, aggressione militare all’Iraq oggi col destro
Berlusca).
In Iraq dal 20 marzo 2003 (anno di inizio della seconda guerra del Golfo)
ci sono state 100.000 vittime tra i civili (in gran parte donne e
bambini) e la guerra continua con l’uso, da parte delle forze militari di
occupazione (USA in primis), di armi di distruzione di massa come napalm,
gas tossici e bombe a frammentazione. Però, si sono svolte “libere
elezioni democratiche”: con i fucili di centocinquantamila soldati a
stelle e strisce puntati su un intero popolo.
In Italia si costruiscono tranquillamente portaerei da guerra da 3
miliardi di euro e l’industria armiera esporta morte in tutto il mondo,
ovunque è possibile fare affari (negli ultimi dieci anni le esportazioni
di armi italiane sono salite da 300 a 600 milioni di euro). Il territorio
del belpaese è pieno zeppo di burattini in uniforme e basi militari (e ci
sono almeno novanta ordigni nucleari, cinquanta nella base USA di Aviano
e quaranta nei depositi di Ghedi di Torre), mentre la propaganda e la
retorica nazionalista, militarista e patriottarda è incessante e
nauseante. La guerra moderna richiede individui specializzati,
professionisti nel “mestiere” di uccidere, controllare e reprimere; ed
intorno soltanto assuefazione, consenso, rassegnazione ad un presente
feroce e spietato. A due anni di distanza dall’inizio della seconda
guerra del Golfo, sabato 19 marzo partecipiamo alla manifestazione
antimilitarista internazionale a Rimini, città che subisce la presenza di
un aeroporto civile-militare base per gli elicotteristi italiani di
stanza a Nassirija.
Contro tutti gli eserciti, per la diserzione!
Assemblea Antimilitarista e Antiautoritaria

Da: Federazione Anarchica Torinese <fat@inrete.it>




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center