A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Svizzera: "Rebellion", n.32 - Giornata delle lotte delle donne (fr,en)

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Wed, 9 Mar 2005 12:53:24 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

L'8 marzo, giornata delle lotte delle donne, risale ad uno sciopero delle
lavoratrici dell'industria tessile negli USA per migliorare le condizioni
di vita e di lavoro. Secondo alcuni fonti, l'8 marzo ricorda le sorte di
129 operaie rinchiusi dai padroni sotto chiave nella loro fabbrica e
morte tra le fiamme di un incendio all'interno. Nel 1909 i socialisti
nordamericani organizzarono la prima giornata delle lotte delle donne a
livello nazionale. Nel 1911 ebbe luogo la prima giornata di lotta
internazionale in Danimarca, Germania, Svizzera e Stati Uniti. Nasce così
una tradizione che porta le rivendicazioni delle donne e l'estensione dei
loro diritti anche nei posti più arretrati e reazionari.

Anche in Svizzera l'8 marzo è stato tradizionalmente una giornata di
manifestazioni nazionali delle donne. Ma cos'è successo a questa giornata
di lotta?

L'8 marzo si riduce sempre di più ad una semplice giornata di memoria
delle lotte del passato. Si hanno dei dibattiti sui temi della donna,
oppure delle serate tra donne, ma la lotta non è più all'ordine del
giorno. Le speranze sollevate dallo sciopero delle donne del 14 giugno
1994 sono da tempo svanite.

Tuttavia, la lotta delle donne è più che mai necessaria. Giusto perché
l'ultimo cantone svizzero si è trovato costretto a concedere il voto alle
donne non significa che le cose siano cambiate per le donne in una
società che rimane dominata dagli uomini. In questo periodo di offensiva
neoliberista dove l'economia detta le priorità alla politica e dove
l'infrastruttura sociale è messo sotto pressione, le donne sono quelle
toccate per primo e più duramente: la discriminazione sul lavoro
continua, le donne guadagnono meno dei loro colleghi maschili e
continuano a coprire la maggior parte del lavoro non remunerato (casa,
educazione, cura dei bambini, ecc.). Il neoliberismo e gli attacchi dei
conservatori si traducono in una rimessa in questione delle acquiste del
movimento per la liberazione delle donne. I valori conservatori sono di
nuovo in ascesa, le libertà conquiste dalle donne sono rimesse in causa.
Sul lavoro, le donne continuano ad essere le ultime assunte e le prime
licenziate e i morali conservatori le vorrebbero riconsegnate ai
fornelli.

Interi settori sono stati "femminizzati", con una maggioranza di
salariate che servono ad abbassare i salari e le condizioni di lavoro.
Nell'attuale società, le donne sono doppiamente discriminate: in quanto
donne e in quanto lavoratrici. il fatto che qualche donna accede a
posizioni di potere (posti da dirigente o incarichi politici) non cambia
niente nella situazione delle donne. Al contrario, queste vengono
utilizzati come alibi per dare credibilità ad una pretesa "uguaglianza
delle possibilità" che invece rimane una vana e pia speranza.

La lotta delle donne è dunque più necessaria che mai. L'uguaglianza
sociale è impossibile senza uguaglianza tra uomini e donne. Una società
emancipata non può esistere se non sulla base della liberazione delle
donne. Infatti, la liberazione delle donne sarebbe negli interessi degli
uomini.

La lotta delle donne non si limita all'8 marzo o al 14 giugno. Continua
tutti i giorni, nella vita quotidiana nelle lotte, nelle organizzazioni
politiche, nei progetti autogestiti. Politicamente, non ci può essere una
scelta tematica tra le lotte delle donne e le altre lotte. La lotta delle
donne riguarda l'insieme delle nostre lotte e se deve intrecciare in
queste lotte se vogliamo che un vero cambiamento della società possa
avverarsi.

La lotta delle donne per la loro liberazione è una lotta per la
liberazione di tutte e di tutti! Nessuno può essere libero finché esisti
l'oppressione.


Traduzione a cura di FdCA - Ufficio relazioni internazionali

Articolo di "Rebellion", no.32,
Giornale dell'Organisation socialiste libertaire
http://www.rebellion.ch




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center