A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: iniziative per Massi e Silvio del 19 e del 24 giugno

Date Mon, 27 Jun 2005 13:05:30 +0200 (CEST)


Il 24 maggio, triste festa patronale a Torino, in piazza Vittorio,
dove la gente si raduna per vedere i fuochi, erano presenti anche
numerosi anarchici, che distribuivano volantini ed esibivano striscioni
in solidarietà ai due anarchici arrestati il 18 giugno al corteo
antifascista caricato dalla polizia. Fischiato l'inno di Mameli.
Foto dell'iniziativa del 24 e del presidio alle Vallette del 19 giugno.
Volantino distribuito alla "festa" di s. Giovanni a Torino, il 24 maggio
Foto a quest'indirizzo:
http://italy.indymedia.org/news/2005/06/820686.php
++++++++
L'antifascismo non si arresta!
Libertà per Massimiliano e Silvio!

I fatti sono IGNOTI.
Coperti, minimizzati, falsificati, strumentalizzati.
Noi non abbiamo voce sui grandi quotidiani, né in TV o radio. Noi siamo
quelli tanto brutti che per noi è vietato passare da piazza Castello. Se
avete pazienza e voglia di sentire un'altra voce, vi raccontiamo la
nostra, quella che abbiamo vissuto sulla nostra pelle: è una storia di
coltellate, di cariche, di botte, di lacrimogeni, di arresti. È la storia
del fascismo che avanza in questa Torino, il cui sindaco per mantenere
pulita la vetrina olimpica, criminalizza gli antifascisti, insulta gli
operai della Fiat, sgombera gli spazi vuoti fatti rivivere, fa a gara con
il fascista Ghiglia per vedere chi tiene in mano il manico del manganello.

A Torino le vie sono costellate dalle lapidi grigie con cui il comune
ricorda partigiani, socialisti, comunisti, azionisti, anarchici, morti per
mano dei fascisti. A Torino i fascisti sono protetti dalla polizia e gli
antifascisti, picchiati, feriti, incarcerati. Sembra di leggere un libro
sugli anni venti, quando le squadracce imperversavano per la città,
protette dalla guardie regie. Quando Pietro Ferrero dell'Unione anarchica,
segretario generale della FIOM, veniva prelevato da casa, torturato,
trascinato per ore legato ad un camion dai fascisti di Brandimarte, che
quella notte ne ammazzarono altri 17. Brandimarte morirà impunito nel
dopoguerra.

Quello di questi giorni sembra un film già visto. Un gran brutto film.
Nella notte tra l'11 e il 12 giugno quattro macchine a fari spenti si
fermano nei pressi della casa occupata Barocchio, dove tutti dormono.
Forzano la porta ed entrano nel cortile: il rumore sveglia gli abitanti.
Due accorrono e vengono immediatamente accoltellati. Uno di loro verrà
operato d'urgenza perché la lama fascista gli perfora l'intestino. Per un
pelo non ci scappa il morto.

Sabato 18 giugno. Un migliaio di antifascisti si ritrovano in piazza
Madama per denunciare le aggressioni minimizzate dalla stampa cittadina e
per segnalare il clima omertoso che accompagna le imprese dei nuovi
fascisti. Il presidio, vista la buona partecipazione, si trasforma in
corteo e contrattando il percorso con la polizia raggiunge via Po. Qui
viene bloccato dagli agenti che non vogliono farlo passare da piazza
Castello: il salotto buono della città non deve sentire che lo squadrismo
è tornato a Torino. Partono le cariche, la caccia all'uomo sotto i
portici, la via viene invasa dai lacrimogeni. Due manifestanti vengono
arrestati: entrambi si sono fermati per aiutare altri caduti a terra
quando vengono fermati e gettati sul cellulare. Fuggendo i manifestanti
lanciano in strada qualche tavolino e sedia dei dehor per riparare i più
deboli dalla furia scatenata della polizia.

Il giorno successivo la stampa finirà l'opera iniziata in strada: gli
aggressori saranno trasformati negli aggrediti. Gente colpevole di voler
manifestare, picchiata e gasata assieme ai passanti della via verrà
descritta come un'orda violenta. Alla fine il bilancio sarà di decine di
persone, tra manifestanti e comuni cittadini, picchiate e gasate, qualche
tavolino spaccato, due vetrine rotte (una dalla polizia) e due anarchici
gettati in galera. Si arriva a scrivere che la polizia doveva intervenire
per impedire "ulteriori violenze". Si ignora deliberatamente che fino alle
cariche della polizia il corteo era sfilato pacificamente e anche durante
le cariche, la violenza, quella vera, quella contro le persone, era stata
scatenata dagli esponenti delle forze del DISORDINE STATALE.

Nel paese dove un multimiliardario è andato a potere dicendo di essere un
operaio tutto è possibile. È lo stesso paese del massacro di Genova, delle
espulsioni massa di rifugiati e migranti, delle prigioni amministrative,
della guerra permanente in Afganistan e Iraq, delle grandi opere sulla
pelle di noi tutti. Un paese (e una città) dove i profitti di pochi
contano più della vita della gente, dove si spendono milioni per le feste
preolimpiche mentre la gente dorme in strada, dove i servizi sono
diventati un privilegio, dove in tre settimane tre immigrati sono morti
nel corso di "normali" controlli di polizia. Una città "normale" dove di
normale c'è solo la repressione, l'intolleranza, l'arroganza di chi
comanda e di chi sfrutta.

Arriviamo al 21 giugno. Il giudice davanti cui sono trascinati
Massimiliano e Silvio, i due anarchici arrestati durante le cariche del
18, decide che vengano rinviati a giudizio per "resistenza e lesioni":
evidentemente prendere manganellate in questo paese è una colpa. E, fatto
inaudito, vengono trattenuti in carcere invece di essere liberati come in
genere avviene per questo genere di accuse: una decisione politica
maturata nel clima da caccia alle streghe che i poteri forti hanno voluto
imporre in città.

L'antefatto di questa brutta storia? 30.000 persone in marcia da Susa a
Venaus contro il TAV: i grandi giochi di potere e soldi messi in
discussione da gente che non è disposta a sottomettersi alle decisioni del
potere. Un protagonismo che fa paura, un protagonismo che bisogna fermare,
creando un clima di tensione in città e in valle. Anche questo è un film
già visto. Un gran brutto film

A Torino nessuno deve manifestare, nessuno deve disturbare i manovratori,
né gli antifascisti, né gli operai della Fiat, né i valsusini. Né gli
anarchici.

Ma noi non ci stiamo.

Sabato 2 luglio scenderemo ancora in piazza. Invitiamo tutti i torinesi a
venire per guardare con i propri occhi chi stampa, polizia, e sinistri
amministratori hanno descritto come delinquenti. Passeremo dai luoghi che
ricordano la storia antifascista di questa città. Questa città con la
quale oggi come il 18 giugno vogliamo raccontare del fascismo che torna,
dei padroni che sfruttano, degli amministratori che badano solo alle loro
poltrone, della polizia che picchia, della stampa asservita, della
magistratura che getta in carcere due anarchici colpevoli di essere tali.
Colpevoli di amare la giustizia, quella di un mondo di liberi ed eguali,
di amare la libertà. Una libertà che stanno portando via giorno per giorno
a tutti i torinesi.

Per la liberazione di Massimiliano e Silvio
Per la libertà di manifestare
Perché l'antifascismo non si arresta

Federazione Anarchica Torinese - FAI
Corso Palermo 46 Torino

Per informazioni e adesioni:
fat@inrete.it
011 857850
338 6594361

Da: fat@inrete.it

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center