A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Israele-Palestina: Resoconto dell'azione a Marda sabato 4 giugno [en]

Date Wed, 8 Jun 2005 11:38:59 +0200 (CEST)


domenica, 05 giugno 2005
"Dove andate?", chiede il militare al punto di controllo, entrando in
Cisgiordania. "Ad Ariel", risponde Teddy Katz, seduto alle spalle
dell'autista della minibus. E siamo passati. Infatti, questa strada è
stata costruita principalmente per la colonia Ariel, 23 kilometri
dall'Israele, in mezzo alla Cisgiordania, una colonia in rapida
espansione. Ma poco prima di arrivare alla colonia, abbiamo trovato un
altro posto di blocco e un capitano molto più diffidente. "Ad Ariel? Da
chi?", chiede. "Al Judea and Samaria College. Sa qual'è, quello che
diverrà università. Abbiamo un incontro con degli studenti lì. Ci
aspettano".

Ma non ci ha creduto. O il nostro aspetto non era convincente oppure
qualcuno è stato insospettito e ci ha collegato con i messaggi passati in
internet. "Ariel è un zona militare chiusa fino alle 18,00. Non potete
passare." Abbiamo chiesto, "E le altre macchine? Perché fate passare
loro?". "E' alla mia discrezione e non sono affari vostri." Dovevamo
forzarci a non ridere, vedendo le facce dei nostri compagni alle finestre
delle macchine che passavano.

Per noi, la strada per il villaggio di Marda è stata un po' più
complicata... e interessante. Abbiamo preso una stradina minore, lontano
dalla bellissima strada liscia dei coloni, entrando in un altro mondo.
Passando su strade di terra battuta che seguono i contorni delle colline,
abbiamo viaggiato tra gli oliveti pittoreschi con le piccole case, i cui
esterni sono ricoperti degli scritti delle varie fazioni palestinesi.

Un giovane di nome Hisham ci aspettava, dicendo "Questa minibus con la
targa israeliana è troppo cospicua. Prendete queste macchine, che passano
sempre tra i villaggi - i militari non vi noteranno neanche".

Abbiamo preso una strada meno diretta, con l'intenzione di arrivare a
Marda da una parte che i militari non si sarebbero immaginato. Ma qualche
comandante aveva fatto bene il suo lavoro e abbiamo trovato anche lì un
blocco, però siamo passati tranquillamente. Appena abbiamo perso di vista
il posto di blocco ci siamo fermati e siamo andati da lì a piedi, in mezzo
tra gli oliveti, con Hisham che ci indicava i sentieri, appena
percettibili.

Abbiamo passato delle case con i bambini sorridenti e anziani che ci
salutavano da ogni finestra e balcone. Dopo qualche altro giro, abbiamo
scorciato la folla accanto alla moschea, con una foresta di bandiere e
striscioni al vento.

Gli organizzatori, informati costantemente del nostro progresso, avevano
postecipato la partenza fino a che non siamo arrivati e, appena abbiamo
preso i nostri posti tra la gente e distribuito i cartelli che avevamo
portato con noi, il corteo è partito. In cima al corteo alcuni striscioni
enormi e i vip, dopo di loro gli israeliani (Ta'ayush, Gush Shalom e gli
Anarchici Contro il Muro) e gli internazionali mischiati insieme agli
abitanti dei villaggi, che portavano le bandiere dei vari partiti e gruppi
palestinesi. Infine, i paramedici e le ambulanze.

Era tutto sommato una scena alla quale siamo diventati abituati, vista in
molte città e in molti villaggi in tutta la Cisgiordania. Ma era difficile
ricordare una settimana con tante manifestazioni e lotte concentrate, e
molti partecipanti erano esausti. Alcuni degli israeliani e internazionali
erano stati a Bil'in ieri quando ci sono stati gli scontri. Infatti, tra
la folla c'erano anche alcuni abitanti di Bil'in, che si sono concessi una
pausa dalla loro lotta per mostrare la loro solidarietà con la gente di
Marda.

In cima alla collina, da dove si vedeva tutta Marda, c'erano le case di
Ariel - fila dopo fila di bellissime case nuove, tutte con il tetto in
tegole rosse. E davanti a noi, come sempre, una barriera di militari in
casco che ci bloccava la strada.

Oggi almeno non ci sono stati i lacrimogeni. Abbiamo potuto vederli in
faccia e cominciare un dialogo futile (in ebracio): "Perché ci bloccate la
strada? Non abbiamo intenzione disturbare il lavoro di nessuno. Oggi è lo
Shabbat, non si lavora. Vogliamo semplicemente camminare da Marda a Kifl
Hares, due villaggi palestinesi. Come può una cosa del genere darvi
fastidio?". "Noi abbiamo i nostri ordini. Non andrete oltre questo punto".

Un uomo dai capelli bianchi si è fatto avanti per confrontare l'ufficiale
di comando e i suoi uomini (e due donne). "La terra che mi impedite di
passare è mia, la terra dove lavorano le ruspe è mia. E' terra mia, e
prima di me era di mio padre, e prima ancora di suo padre. Ditemi,
soldati, c'è uno tra di voi che ha un nonno nato in questi parti?". Dopo
un silenzio di uno o due minuti, l'ufficiale ripete: "Abbiamo i nostri
ordini".

La folla si gonfia in avanti, onda dopo onda contro la triplice catena di
militari. L'attivista Yuval Halperin, di Tel Aviv, inizia un coro di
"Chayalim habayta!" (Soldati, a casa!" e gli israeliani e molti
palestinesi si aggiungono a lui. Poi i sostenitori di al-Fatah cominciano
l'appello tradizionale per "l'unità nazionale nella lotta" e rispondono i
sostenitori di Hamas con il noto "Allahu Akhbar" (Dio è grande). Alcuni
poi, l'hanno modificato, cantandolo in ebraico "Elohim gadol!".

A quel punto gli internazionali (rappresentati da EAPPI, ISM, IWPS, e CPT)
hanno cominciato a gridare "One, Two, Three, Four - Stop Oppression, Stop
the War!" e "Free, free Palestine!". Un ragazzo palestinese ha fatto
ridere molti quando ha gridato "Sharon e Barak - Hizbullah vi ha
rovinato!". Poi, l'anarchico Yonatan Polak ha gridato al militare davanti
a lui "Togli il caricatore - sennò colpirai qualcuno a casaccia e sarà
peggio per te!".

I militari sono piuttosto silenti, e si sentono appena gli ordini degli
ufficiali. Sempre di più usano il calcio dei fucili per respingere i
manifestanti. Era a quel punto che l'attivista Leiser Palas è stato
colpito alla testa, è caduto e ha ricevuto diversi calci alle costole, un
evento perso da tutti tranne chi gli stava intorno. Quasi subito i medici
dei Palestinian Medical Relief Committees l'hanno portato ad una delle
ambulanze per ricoverarlo.

Tre militari hanno aggredito lo storico e attivista di Gush Shalom, Teddy
Katz, e stavano per gettarlo a faccia in giù dentro un cespuglio spinoso
quando la voce di un maggiore dell'esercito israeliano ha urlato
"Lasciatelo in pace! ORA!". L'ufficiale ha poi parlato con Katz,
cominciando con "Salve, professore!". Per quanto possa sembrare
improbabile, il maggiore non solo era dello stesso kibbutz di Katz, ma
anche un ex-allievo.

Nel frattempo, un numero crescente di manifestanti travava il punto debole
delle difese dell'esercito: da una parte, tra gli ulivi e giù per la
collina dove non c'erano militari. Fra pochissimo, l'intera manifestazione
si è diretta laggiù, correndo verso la strada per Ariel (la strada 505) e
arrivandoci prima che i soldati potessero organizzarsi per impedirlo.

L'autostrada 505 è una strada per i soli coloni. Le regole dell'esercito
vogliono che le macchine palestinesi non possono usarlo, figuriamoci se si
possa svolgere una manifestazione sul suo asfalto sacro! Arrivando di
corsa, i militari hanno cominciato di nuovo a bastonare mentre un
ufficiale dal viso rosso gridava "Zona militare chiusa" Zona militare
chiusa! Se non lasciate la strada subito sarete arrestati!".

Altri ufficiali, però, sembrava un po' più aperti al dialogo. Una
conversazione con gli organizzatori di marda e il ministro dell'Autorità
Palestinese, Fares Kaddura, ha prodotto un accordo informale: il corteo
avrebbe potuto continuare fino a Kifl Hares, la destinazione originale,
purché i partecipanti camminavano accanto alla strada, senza bloccarla.

Forse, è stata una piccola vittoria, che non cambia alcunché. Ma c'era una
sensazione di allegria mentre continuavamo sul sentiero stretto accanto
alla strada, con le jeep dell'esercito che ci seguivano a breve distanza.
Un ragazzino con una bandiere palestinese grande quanto lui salutava
allegramente i militari a bordo le jeep, un sorriso beato in faccia.


=============================
Articolo di Adam Keller per "The Other Israel"


traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
http://www.ainfos.ca/05/jun/ainfos00065.html

Per altri informazioni sull'attività di Anarchici Contro il Muro:
http://www.fdca.it/wall


Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca@fdca.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center