A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.2: La legge del più forte. Repressione per chi lotta, impunità per chi comanda e sfrutta

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Thu, 27 Jan 2005 10:01:24 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

L'inaugurazione dell'anno giudiziario avvenuta con la cerimonia ufficiale
a Roma il 12 gennaio ha consentito al Procuratore Generale presso la
Corte di Cassazione, nel suo discorso tradizionale, di fare il punto,
come ogni anno, sullo stato della giustizia in Italia.
Interessante il fatto che tra le varie problematiche che
l'amministrazione della giustizia si trova ad affrontare, secondo il PG
della Cassazione, vi sia anche il tentativo di infiltrazione eversiva nel
mondo del lavoro e "in ogni altro conflitto sociale su temi prioritari
quali ambiente, immigrazione, opere pubbliche, caro-vita, casa". Il tema
non è nuovo: da un po' i cosiddetti servizi segreti stanno suonando la
gran cassa sull'equazione conflitto sociale=eversione.

In che modo avverrebbe l'infiltrazione? "Mediante una rinnovata e
radicalizzata conflittualità nei luoghi di lavoro, che passa attraverso
il superamento della tradizionale attività del sindacato, che si tenta di
isolare e scavalcare e la contrapposizione, forte e pregiudiziale, ad
ogni forma di mediazione".

Detto così farebbe quasi sorridere: ma dai, ogni volta che cerchi di
scavalcare a sinistra il sindacato oppure blocchi con carrozzine e nonne
una statale contro la discarica di turno o occupi gli uffici di qualche
assessorato per protestare contro gli sfratti e il caro-affitti o
partecipi con altre centinaia di persone a blocchi di supermercati ecc.
ecc., sei considerato un eversore?!…

Invece non c'è mica tanto da ridere. Praticamente il giorno dopo questi
discorsi sono partite decine di denunce a Roma per rapina e a Napoli per
estorsione contro i partecipanti ad azioni collettive presso supermercati
per protestare contro il caro-vita: in un caso si sarebbero sottratte e
nell'altro ottenute, con la violenza, merci: dal che le diverse
imputazioni di rapina ed estorsione.

Al di là dell'esito finale di questi procedimenti penali, va sottolineato
che nella situazione (paradossale) che si va creando non vi è nulla di
che sorprendersi. Il rapporto tra conflitto sociale e diritto penale è
connaturato alla natura del conflitto sociale stesso e al fatto che, al
di là dello schema formale della normativa, sono i rapporti di forza che
governano le dinamiche sociali.

Le forme di lotta e di sensibilizzazione collettive è giocoforza che
violino qualche norma penale ed è anche storicamente abbastanza netto il
discrimine tra reati che violano la proprietà o norme formali e quelle a
tutela
dell'incolumità personale. Voglio dire che c'è una bella differenza tra
ad es. rompere una catena ed occupare un edificio vuoto oppure assistere
extracomunitari clandestini, da un lato, e uccidere o comunque ledere
l'incolumità fisica delle persone, dall'altro. Così come le tipiche forme
di lotta dell'occupazione di strade, stazioni, ecc. non possono essere
confuse con le bombe sui treni.

Buttarla sul diritto penale è mossa che vuole isolare e soffocare forme
di lotta che hanno coinvolto e potrebbero coinvolgere ampie fette di
società, giacché i problemi quali caro-vita, disoccupazione,
immigrazione, ambiente, ecc. sono ampiamente sentiti e vissuti sulla
propria pelle da milioni di italiani.

Bisogna anche dire che dare dell'estorsore al disoccupato che se ne esce
dal supermercato con la pasta, il pomodoro e l'olio regalati dal
direttore purché se ne vada, non fa fare bella figura ad un sistema in
cui il capo del governo fa approvare norme salva se stesso e salva amici
da un parlamento che comanda a bacchetta, cosicché corruzioni anche di
magistrati per vari miliardi restino impunite perché prescritte.

Insomma, i rapinatori di cd e libri romani e gli estorsori di pasta
napoletani ci dicono che il re è nudo e le spara grosse. L'ipocrisia
della repressione per chi lotta per diritti primari e dell'impunità per
padroni e politici ladri è sotto gli occhi di tutti. Mette ancora più a
fuoco la situazione in cui viviamo, ordina le schegge di quotidiano
secondo il principio di realtà.

Simone Bisacca

Da Umanità Nova, numero 2 del 23 gennaio 2005, Anno 85
http://www.ecn.org/uenne




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center