A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: interrotto presidente della Provincia al convegno inceneritorista

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Sat, 5 Feb 2005 14:16:22 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Anche gli anarchici sono intervenuti al convegno pro inceneritore
tenutosi oggi a Torino: striscioni e slogan hanno rovinato la festa a
Saitta, il cui intervento di saluto è stato più volte interrotto. Più
tardi con un breve blitz ad Atrium è stato consegnato un pacco con la
scritta "respinto al mittente". Sul pacco: "Amianto: NO TAV, Diossina: NO
inceneritore, Uranio, morti sul lavoro: NO olimpiadi"
Foto e cronaca a quest'indirizzo:
http://italy.indymedia.org/news/2005/02/724306.php
Volevano una vetrina per propagandare l'inceneritore in progetto al
Gerbido, tra Grugliasco e Orbassano, nella popolosissima cintura di
Torino. Ma qualcosa non ha funzionato. Questa mattina alle 9 all'ingresso
di "Torino Incontra", dove era programmato un convegno sugli inceneritori
alla presenza del vicesindaco di Torino Calgaro e del presidente della
provincia Saitta, si sono presentati, oltre i soliti portaborse della
politica, anche i cittadini del Coordinamento dei Comitati contro
l'inceneritore e un folto gruppo di anarchici. All'ingresso sbirri in
divisa e i soliti Digos facevano la "selezione": tu sì, tu no. Così
alcuni di noi, forse perché conosciuti per il nostro impegno politico
sono stati fermati dai poliziotti, che con il garbo che li
contraddistingue hanno intimato "voi non entrate!". Alla nostra richiesta
di spiegazioni hanno opposto il muro di gomma: perché a cittadini di
Torino fosse impedito di accedere ad un convegno che prometteva di
"spiegare" il funzionamento di una macchina spara veleni piazzata tra le
nostre case è un mistero facile da svelare: nessuna voce di dissenso
doveva levarsi di fronte ai "sinistri" amministratori di questa città. Il
presidente della Provincia, Saitta, interpellato dagli esclusi al suo
ingresso al Centro Incontri, non ha replicato ma ben chiaro è stato il
suo sibilo ai questurini "Questi non devono entrare". Mentre all'esterno
la strada si riempiva di striscioni contro l'inceneritore all'interno,
quelli che erano sfuggiti al "filtro" dei solerti tutori del disordine
statale appena il prode Saitta ha preso la parola hanno aperto due
striscioni. Uno, firmato dagli anarchici della FAI, diceva "Diossina? No,
grazie!", sull'altro portato dai cittadini dei comitati antiinceneritore
campeggiava la scritta "No, inceneritore". Slogan e lancio di volantini
accompagnavano l'azione che ha portato lo scompiglio in sala e il
prevedibile intervento dei birri, che hanno spintonato fuori i compagni
con lo striscione e provveduto alla loro identificazione. Il nostro
"cronista", rimasto per qualche minuto in sala, ha udito Saitta che con
faccia di bronzo inaudita lamentava la scarsa propensione al dialogo e il
basso livello di democrazia dei contestatori! Ed aveva ragione: con chi
lucra sulla nostra vita senza ritegno non vogliamo avere niente a che
fare! Ma la giornata degli anarchici non si ancora conclusa: parecchi di
noi non hanno avuto il piacere di rimandare al mittente il pacco di
nocività - TAV, inceneritore ed olimpiadi - che lor signori vogliono
servirci. Un rapido blitz ad Atrium, il mostro di vetro e cemento a forma
di gianduiotto, costruito sui giardini di piazza Solforino, ha concluso
la mattinata. Con uno striscione "Olimpiadi? NO grazie!" ed un vistoso
pacco argentato, simbolo delle nocività che ci stanno infliggendo, con la
scritta "respinto al mittente" abbiamo percorso la piazza sotto gli
sguardi incuriositi dei passanti e dei ragazzini sui pattini della
micropista di ghiaccio infilata tra i due "gianduiotti" di Atrium, la
vetrina olimpica della città. All'ingresso, intrattenuti gli astanti con
brevi interventi sulle ragioni della nostra opposizione ad un modello di
"sviluppo" che implica devastazione ambientale e morte sui posti di
lavoro, abbiamo consegnato il pacco alla responsabile di Atrium,
raccomandandole di farlo avere da parte nostra al sindaco ed alle
"autorità" cittadine. Prima di allontanarci con la promessa di tornare a
farci presto vivi abbiamo appeso lo striscione alla balaustra della pista
di ghiaccio.

Riportiamo sotto il testo del volantino distribuito ai passanti.

Olimpiadi, Tav, inceneritore? NO, grazie!
OLIMPIADI = AMIANTO, URANIO E INCIDENTI SUL LAVORO.
Per un gioco di pochi giorni e miliardi di sponsor cancellano le valli,
disboscano, fanno il deserto

TAV = DEVASTAZIONE AMBIENTALE.
L'alta velocità ferroviaria si prepara a sbarcare in Val Susa:
un treno a trecento chilometri l'ora renderà invivibile la valle mentre i
pendolari muoiono nelle linee a binario unico abbandonate all'incuria
perché poco redditizie.

INCENERITORE = DIOSSINA, TUMORI, DISCARICA DI RIFIUTI NOCIVI
Invece del riuso, della riduzione e del riciclaggio un mostro che darà
grandi profitti ad una piccola lobby mentre ai cittadini non resterà che
l'inquinamento: assieme ai rifiuti bruceranno anche la salute di tutti.

In nome del profitto ci rubano la vita e il futuro. I servizi pubblici
sono ridotti a meri affari privati.

Ma non tutti ci stanno. Scanzano e Acerra ci dicono che solo l'azione
diretta paga. L'opposizione sta crescendo. Anche a Torino.

C'è chi si oppone alle devastazione del proprio territorio e delle
proprie vite. Sono gli abitanti della val Susa e quelli della zona Ovest,
sono quelli di Orbassano e delle zone investite dal nuovo
"termovalorizzatore", il mostro spara diossina che vogliono imporci. Ma
sono anche tutti coloro che in questa "civiltà" dell'immondizia non ci
vogliono vivere. Raccolta differenziata, cancellazione di imballi inutili
e difficili da smaltire, riduzione dei consumi sono solo alcune delle
semplici soluzioni, immediatamente possibili che mandano in fumo tutta la
retorica degli inceneritoristi.

Potenziamento del trasporto pubblico su base locale, consumo di prodotti
del proprio territorio, adozione di sistemi di approvvigionamento
energetico puliti sono le risposte di chi pensa alla vita delle persone e
non al guadagno di padroni e amministratori.

Godimento dell'ambiente naturale in sintonia con i suoi equilibri è una
ricchezza che non ha prezzo e che ci stanno portando via nello scatolone
olimpico. Quando lo spettacolo sarà finito, quando le luci si spegneranno
non resteranno che le macerie. Le soluzioni sono a portata di mano. Ma
le mani occorre allungarle in prima persona, mettendosi in gioco, perché
le lotte popolari dimostrano che solo l'azione diretta, il rifiuto della
delega e della mediazione istituzionale pagano. Nei prossimi mesi tutti i
partiti cercheranno il nostro consenso, cercando di blandirci con la
favola dello sviluppo, una favola macabra che ben sappiamo cosa
significhi. Occorre avere le idee chiare, rifiutare una scelta che decide
solo chi lucrerà sulla nostra pelle nei prossimi anni, scegliere il
rifiuto della politica di palazzo, praticando quella orizzontale,
diretta, sui nostri territori.

Rispediamo a lor signori il "pacco" che ci stanno preparando!

Lottare contro le nocività vuol dire mettere in campo le alternative,
alternative non solo tecniche ma anche politiche e sociali, perché la
lotta contro i mostri del Gerbido e della Val Susa è anche lotta per un
modello sociale centrato sulla libertà e la solidarietà e non sul
profitto e la competizione. Un modello che mira al benessere di tutti.

Federazione Anarchica Torinese - FAI
corso Palermo 46 - la sede è aperta ogni giovedì dalle 21,15: tutti
coloro che sono interessati alla lotta contro le nocività che ci bruciano
la vita è invitato a partecipare. Mail: fat@inrete.it tel. 011857850; 338
6594361

Da: Federazione Anarchica Torinese <fat@inrete.it>





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html



A-Infos Information Center