A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: foto dello spezzone anarchico al corteo No Tav del 17 dic.

Date Wed, 21 Dec 2005 12:50:16 +0100 (CET)


Foto dello spezzone anarchico alla manifestazione No Tav del 17 dicembre a
Torino a questi indirizzi:
http://italy.indymedia.org/news/2005/12/950760.php
http://italy.indymedia.org/news/2005/12/950859.php
http://italy.indymedia.org/news/2005/12/950880.php
Di seguito il volantino distribuito in piazza dalla FAI Torinese
* * * * * * * * * *
Nessuna tregua contro il TAV
* * * * * * * * * *
Il popolo NO TAV oggi è in piazza perché lo ha scelto, decidendo in prima
persona, in assemblea, senza alcuna mediazione politica istituzionale. La
lotta che da anni i valsusini stanno sostenendo contro chi vuole devastare
il loro territorio ha saputo conquistare anche la giornata di oggi con la
ferma determinazione di chi sa che le proprie ragioni non han bisogno dei
manganelli della polizia per trovare ascolto. Una terra è difesa dal suo
popolo contro chi vuole violarla e con questo appropriarsene. Come agli
albori del capitalismo, recintare e far proprio un campo significa
affermare il dominio su coloro che del campo, nel campo, vivevano.
Significa appropriarsi non solo di un lembo di terra, ma delle vite che da
quella terra han tratto e traggono nutrimento, delle vite che quella terra
sostiene. Ma il campo di Venaus e l'intera Valle Susa non sono dei signori
dell'Alta Velocità, né dei politici a libro paga, né di quegli idioti in
divisa armati di manganello che odiano il popolo quando è libero perché
ricorda loro quanto sono servi. Il campo di Venaus è del popolo che se lo
è ripreso in pieno giorno quando gli fu sottratto da vigliacchi che per
vergogna si muovono meglio solo di notte. La forza di questa lotta sta
nella capacità di essere autonoma dai poteri istituzionali, sta nella
capacità di agire senza la tutela di sindaci o presidenti di comunità
montane a cui tutti i giorni, soprattutto oggi, chiede conto della loro
appartenenza a quelle istituzioni che compatte si sono schierate contro di
essa: Presidente della Repubblica, Parlamento, Governo, Regione,
Provincia, Comune di Torino. Chiede conto di un tavolo di trattativa che
ha il marchio netto della truffa. Questo popolo non ha bisogno di tutele e
di tutori, non certo di quei tutori del disordine statale che vorrebbero
soffocare con manganelli, processi e galera i gesti di libertà di coloro
che ieri oggi e domani nelle strade e nelle piazze gridano la loro
opposizione ad un sistema che rapina, distrugge, uccide. Giudici che hanno
sulla coscienza la morte di due anarchici morti in galera, poliziotti e
carabinieri ancora sporchi del sangue dei manifestanti di Genova che
agiscono come truppe di occupazione: questo è lo Stato nella Valle di
Susa, a Torino e in Italia. Non si tratta con gente del genere, la vita e
la libertà non sono oggetto di trattativa. Il nostro tavolo è la strada e
la piazza: ci provino lor signori ad arrestare la lotta di un popolo.
Tregua olimpica per far cosa? Per consentire a chi vuol portarsi via la
Val Susa di presentarsi come buon padrone di casa? Fermare i lavori fino a
maggio? Ma se comunque prima di allora non sarebbero davvero iniziati! Ma
chi vogliono prendere in giro? Oggi la gente della Val Susa, come ieri i
partigiani, lottano contro l'oppressione e la barbarie, contro l'uso dei
beni comuni a fini privati, contro l'interesse di pochi per la vita, la
libertà, la dignità di tutti. La loro lotta è la nostra, perché vogliamo
che ciascuno possa prendere in mano il proprio destino, decidendo in prima
persona, senza padroni e senza padrini. Senza i padroni del Tav, senza i
padrini della politica asservita ai grandi interessi dei soliti noti. Il
fatto è che i signori del TAV e i loro servitori, prigionieri della loro
sete di denaro e rapina, non si sono accorti che la loro storia è ormai al
tramonto, anche se, come tutte le bestie con le spalle al muro, sono più
aggressivi e pericolosi, terrorizzati dal senso della loro fine. È
iniziata un'altra storia, quella di un popolo che sa conquistarsi la
libertà ogni giorno, non solo in Val Susa, la storia di un popolo che
abbatte i recinti e le frontiere e sa camminare con passo sicuro e a testa
alta, senza padroni e tutori politici. Un popolo libero e vivo, quel
popolo che siamo tutti noi oggi!

Sarà dura!

I compagni e le compagne della Federazione Anarchica Torinese - FAI Corso
Palermo 46 - ogni giovedì dopo le 21,15
011 857850
338 6594361
fat@inrete.it


Da: Federazione Anarchica Torinese <fat@inrete.it>

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center