A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.39: Storace: nasci, consuma e muori. La vita innanzitutto

Date Mon, 12 Dec 2005 11:05:30 +0100 (CET)


In questi giorni siamo di fronte ad una immagine (finalmente!) di ferma
coerenza da parte del sempre presente ministro Storace.
Ancora non ci è chiaro per quale motivo un altro ministro abbia voluto
metterlo in difficoltà ma parleremo anche di questo quando ne sapremo
qualcosa di più. Per ora ci interessa mettere in luce come questo
ministro, bistrattato sempre più spesso dalle donne, sia, in effetti, un
uomo "tutto d'un pezzo". La recente vicenda sul latte per neonati della
Nestlè inquinato da Itx, rimasto sui banchi dei supermercati per mesi dopo
che si era accertata la presenza della sostanza inquinante, ci mostra una
somma coerenza. Se con la legge sulla procreazione assistita è stato
affermato che l'embrione è "uno come noi", perciò soggetto di diritto come
qualsiasi adulto è ovvia e naturale conseguenza che anche il bambino nato
deve essere "un consumatore come noi" perciò soggetto alle leggi del
mercato: essere inquinato, preso in giro, sfruttato.

Da tempo ci ricordano che il bambino non nato non è in grado di decidere
(ma, detto per inciso, neppure le donne, tanto è vero che libera scelta ed
autodeterminazione sono parole cancellate dal vocabolario). Ci ricordano
che è titolare di diritti (mentre la mamme hanno solo doveri, ma anche
questa è una inezia).

Per quale ragione al mondo, dunque, se l'embrione e il bambino sono
soggetti di diritti come gli adulti, devono sottrarsi ai loro doveri? E
quali sono i diritti ed i doveri di tutti: consumare, consumare,
consumare, possibilmente ad occhi chiusi.

Suvvia cosa sarà mai un po' di Itx nel latte dei bambini?

Comunque potrebbe, in futuro, rivelarsi un aiuto: presso le classi agiate
dell'antica Roma era molto diffusa la sterilità a causa dell'inquinamento
da piombo di cui erano fatti i contenitori di cibi e bevande. Il ministro
Storace impedisce l'aborto ma non si può certo dire che non faccia nulla
per la contraccezione delle future generazioni?

R.P.


Da Umanità Nova, numero 39 del 4 dicembre 2005, Anno 85
http://www.ecn.org/uenne

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center