A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Lettera di Tobia Imperato dal carcere di Torino

Date Tue, 2 Aug 2005 11:22:24 +0200 (CEST)


Cari compagni (maschi e femmine),
Non vi ho scritto prima perché solo ora sono riuscito a procurarmi carta
penna e francobollo.
Innanzitutto desidero ringraziare tutti coloro che ci hanno espresso la
propria solidarietà, e sono tanti (oltre a voi dell?Asilo, il Barocchio,
Radio Blackout, il Gabrio, l?LSO, il Laboratorio Zeta di Pianezza, il
Perlanera l?USI e la FAI di Alessandria, la Federazione Anarchica
Torinese, il Fenix, l?Askatasuna, i Murazzi insieme ad altre realtà
extra-Piemonte e a numerose individualità).
Io sto bene e le persecuzioni non otterranno altro scopo che quello di
ritemprarmi per continuare a lottare.

Non spreco parole per parlare del carcere, tutti noi sappiamo com?è.

Confermo, è peggio. Non ho intenzione di piangermi addosso. Quello che ci
è capitato è cosa di ordinaria amministrazione per quelli come noi che
inseguono il sogno di un mondo nuovo e praticano costantemente la rivolta
contro quello vecchio. Quello che fa rabbia è che i responsabili dei
nostri guai sono sempre gli stessi, gli assassini di Sole e Baleno,
promossi e ringalluzziti.

Giuseppe Petronzi che ha coordinato le indagini e le operazioni relative
al nostro arresto (sai che lavoro, un vero Sherlock Holmes, ha messo
insieme un po? di riprese e le false testimonianze dei suoi mastini).

Ricordo che quando ero in questura c?era aria di festa. I Digos, di
ritorno dal Fenix, col carrello della spesa contenente quattro bastoni,
sembravano un?orda di mercenari a cui il capitano avesse finalmente dato
il permesso di stupro.

Il PM Marcello Tatangelo, uno dei maggiori responsabili della morte di
Sole e Baleno (insieme al suo compare Maurizio Laudi) è colui che ha
condotto l?inchiesta contro di noi.

Come sapete, nel mio libro, "Le scarpe dei suicidi", non ho pesato le
parole, ma ho svelato senza mezzi termini tutte le loro montature, e da
ogni pagina veniva fuori a chiare lettere la loro qualifica di BOIA
ASSASSINI.

Evidentemente Tatangelo non vedeva l?ora di poter regolare i suoi conti
personali con me. Non mi fa paura. Mi dispiace solo che ci sono andati di
mezzo gli altri ragazzi miei coimputati.

Un barlume di coscienza e un minimo di dignità avrebbero preteso che lui
si astenesse dal portare avanti azioni nei miei confronti e passasse la
palla ad un altro magistrato, ma dignità e coscienza sono cose da uomini.

L?ho incontrato dal GIP, livido, tetro, bilioso, meschino, pronto a
ricorrere ad ogni piccolo cavillo pur di danneggiarci, anche se con
risultato minimo.

L?ho guardato negli occhi e mi ha fatto una profonda pena. In fondo sono
più felice io, rinchiuso in una fetida galera, forte del vostro amore e
della vostra solidarietà, con la coscienza di essere coerente con i miei
ideali e di non aver mai fatto del male a nessuno. Io posso guardarmi allo
specchio senza sputarmi in faccia, non ho mai fatto morire nessuno, io.

Tatangelo non mi spaventa minimamente. Lui, forte dei birri e del potere
che lo Stato gli da, non può fare altro (se trova dei complici che lo
sostengono) che lasciarmi a marcire in galera. Io sono più forte. Posso
smontare pezzo per pezzo le sue manovre e ricordargli pubblicamente le sue
colpe, senza nemmeno parlare, senza insultarlo, solamente ridendogli in
faccia. E il ridicolo lo seppellirà.

Ha avuto persino la faccia tosta di scegliere come data del nostro arresto
un anniversario doloroso per tutti noi, quello della morte di Carlo
Giuliani.

LO STATO UCCIDE, e noi continueremo a gridarlo, forte e sempre.

Spero abbiate ricevuto l?atto di accusa che vi ho fatto pervenire dove si
può vedere a quali livelli di schizofrenia Tatangelo ricorre per
suffragare le sue tesi.

Il corteo era stato indetto solo "formalmente" per protestare contro
l?aggressione al Barocchio, i manifestanti erano armati con "picconi e
spranghe di ferro", le fiamme della barricata erano alte "alcuni metri".

Noi siamo tutti responsabili di ciò che è successo dopo la carica perché,
quand?anche non ci fossimo messi daccordo prima, avremmo dovuto prevedere
che se uno di noi spingeva uno sbirro qualcun altro avrebbe potuto rubare
il gelato.

Nel suo insano livore chiede persino che, in caso di condanna, non ci
venga concessa la condizionale.

E? chiaro come il sole che sta approfittando del suo ruolo di magistrato
per risolvere le sue vendette personali nei miei confronti.

Tempo e fatica sprecati. Quelli come lui possono rinchiuderci ma non
riusciranno a fermarci.

SOLE BALENO CARLO vivono nei nostri cuori.

Ho saputo delle iniziative che state portando avanti, sono contento, non
date alcuna tregua. Svelate le montature e ridicolizzate i montatori.

Altro non ho da dirvi.

Il Fenix risorgerà dalle sue ceneri!

Un forte abbraccio a tutti. Sempre vostro per la lotta.

Saluti Ribelli.

NO PASARAN!


Tobia


comunicato tratto dal sito tuttosquat.
http://tutto.squat.net/

Per scrivere a Tobia:
Tobia Imperato
Carcere delle Vallette
Via Pianezza 300
10143 Torino


dalla mailing list di Contropotere

_______________________________________________
A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it


A-Infos Information Center