A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Milano: tredici lavoratori licenziati perchè extracomunitari

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Sat, 4 Sep 2004 22:36:12 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Gettatti sulla strada tredici lavoratori del settore pulizie dopo
tredici anni di servizio in una delle migliori scuole di Milano.
AL LEONE XIII NON VOGLIONO EXTRACOMUNITARI COME ADDETTI ALLE PULIZIE
L'Istituto "Leone XIII" ha disdetto il contratto di appalto per le
pulizie alla "Interservice" per affidarlo alla ditta "Speranza".
Secondo uno dei dirigenti della ditta che ha il nuovo appalto tutto
dipende dal fatto che "la dirigenza della scuola non vuole quei
lavoratori". In una Milano sempre più multietnica è possibile che
dodici lavoratori egiziani e una eritrea restino senza lavoro dopo ben
tredici anni di servizio per il semplice fatto di essere
extracomunitari? Parrebbe di sì. L'Istituto Leone XIII ha disdetto il
contratto di appalto per le pulizie alla "Interservice" per affidarlo
alla ditta "Speranza": il fatto non costituisce reato e sarebbe dunque
poco degno di nota se non fosse che la ditta subentrante, la
"Speranza", violando tutte le norme di legge e di contratto non si fosse
rifiutata di assorbire gli addetti che già lavoravano presso il "Leone
XIII".

Guido Trifiletti, segretario regionale CUB ha contattato la "Speranza"
per capire le ragioni e Massimo Manfredini, uno dei dirigenti della ditta
che ha il nuovo appalto ha fornito come unica spiegazione il fatto che
"la dirigenza della scuola non vuole quei lavoratori". "Ho naturalmente
contattato il Leone XIII e chiesto più volte di parlare con il dottor
Gulinatti per capire se questa affermazione di Massimo Manfredini
corrispondesse a verità, ma non mi hanno mai risposto - afferma Guido
Trifiletti - e quindi la FlaicaUniti CUB, insieme ai lavoratori, ne
deduce che le possibilità sono due: o questa è una scusa messa in campo
dai rappresentanti dell'Impresa "Speranza" per non farsi carico del
destino di 13 lavoratori e la dirigenza dell'Istituto non è coinvolta, o
si tratta di puro e semplice razzismo".

La FlaicaUniti CUB insieme ai lavoratori chiede alla dirigenza del LEONE
XIII di smentire l'affermazione di Massimo Manfredini e di
risolvere in modo positivo la vicenda dei 12 lavoratori egiziani e della
lavoratrice eritrea ingiustamente finiti sulla strada dopo 13 anni di
servizio. I lavoratori, insieme alla FlaicaUniti CUB, stanno in questo
momento (a partire dalle ore 15) presidiando l'Istituto per protestare e
ottenere maggiori informazioni e chiarimenti sulla
vicenda.

Per informazioni:
Guido Trifiletti - 338 4713789
Fabia Caporizzi - 349 1937558

Dalla mailing list di Contropotere




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center