A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) a fianco delle lotte degli immigrati

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Wed, 13 Oct 2004 11:34:30 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

A FIANCO DELLE LOTTE DEGLI IMMIGRATI
SVILUPPIAMO MOMENTI DI COLLEGAMENTO
FRA GLI SFRUTTATI
Domenica scorsa, il 10 ottobre 2004, il centro di Roma è stato nuovamente
attraversato da un grande corteo degli immigrati. Un corteo volto a
richiedere il rinnovo immediato dei permessi di soggiorno, ma anche a
contestare la complessiva politica sull'immigrazione di questo paese,
dall'infame legge Bossi-Fini all'esistenza - voluta, a suo tempo, dal
centrosinistra - dei CPT (Centri di permanenza
temporanea).

Ora, la manifestazione, che ha avuto una buona eco sui media ufficiali,
riconferma il dato già emerso nella piazza del 26 settembre. Ribadisce,
cioè, la determinazione delle associazioni degli immigrati a
lottare, senza fidarsi più di tanto delle promesse che vengono da figure
istituzionali (ad esempio, il prefetto Serra). Non solo: sia il 26
settembre che il 10 ottobre hanno visto la presenza massiccia, di
comunità che in passato non sono state protagoniste delle lotte degli
immigrati. Si pensi ai romeni ed ai cinesi. E' il risultato di un lavoro
capillare, che ha portato, nelle settimane scorse, a raggiungere - con
volantinaggi, megafonaggi ecc. - ogni luogo di ritrovo della Roma
multietnica.

E' il risultato, ancora, di un percorso capace di articolarsi in forme di
lotta volta a volta differenti - a seconda delle necessità - senza perdere
di continuità. Si pensi al presidio svoltosi per giorni e giorni a piazza
della Repubblica, che è diventata luogo di assemblea e punto di raccordo
per molte/i immigrate/i. E che ha tradotto la spinta, proveniente dal
basso, verso forme estreme di protesta nel lungo sciopero della fame
portato avanti da 4 rappresentanti delle comunità.

Di più, in un percorso articolato e complesso come quello sin qui
descritto, oltre a quelli già presi in considerazione, spicca un altro
elemento: l'istanza, ribadita in ogni assemblea (ed in primo luogo in
quella nazionale del 3 ottobre) di un'unità tra gli immigrati e i
soggetti sociali italiani colpiti dalla precarietà imperante, nella
consapevolezza che comune è la controparte.

Ora, proprio al fine di operare in questa direzione, con tutte le
difficoltà che ciò può comportare, una serie di realtà
dell'autorganizzazione, hanno dato vita ad uno specifico percorso. Esso,
ha per obiettivo la realizzazione di un collegamento stabile tra le
mobilitazioni degli immigrati, che, a partire dalla già citata assemblea
del 3 ottobre, stanno assumendo sempre più un carattere nazionale - come
dimostra il moltiplicarsi delle iniziative in diverse città italiane - e
le lotte che si verificano nei posti di lavoro, nei territori, nelle scuole.

Il primo avvio di questo percorso è stata l'assemblea dell'8 ottobre, che
ha portato, a due decisioni: quella di veicolare, con proprio volantino,
l'imminente occasione di piazza, e quella di partecipare alla stessa in
modo unitario, dietro lo striscione "con la lotta degli immigrati per
l'unità degli sfruttati". Il significativo risultato, anche in termini di
partecipazione, raccolto in quel momento, ci spinge a proseguire su una
strada senz'altro impervia ma tale da potersi rivelare, in prospettiva,
più fruttuosa di quelle tradizionali. Segnate, talvolta, da quella
pretesa di egemonia e da quella incapacità di riconoscere ciò
che si muove al di fuori dei propri schemi, che non sono state di certo
estranee, in passato, al modo di rapportarsi dell'antagonismo italiano
nei confronti delle mobilitazioni degli immigrati.

**********

Per questo, nella consapevolezza che si sta tentando una via nuova,
sperimentale, invitiamo chi, in questi anni, è sceso nelle piazze per
contestare l'ordine vigente e per opporre il suo fermo no alla guerra, a
partecipare al prossimo momento di discussione che si terrà

MERCOLEDO' 13 OTTOBRE,
alle ore 20, presso la
sede del Comitato di Quartiere Alberone
(Via Appia Nuova, 357).

I/le compagni/e per l?assemblea autorganizzata del 13 ottobre

AUTORGANIZZAZIONE DAPPERTUTTO!

Da: nikkiop@tiscali.it




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center