A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) FdCA: GLI SCIOPERI NECESSARI

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Mon, 29 Nov 2004 19:13:09 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

In tempi di sistema maggioritario, gli scioperi generali non fanno più
tremare il Palazzo né mandano a gambe all'aria i governi come ai bei
tempi del proporzionale. Poi, da quando governa il governo Berlusconi, di
scioperi generali, sia di categoria che di tutto il paese, se ne sono
fatti a iosa, tutti di carattere difensivo, nel tentativo di prevenire o
fermare la diffusione di metastasi come la Legge Biagi, la legge sulle
pensioni, quella sugli ammortizzatori sociali art.18 compreso, la riforma
Moratti; senza dimenticare le ultime 4 leggi finanziarie. Ma, nonostante
le migliaia di ore di sciopero e le centinaia di migliaia di lavoratori
in sciopero, le metastasi berlusconiane iniziano a recare i danni temuti
per le condizioni di vita dei lavoratori. Gli scioperi generali assumono
così una sorta di ritualità, mentre per le èlite politiche e sindacali
diventano occasione per la ricerca del consenso.

Scioperi inutili allora? Tutt'altro! Gli scioperi generali a cui i
lavoratori hanno partecipato con generosità, incuranti se ad indirli
erano i confederali o i sindacati di base, hanno avuto la funzione ed
ancora l'avranno di creare le condizioni per la sconfitta delle politiche
neoliberiste del governo della Casa delle Libertà, nei luoghi di lavoro e
nelle piazze prima ancora che nelle urne, come monito anche all'indirizzo
di paventate tentazioni neoliberiste da parte dell'Ulivo.

Per questa ragione salutiamo lo sciopero generale del 30 novembre
(indetto da Cgil-Cisl.Uil) e quello del 3 dicembre (indetto da Cub ed
Usi-Ait), pur su piattaforme diverse e nonostante la pessima prassi delle
date differenziate, come ulteriori passaggi di questo percorso in cui la
lotta dei lavoratori marca la distanza e la differenza di interessi tra
la classe lavoratrice vittima delle leggi e della politica del governo e
la classe al potere che le ha emanate. Noi da questa parte, voi da
quell'altra. I pontieri comunque ci sono: si annidano nell'Ulivo e nei
sindacati confederali e parlano con lingua biforcuta. Così come maligna è
la posizione di Confindustria che su questi scioperi generali oggi
specula per un indebolimento del governo Berlusconi.

Ma è enorme la massa di lavoratori in attesa di rinnovare i contratti e
gli esempi di autonomia espressa da tranvieri e metalmeccanici lo scorso
inverno sono lì a dimostrare che la stagione della concertazione ha ormai
dovuto cedere il passo al ritorno della soggettività dei lavoratori nelle
lotte per i rinnovi contrattuali. Si mobilita il Pubblico Impiego,
sciopera la Scuola, si mobilitano i lavoratori dei trasporti ed i
metalmeccanici, consapevoli che la posta in gioco non è solo salario ed
occupazione, ma anche dignità e difesa degli interessi di classe.

Anche gli scioperi categoriali per i contratti portano quindi il medesimo
segno di marcare l'inconciliabilità di interessi tra i lavoratori e le
politiche neoliberiste nel pubblico e nel privato. In una situazione in
cui il salario diretto e differito dei lavoratori dipendenti viene usato
per foraggiare il mercato finanziario e le riduzioni delle tasse per le
caste di potere che sostengono Berlusconi , cedono gli argini
dell'interclassismo di Cisl e Uil così come del post-riformismo della
Cgil, ed ai lavoratori non rimane che assumere l'iniziativa per la difesa
dei propri interessi di classe in modo autonomo ed auto-organizzato,
nella speranza che i sindacati di base non perdano tempo a stabilire chi
di loro deve avere l'egemonia.

E' in questo scenario che gli attivisti sindacali libertari ed anarchici
hanno il gravoso compito di saper coordinare le proprie forze perché
l'azione di lotta sia unitaria e radicata alla base nei luoghi di lavoro
e nel territorio, perché è il momento di sedimentare nuova coscienza di
classe, nuovo desiderio di riscatto sociale, voglia di democrazia
sindacale diretta, protagonismo nella contrattazione sul salario ed il
lavoro.

Novembre 2004

Commissione Sindacale FdCA

--------------------------
E' uscito il numero speciale di ALternativa Libertaria sugli scioperi.
Scaricalo da http://www.fdca.it/AL/novembre04b.pdf


Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca@fdca.it>





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center