A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova, n.38: Sciopero generale!

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Mon, 29 Nov 2004 11:55:17 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Che lo sciopero generale d'autunno contro, in particolare, la legge
finanziaria abbia dei caratteri, per certi versi, rituali è evidente.
D'altronde anche il movimento sindacale ha i suoi riti, i suoi momenti
identitari nei quali afferma le proprie posizioni generali e sarebbe
sciocco negarlo.
Per dirla tutta, dopo le giravolte giornalistiche d'estate su un autunno
caldo che, ad oggi, non si è visto, il clima comincia, se non a
scaldarsi, ad intiepidirsi.
Lo scontro, per la verità, viene determinato più dal governo che dai
lavoratori e le stesse operazioni che il governo compie sembrano dettate
più da valutazioni contingenti su cosa serva alla visibilità del capo del
partito di maggioranza relativa che dall'esistenza di un qualsiasi
progetto politico.

In concreto, dopo aver abbozzato sul taglio delle tasse, il nostro buon
Berlusconi decide che questo taglio s'ha da fare costi quel che costi. E,
visto che i costi li pagano sempre gli stessi, il suo Siniscalco ha già
ipotizzato blocchi dei contratti del settore pubblico e tagli
dell'organico.

Naturalmente, quando si parla di taglio delle tasse, a nessuno viene in
mente il recupero del fiscal drag e la detassazione sui beni di largo
consumo, le tasse da ridurre sono quelle dei ceti medio alti mentre i
servizi e i redditi da tagliare sono quelli dei redditi medio bassi.

In fondo, direbbe qualcuno, tutto si tiene, si taglia da una parte e si
recupera dall'altra.

Ma, visto che non si tratta di una burla, le forzature del governo stanno
determinando una focalizzazione delle tensioni sociali.

Già il 20 ottobre la CUB aveva indetto, in collaborazione con l'USI AIT,
uno sciopero generale per il 3 dicembre.
Lo sciopero del 3 dicembre si caratterizza su tre gruppi di obiettivi:

- l'opposizione alla guerra, alla legge Bossi Fini, al liberismo ed alla
concertazione. A questo livello si tratta di sciopero politico in senso
proprio e stretto;

- per i salari europei, la scala mobile per salari e pensioni, contro la
legge finanziaria e lo scippo del tfr. In altri termini viene posta al
centro la questione salariale;

- contro il pacchetto Treu e la legge 30, per lavoro stabile, per la
difesa dei servizi sociali. In sostanza si pone avanti la richiesta di
una serie di diritti sociali.

Si tratta di una piattaforma che, senza essere in alcun modo
rivoluzionaria, si caratterizza su contenuti non scontati.
L'opposizione alla guerra ed alla Bossi Fini, per fare un esempio, è
tutt'altro che scontata anche fra i lavoratori più combattivi.

Altrettanto condivisibile è la connessione forte che si pone fra politica
sociale della sinistra (pacchetto Treu sul precariato e Legge Dini sulle
pensioni per quanto riguarda la sinistra, Legge Maroni sul precariato e
riforma Berlusconi delle pensioni per quanto riguarda la destra).

La rivendicazione di forti aumenti salariali, infine, coglie un'esigenza
diffusa.

Detto ciò, si tratta di una piattaforma costruita sulla base di una serie
di mobilitazioni e che ne riporta la ricchezza e (perché negarlo?) i
limiti ma, comunque, di una piattaforma che è fatta propria da un settore
ancora di minoranza dei lavoratori.

Nel corso del mese di novembre, CGIL-CISL-UIL hanno deciso, a loro volta,
di indire lo sciopero generale e hanno scelto di farlo lunedì 30 novembre
scegliendo un giorno strano per lo sciopero generale che, di norma, si
svolge il venerdì per favorire le manifestazioni ed a ridosso del 3
dicembre.

Non sta certo a noi stupirci del carattere illegalista della pratica
delle burocrazie e dei governi. È , comunque, un fatto suggestivo che
CGIL-CISL-UIL abbiano serenamente violato la legge antisciopero che hanno
esse stesse imposte e che il governo - al quale tutti i somaroni di
sinistra attribuiscono una violenta ostilità verso i sindacati - non ha
osato imporre loro il rispetto della legge.

Il 30 novembre, su di una piattaforma per molti versi ambigua,
sciopereranno comunque molti lavoratori che intendono, mobilitandosi,
manifestare la propria ostilità per la politica economica del governo e
per la pressione padronale e sarebbe sciocco non leggere quest'esigenza
sociale.

Il 3 dicembre vi sarà uno sciopero da sostenere non solo per le esigenze
collettive a cui da voce ma anche per i caratteri della piattaforma su
cui si svolge.

Starà allo sviluppo dello scontro sociale l'affermarsi fra i lavoratori
di questo o quell'orientamento, per parte nostra si tratta di valorizzare
le tendenze più radicali che, fra mille difficoltà, si sviluppano sul
terreno dello scontro di classe.

CMS


Da Umanità Nova, numero 38 del 28 novembre 2004, Anno 84
http://www.ecn.org/uenne




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center