A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ TŘrkše_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Federazione Anarchica Reggiana: Anche a Reggio Emilia cresce la militarizzazione e la repressione

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Sat, 27 Nov 2004 14:41:32 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

A Reggio Emilia, al pari di ci˛ che sta avvenendo nel resto del paese, Ŕ
in atto un processo strisciante e pericoloso di segno autoritario, che
punta a chiudere la bocca a tutte le forme di opposizione, peraltro
estremamente pacifiche, ragionanti e nonviolente come costume del
movimento reggiano da sempre. Tali forme di protesta e di lotta,
nell'attuale contesto politico divengono intollerabili per una situazione
che rasenta il regime e che non trova un adeguato contrasto dalle forze
politiche che dovrebbero, per loro funzione, fare opposizione.
Questa realtÓ, ampiamente dimostrata nelle ultime vicende - dal corteo di
Mestre contro il vertice filo-NATO al pi¨ recente oscuramento del sito
web dei lavoratori precari RdB-CUB - che ogni dissenso, anche formale,
va fermato con qualsiasi provvedimento di carattere repressivo, rientra
in pieno nella logica governativa della militarizzazione dei cervelli e
della societÓ.

Le denunce a militanti del Laboratorio AQ16 per vilipendio alle forze
armate e le cariche pesanti ai danni dei manifestanti presenti a S.Polo
per la chiusura dell'Allevamento Morini, portano agli occhi di tutti,
anche a Reggio Emilia, questa volontÓ repressiva da parte degli apparati
governativi.

La FAI reggiana, denunciando questi ennesimi attacchi alle libertÓ di
pensiero e di azione, solidarizza con le vittime di questo atteggiamento
autoritario, che non si ferma neppure davanti a giovani, vecchi e
bambini.

Ricorda inoltre che per battere la repressione Ŕ necessario costruire una
mobilitazione permanente, dal basso e in termini autogestionari, che
coinvolga lavoratori, cittadini e precari e che investa il mondo del
lavoro, la societÓ e la cultura diffondendo una pratica di libertÓ e di
solidarietÓ.

Infine, la FAI reggiana, pi¨ che ipotetiche inchieste, ritiene che il
movimento debba muoversi in termini pi¨ concreti - piuttosto che
spettacolari - con contenuti che partano innanzitutto dal lavoro, dal
sociale e dalla cultura, perchÚ se non si trasformano gli assetti
societari a partire dalla loro centralitÓ difficilmente si potrÓ
contrastare questo disegno reazionario.

Reggio Emilia, 25/11/2004


FAI - Federazione Anarchica Reggiana

via Don Minzoni 1/d, Reggio Emilia
tel/fax 0522.541331
email berneri_re@yahoo.com

Dalla mailing list di Contropotere





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center