A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Sullo sciopero del 30

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Wed, 24 Nov 2004 13:40:27 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

A tutte le realtà sociali, culturali, sindacali, politiche
30 NOVEMBRE 2004: GIORNATA DI LOTTA E DI SCIOPERO GENERALE E
GENERALIZZATO L'UNIONE SINDACALE ITALIANA HA PROCLAMATO DAI PRIMI DI
NOVEMBRE LO SCIOPERO GENERALE PER COSTRUIRE UNA SCADENZA UNITARIA DI
LOTTA CONTRO IL GOVERNO E LA SUA LEGGE FINANZIARIA, ESTENDENDOLO
ALL'INTERA GIORNATA PER TUTTE LE CATEGORIE DEL PRIVATO ED I COMPARTI
DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI.
L'Unione Sindacale Italiana USI AIT, con nota dell'8 novembre comunicata
alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero del Lavoro, alla
Funzione Pubblica, ha formalizzato la proclamazione dello sciopero
generale e generalizzato per il 30 novembre, per l'intera giornata, per
le categorie del privato ed i comparti delle Pubblico Impiego.

Si è pensato così di dare continuazione alle lotte di questi ultimi mesi
che hanno visto in occasione del 6 novembre le strade di Roma invase da
decine di migliaia di precari, disoccupati, lavoratori autorganizzati.

Una giornata di sciopero generale unitario ci è sembrata la migliore
risposta da dare a questo governo, alla sua finanziaria, allo scippo del
TFR, alla non assunzione dei lavoratori precari, alla Legge 30, ai tagli
agli Enti Locali, alla Scuola, all'Università e alla Ricerca. Una
risposta forte richiesta da tutti i lavoratori e le lavoratrici, come
estensione del conflitto e di resistenza all'attacco portato avanti da
questo governo anche con le esternalizzazione e le privatizzazioni dei
servizi pubblici, i bassi salari...

La miglior forma di difesa è, per noi, l'estensione delle lotte, del
conflitto sociale, anche utilizzando lo sciopero generale già indetto dai
confederali ed estendendolo all'intera giornata, sia pure su una
Piattaforma sociale di lotta diversa.

Già in occasione del 14 novembre con lo sciopero unitario per la scuola
si è riusciti a dimostrare la forza di una opposizione reale e unitaria
(la maggior parte delle scuole è stata chiusa).

Oggi noi dell'USI, il movimento, gli autorganizzati ci opponiamo con le
lotte alle logiche neoliberiste, allo sfruttamento delle persone e della
natura, ad una logica di guerra e di dominio... per mantenere in piedi
quel sistema di diritti e garanzie individuali e collettive oggi messo in
forte discussione in tutta Europa, comprese (per noi) le libertà e le
agibilità sindacali e il diritto costituzionale di sciopero.

Per questo invitiamo tutte le strutture di base e di movimento, gli
studenti, i lavoratori precari e "garantiti", i disoccupati, a
trasformare la scadenza del 30 novembre in una giornata di lotta sociale,
in uno sciopero generale e generalizzato che veda manifestazioni, cortei
e presidi a livello locale con al centro le questioni dell'istruzione,
della scuola e della sanità pubblica, del salario/reddito sociale, delle
pensioni, della casa, contro la precarietà sociale che smantella ogni
discorso sulla "qualità della vita" e per una cultura di pace e di
autodeterminazione dei popoli, per il diritto di cittadinanza per
tutti/e.

L'USI AIT esprime ancora una volta, (dopo aver fatto molti inviti
all'autorganizzazione sindacale e sociale di percorsi unitari di lotta)
le sue perplessità nei confronti dei sindacati che hanno <snip>
[proclamato] scioperi generali svincolati dalle richieste fatte dai
lavoratori e dalle lavoratrici di unità, per il raggiungimento di
obbiettivi e percorsi comuni e solidali.

UNITI SI PUO' VINCERE, DIVISI SI FA IL GIOCO DI PADRONI E PADRONCINI.

L'USI AIT sciopererà il 30 novembre sulla sua Piattaforma rivendicativa
contrattuale e generale che ritiene comprenda le richieste che il
movimento ed i lavoratori precari e "garantiti" hanno espresso in questi
mesi e dà la propria disponibilità a costruire iniziative unitarie,
proponendo a Roma due presidi: uno alla Confservizi e uno a Montecitorio.

Piattaforma di lotta dell'USI per il 30 novembre: per finanziamenti
adeguati nella legge finanziaria 2005 a favore di enti locali e strutture
pubbliche competenti in materia di servizi sociali, sanità, ricerca e
istruzione, per misure legislative nazionali e regionali a sostegno di
disoccupati e precari con introduzione di forme di reddito sociale,
contro gli effetti negativi della "cartolarizzazione" degli immobili
pubblici e per il diritto alla casa per tutti, per opposizione alle
attività di esternalizzazione di servizi primari (sanità, istruzione,
trasporti, energia), per previdenza pubblica e copertura contributiva con
sistema retributivo e perequativo, per tutela utilizzo personale TFR.,
per opposizione alla guerra come soluzione dei conflitti internazionali,
per contrasto alla legge 30/2003, decreti attuativi e abrogazione legge
Bossi Fini, per opposizione ai decreti della "riforma Moratti"
sull'istruzione e l'università, per aumenti salariali adeguati a
contrastare il "carovita", per l'assunzione dei precari a partire dalle
P.A., per il riconoscimento dei diritti e delle agibilità sindacali in
forma pluralistica alle OO. SS.. di base e autorganizzate.

L'Unione Sindacale Italiana si rende disponibile a continuare la
costruzione di iniziative nazionali e/o locali sul modello della grande
manifestazione nazionale del 6 novembre contro la precarietà, la
finanziaria e per il reddito e ritiene opportuna la costruzione di una
grande assemblea unitaria di tutte le strutture di base e del movimento.


Segreteria nazionale generale collegiale confederale USI AIT


NOTA Le sedi sindacali regionali, gli sportelli di informazione e di
lotta territoriali, i servizi legali dell'Unione Sindacale Italiana sono
disponibili per lavoratori e cittadini per qualsiasi esigenza o vertenza,
anche tramite e-mail usiaitl@yahoo.com

U.S.I. AIT - Unione Sindacale Italiana
Confederazione di sindacati autogestiti e di federazioni intercategoriali
Segreteria Collegiale nazionale confederale
ROMA Via Iside 12 00184 Roma - Tel. 06/70451981 Fax 06/77201444
MILANO Via Isonzo 10 20136 Milano Tel. 06/54107087 Fax 06/54107095 UDINE
T. Cell. 347/4264674


Da: usiait1@virgilio.it





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center