A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova n.35: inform@zione

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Wed, 10 Nov 2004 09:48:35 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Milano: via Adda non si cancella!

Il 1 aprile di quest'anno con un grande dispiego di polizia, esercito,
vigili del fuoco, veniva sgomberato uno stabile occupato da quasi 2 anni
da famiglie rumene. (cfr. UN n. 13 2004). Una parte dei migranti venne
deportata in Romania, gli altri vennero portati nella fatiscente
struttura di via Barzaghi. In questi giorni sta circolando un appello a
favore dei migranti cacciati da via Adda. Riportiamo sotto il testo
dell'appello che è stato sottoscritto anche dalla Commissione
Antirazzista della FAI.
"Lo sgombero della palazzina occupata in via Adda, nel centro di Milano,
è stato un atto di violenza contro 300 lavoratori, disoccupati, donne e
bambini rom-rumeni, portato a termine da un'imponente operazione
militare, che ha coinvolto persino personale ATM e vigili del fuoco,
preparata da una battente e vergognosa campagna stampa.

Il risultato è stato quello di condannare per 10 anni alla miseria
oltre150 persone deportate in Romania senza poter verificare la propria
posizione in Italia; di spezzare interi nuclei familiari non riconoscendo
validi i matrimoni rom, di rimandare altre 200 persone nella favela di
via Triboniano permanentemente a rischio di sgombero.

Per i "regolari" invece, l'alternativa all'espulsione e alla casa di via
Adda è diventato il campo di concentramento di via Barzaghi, un luogo
senza luce, con bagni chimici senz'acqua, un rubinetto per 70 persone, un
muro di tre metri con filo spinato attorno, e un posto di blocco
permanente che impedisce l'accesso ai non autorizzati.

L'occupazione di via Adda ha fatto emergere, ancora una volta, il bisogno
assoluto di una casa a prezzi accessibili per chi vive solo del proprio
salario, e il problema di una legislazione razzista che costringe le
persone a dover difendere lo stesso diritto ad esistere, contro la
condizione forzata di clandestinità.

Problemi sociali profondi che non coinvolgono solo i rumeni di via Adda,
ma centinaia di migliaia di persone, in una delle città più importanti
d'Europa, e che quindi ci coinvolgono tutti. Nessuno infatti può sentirsi
sicuro se se riappaiono i fantasmi del passato insieme ad alcuni dei suoi
simboli più conosciuti: il razzismo, i lager, le deportazione.

Milano deve cambiare.

Per questo sosteniamo:

1) I diritto al ritorno per i 155 espulsi e la concessione di un permesso
soggiorno temporaneo a parziale risarcimento del danno subito.

2) Un netto rifiuto del nuovo lager costruito in via Barzaghi e la fine
immediata del suo regime carcerario.

3) La cessazione dell'utilizzo di categorie civili in operazioni
militari.

4) La cessazione degli sgomberi contro chi è costretto ad occupare
abitazioni e spazi abbandonati per far fronte all'emergenza casa."

Per inviare adesioni: viaaddanonsicancella@inventati.org
A cura di m. m.

------------------------------------------

Ferrovie 1: binari di morte

Da metà agosto, quando morì folgorato a Bologna un operaio di un ditta
d'appalto, le ferrovie sono state teatro di continui incidenti ferroviari
con morti e feriti. Una vera strage.

La semplice enumerazione dei principali incidenti fornisce un quadro
agghiacciante.
18 agosto – operaio della ditta Bonciani muore folgorato al Bivio vicino
alla stazione di Bologna Centrale.

13 settembre – un treno regionale di tipo TAF (treno ad alta
frequentazione) esce dai binari vicino a Cuneo, la capotreno ed una
viaggiatrice muoiono, i feriti sono 30.

22 settembre – dei carrelli per lavorare in linea della ditta Ventura si
scontrano con un treno merci di traversine ferroviarie della medesima
ditta, 2 morti e 5 feriti.

15 ottobre – per circa 3 ore un locomotore della Ditta Ventura ha corso
ad oltre 100 Km all'ora senza macchinista fra la Calabria e la Campania.

16 ottobre – un treno della linea Brescia – Parma a San Zeno ha travolto
un'auto ad un passaggio a livello, un uomo e due bambini sono morti, il
terzo è gravissimo.

18 ottobre – deraglia il treno metropolitano che da Palermo porta
all'aeroporto di Punta Raisi, 20 feriti.

Il sistema ferroviario è ormai al collasso. È la conseguenza delle
politiche dei vari consigli di amministrazione negli ultimi quindici
anni, politiche volte alla massimizzazione dei profitti a danno sia dei
lavoratori che dei viaggiatori: riduzione del personale, dei salari,
aumento dei carichi di lavoro, introduzione del precariato sono dietro
gli incidenti che funestano le cronache degli ultimi mesi. Il sistema
ferroviario è delicato e complesso: la sua sicurezza è dipesa per anni
dall'applicazione di regole e procedure che oggi sono poco a poco state
disattese. È significativo che un numero crescente di in incidenti
mortali avvenga tra i lavoratori delle ditte in appalto. Queste ditte,
pressate dalla necessità di ridurre i costi che viene scaricata su
lavoratori precari e ricattabili, finiscono con il far saltare ogni
regola di sicurezza, senza peraltro essere oggetto di alcun controllo.
In ferrovia le ragioni del profitto hanno preso il sopravvento. Spetta a
lavoratori e viaggiatori imporre quelle della sicurezza, della dignità
del lavoro, della qualità del servizio.

Ma. Ma. (fonte: comunicato della Cub trasporti)

------------------------------------------

Ferrovie 2: chi protesta viene punito

Trenitalia nell'agosto del 2003 inflisse dieci giorni di sospensione ad
un lavoratore di Genova, reo di aver espresso la propria opinione in una
lettera pubblicata sul quotidiano "Il Secolo XIX". Nella missiva il
capotreno Fabrizio Acanfora da un lato solidarizzava con gli utenti
costretti a sopportare ritardi cronici e gravi disservizi; dall'altro
difendeva propri colleghi del personale viaggiante, vittime da mesi di
una campagna denigratoria sulla stampa e quotidianamente valvola di sfogo
dei viaggiatori esasperati dal peggioramento del servizio.

Il prossimo 25 novembre inizierà preso il tribunale civile di Roma il
processo intentato da Trenitalia contro Acanfora. Si è nel frattempo
costituito un comitato di solidarietà che invita tutti a presenziare
all'udienza del 25 e a sottoscrivere un appello in favore del lavoratore
sotto accusa per aver espresso la propria opinione.

Per maggiore informazioni e per sottoscrivere l'appello scrivere a:
fabriziounodinoi@fdca.it
Ma. Ma. (fonte: comunicato del Comitato di solidarietà per Fabrizio
Acanfora)

------------------------------------------

Roma: Critical wine tra derive istituzionali e autogestione

Nei giorni 22-23-24 ottobre si è tenuta a Roma, nel CSOA Forte
Prenestino, l'iniziativa "Terra e libertà/critica wine", promossa da
diversi centri sociali, da associazioni del consumo critico, dal Foro
contadino e dalle riviste Libertaria e Deriveapprodi.

Lo spazio enorme e ben gestito del Forte, l'eterogeneità dei promotori,
l'attuale fase di scarsa chiarezza sulla reale portata dell'azione
capitalista ed autoritaria nel controllo delle risorse agroalimentari e
sulle possibilità e sui limiti dell'intervento nel settore ha fatto sì
che si svolgesse un evento interessante e contraddittorio.

È il caso di dire che si è svolto su più piani, spesso non comunicanti
tra loro o, addirittura, in stridente contrasto.

Nei sotterranei del Forte, l'esposizione dei vini e le degustazioni
presentavano realtà produttive meramente aziendali, volte alla promozione
di buoni vini per ricchi (visti i prezzi), neanche tutti da agricolture
naturali, affiancate a produttori orientati ad un rapporto equilibrato,
sia nelle attività sulla terra che nella formazione dei prezzi.

Nel piazzale sovrastante, vi era la presenza di associazioni e produttori
contadini, che, insieme ai prodotti, esponevano e comunicavano i loro
modi di vivere l'agricoltura ed il consumo critico. L'insieme era condito
da concerti, teatro, proiezioni video e da diversi tipi di dibattito.

L'assemblea proposta, la domenica mattina, dal foro contadino
"Altragricoltura" è riuscita a muoversi su temi generali come la
sovranità alimentare dei popoli e degli individui, i problemi della
biodiversità, l'attuale forma di dominio dell'agroindustria, la politica
agraria europea (PAC) ed il ruolo della ricerca scientifica e degli OGM.
Ricollegandosi alle conseguenze pratiche del degrado ambientale e del
dominio, ha contestato gli incentivi comunitari, che determinano una
formazione dei prezzi che, oltre a strangolare il sud del mondo, ha
favorito la chiusura di centinaia di migliaia di piccole aziende italiane
negli ultimi anni.

È stato proposta la creazione di un soccorso legale contadino.

Si è parlato anche di un problema specifico come quello dell'olio
d'oliva. Le nuove norme sulle etichette, infatti, favoriscono le aziende
transnazionali che importano grosse quantità di altri oli dall'estero, li
raffinano e li immettono nel mercato come "olio extravergine". Ciò
produce una caduta verticale della qualità dei benefici propri dell'olio
d'oliva, e conduce all'insostenibilità economica delle produzioni locali,
schiavizzando ulteriormente i contadini del sud con produzioni chimiche
destinate all'esportazione.
È emerso come tutto questo, insieme a molte altre cose, determini
ulteriori e più intense forme di dominio e sfruttamento, anche attraverso
la
criminalizzazione e la marginalizzazione dei saperi e dei prodotti
contadini in tutto il mondo.

Un simile quadro a tinte fosche vede però anche le possibilità di
resistenza, come la lotta al porto di Monopoli per impedire la
raffinazione di oli d'importazione e le iniziative intraprese dagli
agricoltori del levante ligure.


La difesa delle agricolture, naturali e popolari, è emersa come
necessaria per la ripresa di un conflitto sociale portatore di progetti
di liberazione.

Alcuni proponevano, paradossalmente, di ricercare garanzie istituzionali,
e questo rimandava ad approfondimenti prossimi sulle possibili
alternative, e sulla loro coerenza nei percorsi di liberazione, vista,
comunque, la buona partecipazione di realtà di produzioni etiche.

Gli altri momenti di dibattito sono state, invece, solamente delle
conferenze che lasciavano poco spazio agli interventi non concordati.

Ed è in questi ambiti che si è vista l'abilità linguistica di chi
presenta spettacolari montagne progettuali e partorisce topolini. Di
coloro che, criticando lo "sviluppo e le sue illusioni", propongono poi
la lunga marcia negli enti locali, diventando parte dello spettacolo
dominante, quello dell'attacco sfrenato alle condizioni di vita e di
autonomia di individui e popolazioni che il dominio capitalista vuole
normare e distruggere. La prospettiva di questi sembra essere quella di
diventare una nicchia per pochi, quasi una versione, impoverita, dello
slow-food.

Fortunatamente la presenza, nei tre giorni, di circa diecimila persone ha
dimostrate il vasto interesse per i temi trattati ed ha permesso, a
fronte di dibattiti scarsamente seguiti, la comunicazione diretta tra le
diverse realtà rurali ed urbane, attraverso momenti conviviali e di
confronto.

La buona presenza anarchica e libertaria ha permesso di evidenziare le
contraddizioni presenti e di sviluppare la comunicazione, attraverso il
confronto diretto e nei dibattiti, sui temi della sfera pubblica non
statale, del municipalismo libertario, del mutuo appoggio e
dell'autogestione.

L'incontro tra le realtà rurali ha evidenziato le potenzialità ed i
limiti delle situazioni e delle reti organizzate, definendo alcuni punti
di riferimento importanti per la comprensione della fase attuale, sia per
proseguire il confronto sia per le prossime mobilitazioni.

La capacità e la disponibilità al confronto da parte di CSOA ed
associazioni, soprattutto dell'area romana, ci permette di ragionare su
percorsi meno episodici relativi ai temi trattati.

L'emergere di differenze anche rilevanti, d'ordine teorico-strategico,
con alcuni dei promotori, evidenzia la necessità e possibilità di
pratiche alternative, con la comunicazione delle stesse nei diversi
ambiti dove si sviluppa il confronto, e con la pratica continua di forme
d'intervento sui nostri contenuti.

Enrico Ranieri



da Umanità Nova, numero 35 del 7 novembre 2004, Anno 84
http://www.ecn.org/uenne





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center