A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Iniziativa a Gradisca contro i CPT

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Tue, 2 Nov 2004 12:23:09 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Basta con il doppio gioco dei politici!
Basta con le provocazioni di Pisanu!
SEQUESTRARE IL C.P.T. è possibile!!
In questi mesi abbiamo assistito ad un continuo, unanime pronunciamento
di contrarietà alla trasformazione della ex Caserma "Ugo Polonio" di
Gradisca in uno dei famigerati C.P.T. (Centri di Permanenza Temporanea
per immigrati). La responsabilità ovviamente è dei politici felloni che a
parole si dicono contrari e nella pratica non hanno fatto alcuna
iniziativa tesa a contrastare l'arroganza del Ministero, oggi nella
persona di Pisanu.

Pisanu sa bene che in Friuli VG si fa quello che si vuole e per
dimostrarlo si prende anche gioco della popolazione dicendo che il CPT
servirà solo per cladestini del Nord Est. Ma vi rendete conto che ci
trattano come degli imbecilli??!!

Vediamo il quadro della situazione a Gradisca.

Cosa ha messo in atto l'ex Sindaco Fabris se non enunciare la frase
oramai di rito "Faremo come a Scanzano !"? In realtà poi pare che abbia
rettificato affermando che intendeva dire "Faremo come a Staranzano" cioè
un bel ordine del giorno di contrarietà in Consiglio Comunale e finita
lì.

Casa sta facendo il Sindaco Tommasin se non aspettare che qualcuno faccia
qualcosa? Ma è andato almeno a fare pressione all' ASL affinchè gli diano
una risposta sulla questione dell'amianto? O è ancora che aspetta?

Cosa fa Brandolin se non esercitarsi nella imitazione di Gerard Depardieu
e continuare con la fiction politica fatta di partecipazione ai cortei,
parole roboanti senza alcun riscontro pratico? Ha dato qualche ordine al
settore ambiente della Provincia per indagare sulle violazioni del
Decreto 471? Dimenticavamo che l'attuale Assessore Provinciale
all'Ambiente è quel tale Ing. Sturzi ben noto per aver brevettato la
"politica dello sturzo" consistente nell'infilare la testa (invece che
nella sabbia come lo struzzo)nei fanghi di dragaggio in modo da non
vedere niente neanche quando la toglie!

Ed infine cosa ha fatto Illy se non sparate demenziali come quella che il
CPT se lo prenda il Presidente della Regione Veneto, Galan il quale gli
ha risposto, "non sono mica mona tientelo tu".

Cosa aspettano i Sindaci dell'Isontino, il Presidente della Provincia il
Presidente della Regione ad andare in Procura a Gorizia a sollevare le
violazioni già denunciate con un esposto ambientalista presentato da un
nostro compagno, e far presente che ciò comporta il SEQUESTRO DEL SITO?

Crediamo che sia necessario che tutti ma proprio tutti (comitati,
associazioni, partiti, singole persone) sostengano pubblicamente questo
esposto e facciano pressioni CONCRETE sulla procura affinché la cosa vada
avanti.

In ogni caso per noi è chiaro che questo esposto è solo uno strumento per
bloccare la costruzione dell'ennesimo lager.

Una volta ottenuto il sequestro dei cantieri si apre una situazione
completamente nuova e non è impossibile imporre a Pisanu la ritirata.

Sabato 6 novembre in Piazza del mercato ore 10.30 a Gradisca
volantinaggio e comizio per l'immediato sequestro dei cantieri del CPT.


Coordinamento Libertario contro i CPT


Da: "Lino Roveredo" <alterlinus -A- libero.it>





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center