A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova n.15: Da Melfi a Baghdad - la guerra contro i poveri

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Wed, 5 May 2004 11:05:46 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

PER UN MONDO SENZA PADRONI
Per il mondo del lavoro in Italia, l'anno trascorso tra il I maggio 2003
e il I maggio 2004 segna uno spartiacque non eludibile. Il governo di
destra ha infatti portato a compimento quella radicale
(contro)riforma della legislazione lavoristica che si era proposto in
campagna elettorale e che va sotto il nome di rifoma Biagi, dal nome del
professore di diritto del lavoro che ne fu uno degli ispiratori e che è
stato ucciso da un gruppo che si presenta come epigono delle Brigate
Rosse. Merita ricordare che allo stesso gruppo è attribuito l'omicidio di
un altro professore di diritto del lavoro, vicino al centrosinistra,
D'Antona, tra gli ispiratori del Pacchetto Treu,
normativa che nel 1997 introdusse nel nostro ordinamento il lavoro
interinale.

Non può passare inosservato che nel nostro paese il ridisegno
legislativo del diritto del lavoro è stato benedetto dal sangue di
professori universitari, il cui martirio dovrebbe tappare la bocca ai
critici e ai detrattori del nuovo che avanza.

La prima considerazione politica da fare sul quadro che oggi presenta la
legislazione giuslavoristica è che essa non è il risultato di una perfida
macchinazione del capitale e dei suoi servi di destra al potere a danno
dei lavoratori subordinati, ma semplice formalizzazione dei rapporti di
forza nella società dopo un lungo percorso di
riappropriazione del capitale stesso del controllo sulla forza lavoro.
Controllo sulla forza lavoro significa disporre della stessa secondo le
esigenze della produzione, cioè secondo i tempi e modi della produzione
dettati dalle contingenze e dall'esigenza, ineludibile, di fare
profitto sempre e comunque. Lo spostamento di baricentro è chiaro. Al
posto di una società che pone al centro il lavoro, così come, con tutti i
suoi limiti applicativi, cercava di fare la Costituzione repubblicana del
1948 (art. 1 L'Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro; e
si leggano anche gli artt. 3, 4, 36, 41 della Costituzione), ci si offre
oggi un ordinamento giuridico dove il lavoro è mero fattore della
produzione utilizzabile come dove quando e quanto serve. La
condizione di lavoratore anziché fondamento della cittadinanza diventa
semplice strumento per procacciarsi il reddito di che vivere: da
cittadini a risorse umane. La precarizzazione delle condizioni per
procurarsi il reddito non può che tradursi in una soggezione a chi ha il
potere che determina un venir meno degli spazi di libertà e
partecipazione.

La pratica espulsione di una fetta rilevante di lavoratori dal circuito
democratico non desta scandalo né a destra (ci mancherebbe...) né a
sinistra. Da anni la leadership ulivista (Prodi, D'Alema, Rutelli e
corifei) teorizza e pratica la politica come mera conquista ed
esercizio del potere a prescindere. La cosiddetta sinistra non ha
neanche più un modello socialdemocratico di società da proporre, ma
naviga a vista annusando il vento delle contingenze. Oggi tira aria di
neoliberismo e allora potremmo scommettere che una sinistra tornata al
potere al posto di Berlusconi non abrogherà la riforma Biagi che
precarizza totalmente il lavoro e lo mette alla mercè del capitale,
invocando magari l'Europa o la mondializzazione dell'economia (e quando
mai l'economia, almeno dal XVI secolo, non è stata mondiale?).

Ma, come dicevamo all'inizio, l'attuale contingenza normativa fotografa
solo il rapporto di forza tra le classi. La classe lavoratrice ha perso
certamente per strada quei soggetti che si proponevano come suoi
istituzionali rappresentanti, nel senso che oggi degli interessi della
classe lavoratrice in quanto tale frega poco a tutti i partiti politici e
a gran parte di CGIL-CISL e UIL, soggetti autoreferenziali e votati al
tatticismo del momento (vedasi formali levate di scudi dei sindacati di
stato contro il governo della destra e firma di contratti collettivi a
perdere nell'ultimo anno). I lavoratori sono solo una parte di quel
mercato elettorale da catturare con spot accattivanti e offerte last
minute a quarantottore dalle elezioni. Per il resto che si arrangino.

Proprio questo smascheramento volontario dell'ipocrisia rappresentativa
(partitica e sindacale) può costituire un'occasione di
autorappresentazione di chi per vivere mette a disposizione altrui le
proprie energie in quello che giuridicamente si chiama rapporto di lavoro
subordinato. Dal riconoscimento di una comune condizione, la
subordinazione per procurarsi i mezzi di sussistenza, nasce la capacità
di proiettrasi all'esterno come soggetto collettivo. Passata la sbornia
secolare della conquista dello stato e del potere politico attraverso i
partiti rappresentativi o rivoluzionari, potrebbe essere ora per chi
lavora (bestemmiando) per vivere, di organizzarsi in autonomia contro
tutti coloro (padroni e stato) che sulle sue spalle campa e si
arricchisce.

La messa a nudo dei rapporti di forza nella società e nel mondo del
lavoro che questo anno ci ha regalato con la riforma Biagi ha solo fatto,
dolorosamente, chiarezza. Solo la solidarietà e la
ricostituzione di un tessuto comune tra sfruttati, potrà iniziare un
processo di riappropriazione di vita di tempo di dignità di ricchezza per
chi fatica quotidianamente. I lavoratori possono contare solo su se
stessi: e vi pare poco?

Simone Bisacca


Da Umanità Nova, numero 15 del 2 maggio 2004, Anno 84
http://www.ecn.org/uenne





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center