A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) FdCA: Alternativa Libertaria - 03/04: Padri provetti

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Sun, 28 Mar 2004 13:31:04 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Finalmente il parlamento ha varato la nuova legge sulla fecondazione
medicalmente assistita! Una legge fatta da uomini (parlamentari) per
proteggere altri uomini (i medici), per compiacere altri uomini (i
preti), per rassicurare altri uomini (quelli preoccupati dalla troppa
libertà delle donne). E, purtroppo, caldeggiata da donne, anche del
centrosinistra, che ammettono a mezza voce che... una legge comunque ci
voleva. Per proteggerci da noi stesse, evidentemente, val bene una legge
pur come questa, che ci ricaccia indietro di decenni gettando le basi per
disastri ancora peggiori. E già in questa legge, le donne non ci sono,
sono solo un corpo cavo per il contenimento di altro, "utili" alla
procreazione ma a patto che non credano di avere diritti nemmeno più sui
loro corpi.

Si comincia a limitare alle "malate" di infertilità fondamentali
diritti umani e di cittadinanza, ma è evidente che sotto il mirino ci
sono tutte le donne, il desiderio e l’autodeterminazione femminile,
secondo il vecchio sogno maschile di espropriare le donne del loro potere
riproduttivo (altro che invidia del pene). E che questa legge sia un
grimaldello per rimettere mano alla 194, la spina nel fianco del
fondamentalismo cattolico, o un regalo del nostro parlamento al papa per
compensarlo del mancato indulto, occorre uno sforzo per ricostruire
percorsi di donne capaci di riprendersi la parola e la sovranità sul
proprio corpo, trovando la forza nella solidarietà reciproca. Cercano di
regalarci una società in cui tutti uomini e donne siano sempre più
privati della propria libertà individuale, relazionale e affettiva. Ma
non basta appellarsi a una presunta "naturalità" per governare la
realtà, una realtà sempre più composita dove donne e uomini scelgono le
proprie modalità di relazione e di confronto. Al di là e alla faccia di
chi - non riuscendo a convincere neppure i propri seguaci - cerca di
obbligare tutte e tutti per legge ma in nome di dio.

Occorre dire NO, attraverso una prassi di riappropriazione della nostra
salute, per riconquistare gli spazi collettivi e le strutture pubbliche
come i consultori diventati
il regno dei medici obiettori dove avvengono violenze psicologiche e
fisiche sulle donne più deboli, le giovanissime, le immigrate, dove le
donne non trovano quello di cui hanno bisogno.

Se le donne oggi tacciono, è perché si ritrovano attonite
dall'arroganza e dalla
supponenza con cui destra e sinistra fanno mercimonio del loro corpo, e
incredule di fronte a un nuovo medioevo oscurantista a loro
prospettato. Ma è il momento di riprendere la parola, senza delegare i
medici a decidere del nostro corpo, neanche con la vecchia scusa di
difendere la nostra salute.

Occorre lavorare perchè le politiche neofasciste poste a difesa della
famiglia e della natalità, le misure reazionarie contro il
riconoscimento delle nuove realtà relazionali che di fatto,
costituiscono l'odierno tessuto sociale, non ci ricaccino nel
patriarcato, non riescano a mettere le sposate contro le single, le sane
contro le sterili, le normali contro le lesbiche, le native contro le
immigrate: le donne costruiscono relazioni tra loro che hanno sempre
permesso di aggirare divieti e proclami.

Sta anche a noi tornare a far diventare tutto questo POLITICA e ad uscire
dal silenzio.

(LD)

da Alternativa Libertaria, marzo 2004
foglio della Federazione dei Comunisti Anarchici

htp://www.fdca.it





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center