A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Israele-Palestina: NON NEL NOSTRO NOME! - Critical Mass contro il Muro dell'apartheid (en)

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Fri, 5 Mar 2004 18:55:27 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Una ventina di persone, tra anarchici e altri hanno fatto un critical
mass al centro di Tel Aviv oggi. Circa la metà dei partecipanti erano in
bicicletta con gli altri a piedi che distribuivano volantini lungo il
percorso. L'azione è conclusa quando abbiamo raggiunto la
manifestazione settimanale delle Donne in Nero.
Il testo del volantino:
Non nel nostro nome! Non con i nostri soldi!
Quanto ci costerà questa occupazione?
Tra ottobre 2000 e gennaio 2004 sono stati uccisi 2.376 palestinesi di
cui 445 minori, e 600 israeliani di cui 74 minori. Negli ultimi 3 anni,
più di 500 ragazzi sotti i 18 anni sono stati uccisi nella regione.
Questa violente occupazione israeliana, il progetto illegale della
colonizzazione (finanziato dal governo d'Israele dalle tasse), nonché le
atrocità contro la popolazione civile dei territori palestinesi occupati,
hanno causato un danno alla società civile israeliana che vive
all'interno della Linea Verde [le confine del 1967]. Le condizioni
terribili creano disperazione e frustrazioni e conducono alle azioni
estremi.

Così, il governo israeliano ha trovato una "soluzione": costruire un muro
di 8 metri e un recinto di filo spinato che crea una partizione tra le
popolazioni israeliani e palestinesi, ma in realtà il recinto non
soltanto ci separa dai nostri vicini... Il recinto, due volte più lungo
della Linea Verde è stato costuito ben al di là della Linea e separa
molti paesi dalle vicine città o da altri paesini. Separa gli abitanti
dei paesini dagli ospedali, separa i bambini dalle scuole, separa gli
abitanti dai loro campi di coltivazione e dai loro luoghi di lavoro.

Dal momento che viene finanziato dalle nostre tasse, la costruzione del
muro separa anche gli anziani dall'assistenza che spetta loro, separa i
bambini dal cibo e dall'istruzione, ci separa dalla nostra sicurezza -
causa il deficit. Ma soprattutto, il muro ci separa dalla pace, dalla
giustizia e dal benessere.

Il deficit?

Un terzo dei bambini vivono sotto la soglia della povertà. Oltre mezzo
milione di persone non hanno da mangiare in modo sufficiente. Oltre il
13% della popolazione della Striscia di Gaza soffre di malnutrizione
Oltre il 50% della popolazione palestinese della Cisgiordania e della
Striscia di Gaza è disoccupato.

Il costo del muro della separazione è circa $2,2 millioni per ogni
chilometro, un costo totale per il muro di circa 1 miliardo e 400
milioni di dollari. Ogni sciclo che va alla costruzione del recinto e ai
coloni significa uno sciclo in meno per l'alimentazione,
l'istruzione, la sanità e lo sviluppo.

IL RECINTO NON CI DA SICUREZZA! Il recinto serve per guadagnare
territorio e per espandere il progetto coloniale! NON NEL NOSTRO NOME!
Rivendichiamo il diritto di vivere con dignità e in sicurezza - un
diritto che spetta a noi e ai nostri vicini, i palestinesi!

E' importante enfatizzare che esiste un movimento non-violento di
palestinesi contro l'occupazione e contro la lunga assenza di
giustizia. Dobbiamo collaborare con loro nella lotta contro le atrocità
SENZA FAR MALE AGLI INNOCENTI e senza i muri! Una settimana fa, nel paese
di Biddu, i militari israeliani hanno ucciso 4 manifestanti e sono stati
feriti decine di persone durante un'azione di protesta
contro la costruzione del muro, un'azione unita di israeliani e
palestinesi.


[traduzione di ainfos]






*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center