A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: la parata dei disertori! foto e comunicato

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Fri, 4 Jun 2004 17:21:11 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Il 2 giugno, nel secondo anno della guerra permanente, Torino si è
vestita con i colori della guerra: le piazze e le vie del centro invase
da militari in pompa magna circondati da centinaia di poliziotti e
carabinieri intenzionati a mettere la museruola a qualunque
manifestazione di dissenso. Sin dai giorni precedenti le intenzioni erano
state chiare: tapparci la bocca. La Questura aveva vietato la
manifestazione - con inaugurazione del Monumento al disertore -
organizzata in piazza Castello per il pomeriggio del 2 giugno dalla
Federazione Anarchica Torinese. Ma non solo: anche tutte le altre piazze
del centro erano state dichiarate off limits per gli antimilitaristi.
L'Italia è in guerra e quindi non è ammesso criticare la parata degli
assassini che hanno invaso la città. Come anarchici ed antimilitaristi
abbiamo deciso che avremmo manifestato lo stesso: con i tempi ed i modi
che si sarebbero parsi più opportuni. Sin dalla serata precedente tutti i
monumenti militaristi della città erano presidiati da pattuglie di
poliziotti e carabinieri, mentre in piazza Castello, la sorveglianza era
attuata mitra alla mano. Alcuni di noi che quella sera attraversavano il
centro sono stati prontamente seguiti ed identificati dalle solerti forze
del disordine. Il 2 giugno per l'intera giornata la cappa poliziesca è
divenuta addirittura soffocante: elicotteri che sorvolavano la città,
polizia ovunque, la digos che sorvegliava la nostra sede, compagni
pedinati nei loro spostamenti. Nonostante ciò a metà pomeriggio un lungo
drappo ha coperto - per la seconda volta in due mesi - il monumento al
bersagliere in corso Galileo Ferraris, nel cuore della Torino militare.

Sotto il monumento la scritta "copriamo le vergogne del militarismo".

Contemporaneamente uno striscione blu è stato steso sul l monumento
eretto in piazza Crimea in ricordo della tragica spedizione coloniale
intrapresa dai prodi Savoia. Sotto al monumento la scritta "Savoia…rdi
nel caffelatte". Il militarismo nostrano mostra lo stesso volto oggi come
ieri. Il blitz è avvenuto di fronte alla Direzione Nazionale di Polizia
i cui piantoni non si sono accorti dell'incursione degli Antimilitaristi.

Più tardi il Monumento al Disertore ha fatto la sua comparsa in centro:
in barba ai divieti della polizia ha attraversato via Garibaldi, dove è
stato presentato alla cittadinanza con brevi comizi volanti. Al grido di
"diserzione! Diserzione! un gruppo di anarchici ha effettuato una sfilata
antimilitarista dietro lo striscione "Quando la patria chiama: rispondi
signornò". Il "Disertore" ha infine fatto capolino nella blindatissima
piazza Castello dove per qualche minuto è stato eretto di fronte ad una
folla un po' stupita di alpini e crocerossine. La cerimonia di
inaugurazione, prontamente intrapresa dai compagni che l'hanno
accompagnata con canti e slogan, è stata bruscamente interrotta dalla
Digos e dalla Celere in assetto antisommossa che hanno tentato di
sequestrare il monumento e lo striscione. Dopo qualche spinta e qualche
momento di tensione sono stati recuperati striscione e monumento e la
sfilata è ripresa scortata da presso dalla polizia. In tarda serata, a
degna conclusione di una giornata di informazione e protesta
antimilitarista, il "Monumento al Disertore" ha trovato propria
definitiva collocazione accanto al portone della "Scuola di applicazioni
militari". Siamo tuttavia certi che dopo questo movimentato esordio nel
centro di una Torino in tempo di guerra, tornerà prima o poi a farsi
vivo, per ricordare a questa città che c'è chi si oppone alla vergognosa
retorica patriottica con cui si copre il sangue degli uomini, donne e
bambini ammazzati in Iraq dai "nostri ragazzi". "Quando lo Stato si
prepara ad assassinare si fa chiamare patria". Contro tutte le guerre,
contro tutti gli eserciti!

Federazione Anarchica Torinese - FAI
3 giugno 2004



Di seguito il testo del volantino diffuso in città durante le iniziative
del due giugno.

La Questura vieta il centro agli antimilitaristi per il 2 giugno. Noi
senzapatria non ci stiamo: dichiariamo Torino città demilitarizzata.
Siamo tutti disertori!

Il 2 giugno, festa della Repubblica, che lo Stato italiano da ormai due
anni ha ripreso a celebrare con sfilate di assassini in divisa, in piazza
Castello avrebbe dovuto tenersi l'inaugurazione del "Monumento al
disertore". Ma per la Questura di Torino questo era inammissibile:
l'iniziativa andava impedita, perché a Torino come a Roma la libertà di
manifestare è solo una vuota dichiarazione di principio. Così il Questore
ha firmato il divieto di scendere in piazza contro il militarismo, contro
le parate di morte, contro le "missioni" italiane in Iraq, Afganistan,
Kossovo… Le piazze di questa città sono aperte per chi fa dell'omicidio
una professione, ma devono restare sigillate per gli antimilitaristi, per
chi si oppone a tutte le guerre, a tutti gli eserciti.

Ci dicono che occorre combattere il terrorismo e che per farlo bisogna
uccidere, bombardare, torturare, umiliare, asservire. In altre parole ci
dicono che ogni mezzo è lecito, che l'occidente è nel giusto e che quindi
ha il diritto/dovere di fare il gendarme del mondo. In due anni di guerra
permanente i morti si sono accumulati e la spirale di morte è divenuta
sempre più vertiginosa. Terrorismo e guerra hanno la stessa faccia: la
guerra è terrorismo, il terrorismo è guerra. Cambiano le divise, cambiano
le armi, ma sappiamo che Bush e bin Laden hanno la stessa faccia: la
faccia feroce dei fanatici disposti a edificare la propria gloria su
montagne di cadaveri.

Ci hanno raccontato che gli orrori di Abu Ghraib erano opera di poche
"mele marce" ma le bugie hanno le gambe corte: i rapporti della Croce
Rossa, di Amnesty International, di Humans Rights Watch dicono
chiaramente che l'abuso più feroce non è l'eccezione ma la regola. E non
solo in Iraq. Un paese dove soldati americani, inglesi, italiani sparano
sulle ambulanze piene di feriti, dove cecchini prendono alla testa due
fratellini di 5 o 6 anni. È accaduto a Falluja. Sta accadendo
probabilmente anche in questo momento e accadrà ancora in futuro che case
vengano rase al suolo da bombe a frammentazione, che i feriti muoiano di
setticemia, che una donna partorisca da sola al buio perché ai medici è
impedito raggiungerla. È accaduto, sta accadendo, accadrà. È la guerra.
La guerra senza aggettivi. Senza i belletti di cui la ammantano i
professionisti della penna, i cicisbei delle corti dell'Occidente libero
e democratico. Guardateli bene: i cecchini di Falluja, i bombardieri che
spianano le case e chi ci abita, la polizia militare che fa irruzione
nell'intimità delle abitazioni seminando il terrore indossano le stesse
divise, hanno gli stessi sguardi dei "mostri" ritratti nelle foto di Abu
Ghraib. Hanno le stesse facce dei bravi ragazzi che alzano il tricolore
in piazza Castello per la "festa" della Repubblica.

Le nostre città sono piene di monumenti che ricordano assassini in
divisa, gente che si è guadagnata una statua per aver ucciso, bombardato,
sgozzato, torturato, violentato. Queste sono le macerie sulle quali è
edificata la "civiltà".

Cancelliamo queste vergogne dalla nostra storia, dalla nostra memoria,
dal nostro futuro. Ogni 2 giugno ci vorrebbero plaudenti davanti alle
loro parate di morte, di fronte a chi chiama l'omicidio onore e le
frontiere che separano l'umanità patria. Ma noi non ci stiamo: abbiamo
disertato la loro guerra, stracciato le loro bandiere, sputato sulla loro
retorica da caserma. Sappiamo che gli eserciti sono criminali con o
senza il mandato dell'ONU: si muore in Iraq come in Kosovo. Abbiamo
scelto di essere uomini e donne di parte.

La parte degli oppressi, degli sfruttati, dei senzapatria, dei senza
religione. La parte di chi crede che non c'è pace senza giustizia.
Per questo oggi, nonostante i loro divieti, siamo ritti dinanzi a uomini
armati che credono che una bandiera ed una fanfara possano coprire il
lezzo dei morti ammazzati, degli iracheni morti sui ponti di Nassirija,
dei bambini cui è stato spezzato il futuro. Per questo erigiamo un
monumento in ricordo dei disertori di tutte le guerre, di tutti gli
eserciti. In ricordo di chi ha avuto il coraggio di dire no. Non in mio
nome, non con le mie braccia.

Federazione Anarchica Torinese - FAI
Corso Palermo 46 - la sede è aperta ogni giovedì dalle 21,15; mail
fat@inrete.it: tel. 011 857850; 338 6594361 www.federazioneanarchica.org

Foto a quest'indirizzo:
http://italy.indymedia.org/news/2004/06/561090.php


Da: fat@inrete.it




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center